28 Europei del 2022: Il primo Draghi ma anche una greca

“Cosa accadrà ora che non c’è più? “Chi affronterà i problemi che si è lasciata alle spalle Angela Merkel?” Politico ha posto questa domanda ai suoi giornalisti con l’obiettivo di stilare un elenco annuale delle ventotto figure più importanti e influenti d’Europa per dare il benvenuto al nuovo anno. .

Il leader tedesco ha scelto di ritirarsi dalla politica, dopo sedici anni in cui ha assunto il controllo della più grande economia europea. Ma in un momento in cui “la sua assenza crea un vuoto al centro dei problemi politici europei, le azioni della Merkel arrivano ad esprimere lo stato della politica europea in vari modi”, ha detto Joshua Pozner, riferendosi a una crisi senza una soluzione duratura, a ” stabilità senza soluzione”.

Questo significa che Politico 28 – Classe del 2022 non è sicuramente una “lista di lodi, non si brinda per onorare chi ci appartiene”, sottolineano i suoi autori. Si tratta però di una lista che nello specifico “rivela” in termini di cosa nascerà nell’era post-Merkel, ma anche chi e chi avrà maggiori probabilità di avvantaggiarsi o perdere, determinando al contempo gli sviluppi in questa nuova era. , molto fluido nel panorama politico odierno.

Come negli anni precedenti, le persone di Politico si dividono in tre categorie: Potenti agenti, Sognatori, che esprimono idee che determinano il dibattito pubblico e Agitatori. »(I bulli) capaci di cambiare gli sviluppi in modi inaspettati.

Problema incredibile

La composizione della lista di quest’anno riflette principalmente le sfide che non sono state affrontate a lungo termine dall’ex Cancelliere della Germania, come “l’unità monetaria, le nuove minacce, come la Cina, e quelle vecchie, come la Russia, la crisi climatica, rifugiati”, ha concluso Politico.

Un’indicazione della liquidità che ora prevale sulla scena politica europea è il fatto che solo quattro persone della lista corrispondente dell’anno scorso sono state incluse in quest’anno, che dovrebbe essere nuovamente dominato da alcuni dei leader e capi di governo più importanti d’Europa.

Tuttavia, includono anche investigatori di Internet, esperti di pubbliche relazioni, la moglie del primo ministro, membri del consiglio comunale che scendono in strada per affrontare il cambiamento climatico e astronauti. L’elenco include anche dissidenti che potrebbero rimodellare la posizione del loro paese in Europa se vincessero inaspettatamente le urne.

Il Paese con più rappresentanza, quattro in totale, è paradossalmente il Regno Unito, seguito da Francia e Germania con tre e Ungheria e Italia con due mentre un rappresentante ha anche Austria, Bielorussia, Belgio, Danimarca, Lituania, Moldavia, Nigeria, Polonia , Romania, Slovenia , Slovacchia, Spagna e Grecia.

READ  Italia – “Non invitate alle vacanze i non vaccinati” dicono gli esperti

Insieme formano un totale di ventisette, sedici uomini e undici donne, mentre in cima alla lista c’è “l’uomo più potente d’Europa”, ovvero la persona che più probabilmente colmerà, almeno in parte, il vuoto lasciato di Merkel.

tecnocrate politico

L’uomo più potente d’Europa dopo la partenza di Angela Merkel, secondo Politico, Mario Draghi, era un “tecnocrate politico” che ha preso il controllo della sua patria solo lo scorso febbraio, ma molti in Italia sperano già di tenerlo. In disaccordo con entrambe le parti, “Draghi governa l’Italia da tecnocrate”, offrendo parte del suo personale prestigio in un Paese che per anni all’interno dell’UE ha svolto un ruolo subordinato in termini di capacità.

Dopo la Brexit, l’Ue non ha una terza potenza in grado di stare allo stesso livello di Parigi e Berlino. Oggi, però, con Mario Draghi alla guida, “l’Italia ha un leader che può portare il Paese al centro delle vicende europee, perché la partenza di Angela Merkel le apre la strada per diventare, almeno di fatto, leader dell’Unione europea”. per quanto riguarda le questioni finanziarie”, ha spiegato Politico.

Infatti, se il presidente del Consiglio italiano riuscisse a stringere un accordo di cooperazione con il presidente francese Emanuel Macron e il nuovo cancelliere tedesco Olaf Solz, potrebbe emergere un “trio centrista che potrebbe cambiare radicalmente il modo in cui funziona l’Europa”.

Tuttavia, la nuova missione dell’uomo che nel 2012 ha fatto di tutto per salvare l’euro non è stata affatto facile. All’interno della sua patria, gli è stato prima chiesto di amministrare gli oltre 191 miliardi di euro che l’Italia riceverà in sovvenzioni e prestiti dal Fondo europeo di ripresa in cambio di una serie di riforme che Bruxelles vede e spera mettano il Paese su una traiettoria di crescita. .

Se ci riuscirà, Draghi potrebbe essere indicato in futuro come il “premier” che ha finalmente trovato la ricetta per liberare il Paese dalla crisi economica ultraventennale. “Ugualmente importante, dimostrerà l’efficacia della decisione dell’UE di emettere un legame comune con l’obiettivo di aiutare i paesi a riprendersi dalla crisi del coronavirus”.

“Generale senza esercito”

Il negativo per Mario Draghi a livello paneuropeo è il fatto che, non appartenendo a nessuno dei partiti in Italia, non appartiene a nessuno dei partiti politici europei e questo significa che è meno potente di quanto potrebbe essere. . “Era un grande generale, ma un generale senza esercito”, ha detto un diplomatico europeo a Bruxelles.

