0-1: l’Italia è stata eliminata dal Mondiale per la seconda volta consecutiva

Nonostante abbia giocato le semifinali di Repechage in casa, in una partita e contro l’avversario più debole a priori

L’italiana salterà per la seconda edizione consecutiva il Mondiale, Qatar 2022, dopo aver perso contro la Macedonia del Nord (0-1) con il gol scontato di Trajkovski in una partita dominata dagli azzurri fin dall’inizio ma dove non sanno come sfruttare le loro opportunità. Disastro in Italia. Pochi pensavano che la Macedonia potesse sorprendere gli attuali campioni d’Europa, dati per scontati nella finale contro il Portogallo. Gli ‘Azurra’ hanno dominato il match ma non sono bastati per evitare un’altra storica eliminazione dove non hanno potuto con una squadra che ha tirato due volte tra i tre bastoni.

L’Italia passa in vantaggio nel primo tempo. Semplice e senza sforzo, la linea difensiva ha trovato un centrocampista, che ha spostato la palla da una parte all’altra contro la Macedonia del Nord bloccata in difesa, ma che ha lasciato spazio per combinare e che aveva un piano d’attacco chiaro: un rapido contropiede. Il terzino sinistro italiano Emerson Palmieri ha ricevuto la prima avvertimento con lo stivale, con i primi cinque minuti non finiti, nella porta detenuta dal portiere del Rayo Vallecano Stole Dimitrievsky, ma il suo tiro non è riuscito.

Il trio di centrocampo Barella, Jorginho e Verrati si aggira libero allo Stadio Renzo Barberi di Palermo (Italia, sud). Cercavano costantemente di deviare la difesa e sono stati in grado di filtrare la palla su Imbole, Insigne e Berardi, che hanno messo in pericolo in attacco. A tal proposito Berardi è il campione italiano offensivo, ma è anche quello che ha sprecato di più il primo tempo. L’attaccante, che gioca nel Sassuolo, non ha segnato dopo essere stato premiato dal portiere macedone con un passaggio sbagliato che ha lasciato solo Berardi in attacco, con il portiere fuori posto. Ma il colpo è stato basso e impotente, il che ha dato a Dimitrievsky abbastanza tempo per recuperare la sua posizione e resistere.

Immobile ci ha provato nella partita successiva, nel migliore dei minuti dei locali, ma si è scontrato ancora una volta con il muro macedone, che ha liberato un corner, uno dei sei che l’Italia aveva realizzato nel primo tempo, su 16 rimbalzati per tutta la partita. . L’Italia ha dominato e la Macedonia ha reagito. La Macedonia ha avuto due occasioni, e ne è riuscita solo a finire una, nell’unico tiro tra i tre pali nel primo tempo per gli ospiti. Il difensore centrale di oggi Mancini ha controllato male la palla in quella che è stata l’unica battuta d’arresto ‘azzurro’, ma Florenzi ha risolto l’errore di un compagno di squadra con un fatidico taglio dal limite dell’area.

Il secondo tempo inizia con lo stesso copione. Berardi, in buona forma, guida l’attacco, ma Dimitrievski è sempre apparso. Verrati è stata la chiave per l’Italia per trovare spazio nel dramma. Il centrocampista del PSG brilla in partita, e filtra per Berardi che, al limite del tessuto macedone, gira abilmente ma colpisce alto con il suo povero piede.

Il rapporto Verrati-Berardi prende piede e si fa più chiaro, ma il gol viene smentito. L’uomo del Sassuolo non ha potuto che fare i complimenti al compagno quando ha trasformato il suo tiro da piccola area sul passaggio di Verrati. La Macedonia ha provato ad affidarsi al genio di Bhardi, ma non ha fatto abbastanza contro un italiano ben piantato in difesa.

Il tecnico italiano, Roberto Mancini, era disperato in panchina, guardava i minuti che scorrevano e il gol non arrivava mai. Le partenze di Raspadori e Pellegrini, autore di nette occasioni a cinque minuti dalla fine, hanno dato una ventata di freschezza all’Italia che ha continuato a dominare la partita. I fantasmi dell’estate 2018 hanno cominciato a sorvolare lo stadio del Palermo. La fine si avvicina e la partita va ai tempi supplementari. L’Italia non è riuscita a superare la formazione macedone, difesa dai giganti Dimitrievsky, che è stata premiata con un tempo scontato con uno splendido gol da fuori area.

Aleksandar Trajkovski blocca il gioco con un potente tiro da fuori area che va molto vicino al palo destro di Donnarumma, che non riesce a schivare. La Macedonia è celebrata come mai prima d’ora, l’Italia sprofonda nel suo peggior incubo mentre protesta timidamente contro la mano inesistente del marcatore, rendendosi conto della grave battuta d’arresto in cui si trovava. Mancavano tre minuti alla fine e l’attaccante del Cagliari Joao Pedro sfiora il pareggio. Ma non era quel giorno. L’arbitro francese Clement Turpin ha fischiato la fine della partita e dell’Italia in questo 2022. Le ‘Azzurra’ restano fuori dai Mondiali del Qatar 2022.

SCHEDA DATI.-

Italia: Donnarumma; Florenzi, Mancini (Chiellini 89′), Bastoni, Emerson; Barella (Tonali 77′), Verrati, Jorginho; Berardi (Joao Pedro 89′), Insigne (Raspadori 63′) e Immobile (Pellegrini 77′).

Macedonia del Nord: Dimitrievski; Stefan Ristovski, Velkovski, Musliu, Alioski; Bardhi, Ademi (Ashkovski 58′), Nikolov (Spirovski 58′), Churlinov; Trajkovski e Milan Ristovski (Miovski 71′).

Arbitro: Clemente Turpin (Francia). Ha mostrato agli ospiti il ​​cartellino giallo di Spirovski.

Obbiettivo: 0-1 (92′) Trajkovski.

Incidente: La partita, che corrisponde alle semifinali degli spareggi dei Mondiali del Qatar 2022, si è giocata allo Stadio Renzo Barbera di Palermo (Italia) davanti a quasi 36.000 spettatori.

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.