READ  PER NUOVI BENEFICI - Fosonline

Il tempo del presidente del Consiglio italiano, invece, è più difficile nel suo lavoro, perché non ha molto da fare. Le prossime elezioni nazionali in Italia si terranno non oltre il 1 giugno 2023 e al momento si ritiene improbabile che Mario Draghi vi partecipi, soprattutto senza che nessuno lo sostenga.

In Italia, intanto, i partiti di estrema destra, che stanno guadagnando terreno nei sondaggi d’opinione, stanno già minacciando di cancellare la loro agenda, e la situazione è ulteriormente complicata dalle voci secondo cui l’attuale presidente del Consiglio italiano sta assumendo la presidenza. “Questo posto, che corrisponde a un mandato di sette anni, deve essere ricoperto a gennaio. “Ciò significa che il parlamento italiano può scegliere tra Draghi che continuerà a governare il Paese per i prossimi mesi e Draghi che lo supervisionerà dall’alto per il resto del decennio”, ha riferito Potitico.

autori

Mario Draghi è seguito dai “facitori”, tutti al potere, e il primo tra loro è il (si spera) nuovo leader della Germania. “Olaf Soltz detiene la posizione più potente in Europa, succedendo ad Angela Merkel come cancelliere. Questo mette l’uomo che è stato ministro delle finanze tedesco negli ultimi quattro anni al timone della più grande economia europea. È stato chiamato, quindi, e alcuni sostengono che ha dovuto affrontare alcune serie decisioni che il suo predecessore ha evitato”, ha ricordato Politico.

Gli “autori” includono anche il presidente francese Emmanuel Macron, il presidente della BCE Christine Lagarde, il vicepresidente della Commissione per il clima Frans Timmermans, il ministro delle finanze del Regno Unito Risi Sunak, il primo generale europeo Lisaoura Caisa, il presidente della Corte di giustizia europea Kuhn Leinharts, il vicepresidente della Commissione sull’Inter -Relazioni istituzionali Maros Sefsovich e il presidente austriaco Alexander van der Belen.

idealisti

In cima alla lista c’è Anne Indalgo, la “rivoluzionaria borghese” che, da sindaco di Parigi, vuole trasformare la capitale francese in una metropoli davvero moderna, verde e sostenibile. Il fatto che non ci sia alcuna possibilità che si distingua (è settimo nel sondaggio con una percentuale del 4%) alle elezioni presidenziali del prossimo aprile, di certo non lo scoraggerà. Secondo Politico, infatti, la sua attenzione è già rivolta al lontano futuro, allo svolgimento delle Olimpiadi del 2024 nella città che controlla.

Il gruppo dei “Sognatori” comprende la maggior parte delle donne incluse nella lista Ventotto di Politico, per un totale di sei. Insieme ad Anne Indalgo, i sei sono stati completati dal presidente della Commissione Ursula von der Layen, dal sindaco di Atene Eleni Myrivilis, dal presidente moldavo Maya Santo e dal futuro primo ministro del Sindh che presto andrà alla Stazione Spaziale Internazionale per assumere il suo governo .

READ  La Spagna "rompe" l'Italia imbattuta (2-1) - Notizie - news
Greci in lista

In particolare per il “pioniere” (Apripista) come lo descrive lui, una donna greca che è inclusa nell’elenco delle persone più influenti d’Europa, Politico ha affermato per primo che “Eleni Myrivili offre all’Europa un assaggio di cosa seguire. Come capo di surriscaldando i servizi ad Atene, ha trovato un modo per salvare vite umane, poiché l’aumento delle temperature globali sta causando ondate di calore più grandi, più calde, più frequenti e più mortali. […] Come primo – e di gran lunga unico – membro del Consiglio europeo dedicato esclusivamente a questo tema, la sua nomina a luglio ha segnato il momento in cui l’adattamento ai cambiamenti climatici è stato istituzionalizzato politicamente a livello locale. […] Myrivili mostra anche quanta strada deve ancora fare l’Europa in termini di costruzione di istituzioni per affrontare gli effetti devastanti del cambiamento climatico. Il suo lavoro non fu solo la creazione delle autorità cittadine ateniesi. Fa parte di un progetto finanziato dall’Adrienne Arsht-Rockefeller Center for Resilience of the Atlantic Council, un think tank con sede negli Stati Uniti, che è anche dietro l’istituzione di un posto simile a Miami, in Florida.

Sovversivo

Ultimi della lista, senza necessariamente diventare meno influenti, sono i cosiddetti “bulli”, personalità che possono, nelle giuste circostanze, cambiare le regole del gioco, come ad esempio Donald Tusk, che ha scelto di lasciare Bruxelles e tornare nella natia Polonia, “con la missione di salvare l’Unione europea”.

In che modo l’ex Primo Ministro della Polonia e l’ex Presidente del Consiglio d’Europa hanno raggiunto questo obiettivo? Aiuta l’opposizione a vincere le elezioni, a liberare il Paese dal governo autoritario che è quasi permanentemente in conflitto con Bruxelles, riferisce Politico.

Tra coloro che potrebbero inaspettatamente scuotere le acque in Europa ci sono il direttore generale dell’Organizzazione mondiale del commercio Ngozi Okonzo-Jueala, fondatore del giornalismo investigativo Bellingcat Elliott Higgins, e il nuovo cancelliere tedesco Nicominer B , il governatore di Madrid Isabel Diaz Ayuso, il presidente UEFA Alexander Seferin , moglie del primo ministro britannico Kari Johnson e del presidente/dittatore bielorusso Alexander Lukashenko.

Seguilo Protagonista su Google News

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.