“Abbiamo un certo numero di coppie da testare durante la prossima Coppa delle Nazioni”, Henk Nooren

Sabato, in occasione del La Baule International Jump, la Federazione equestre francese (FFE) ha organizzato una conferenza stampa volta a fornire maggiori informazioni sul processo di selezione per i Campionati del Mondo che si terranno quest’anno, ma anche sul Mar Mediterraneo. Giochi di Orano e ovviamente i Giochi Olimpici di Parigi 2024. Questo è tutto il salto ostacoli.



Henk Nooren, allenatore e allenatore della squadra francese di salto ostacoli
“Ogni campionato, e soprattutto il Mondiale, è importante per i Paesi che vi partecipano. Stiamo vivendo quest’anno una fase di transizione visto che abbiamo perso tre quarti della squadra che ha partecipato alle Olimpiadi dello scorso anno?(Vancouver de Lanlore viene affidata a Pius Schwizer mentre Berlux e Urvoso du Roch vengono ceduti, ndr). Siamo stati costretti a costruire e integrare una nuova coppia per arrivare ad agosto con una squadra solida. Cercheremo di vincere medaglie, con l’obiettivo principale di Parigi 2024.
Abbiamo un nuovo partner, come Kevin con Visconti di Telman?(votato al Campionato Europeo di Riesenbeck, ndr)Bond Jamesbond de Hay che correrà il suo primo Gran Premio al livello 5* a La Baule?(che alla fine conclude con due errori, ndr)Cheppetta che ha vinto il Saut Herms Grand Prix, così come i Vikings?(da La Rousserie, ndr), che ha saltato di nuovo l’evento di 1,50 m. Abbiamo programmato di testare questi quattro cavalli nelle prossime quattro Coppe delle Nazioni. Lo stesso valeva per Simon Delestre, che possedeva diversi cavalli giovani, inclusi due cavalli di dieci anni e tre o quattro cavalli di nove anni. Sarà anche in grado di destreggiarsi tra loro durante la Coppa. Speriamo anche che Philippe Rozier e Le Coultre de Muze superino il traguardo?(sono stati eliminati al Gran Premio di La Baule, ndr)?e riponiamo vera speranza in Mathieu Billot e Baschung Courelle. Sono già alcune delle coppie che verranno testate durante la prossima Coppa. C’è anche Crosqel de Blaignac, il cavallo di Aurélien Leroy, che speriamo davvero. Ovviamente continueremo a fare affidamento su Mégane Moissonnier, che è ancora giovane a questo livello. Inoltre, in Francia abbiamo da cinque a sette cavalli di nove anni di alta qualità. Le introdurremo lentamente negli sport di alto livello e nel CSI 5*. Penso anche a Caracole de la Roque con Julien Paillard, un’altra coppia interessante con un grande potenziale. Per ora pensiamo che lo CSIO 5* di Roma, che si terrà tra due settimane, sia troppo difficile per cavalli di nove e dieci anni. Inizieremo nella Divisione 1 a Sopot, quindi abbiamo in programma di giocare tra i circuiti”.



“Non è facile affrontare un programma fitto di appuntamenti”

Sophie Dubourg, direttore tecnico nazionale
“Per quanto riguarda i Giochi del Mediterraneo, non siamo molto ottimisti. Devono svolgersi a Orano, in Algeria. Per ora, non esiste un’assicurazione sanitaria relativa al trasporto di andata e ritorno. Ci è stato detto che era una corsa in traghetto di trenta ore tra Orano e Marsiglia. L’Italia si è arresa, la Spagna probabilmente farà lo stesso, e aspettiamo notizie dalla Grecia. La FFE deve posizionarsi presso il Comitato Olimpico entro dieci giorni. Durante questo incontro, la Coppa delle Nazioni è un evento di 1,40 m. L’edizione finale, a Barcellona, ​​ci ha permesso di far crescere diverse paia. Inoltre, il delegato tecnico, Frédéric Cottier, era preoccupato per la pista. Questi Giochi del Mediterraneo possono essere una meta perché si tratta di una mini Olimpiade ed è interessante nella carriera di un pilota e anche di una coppia.
C’è anche il circuito della Coppa delle Nazioni, le cui semifinali si terranno quest’anno a Deauville, con il progetto di rendere permanente questo incontro, o addirittura di ospitare la finale. Avremo due turni di qualificazione a Madrid e Lisbona, che dovranno essere integrati in un calendario già ricco di tappe della Divisione 1 europea del circuito mondiale, e degli altri CSIO che invitiamo. douard Coupérie sarà a capo di questo circuito europeo, che potrebbe essere un grattacapo, in quanto vi è l’obbligo di includere almeno un pilota di età inferiore ai venticinque anni in ogni squadra. Abbiamo chiesto cinque o sei piloti, ma non è facile ottenere la loro disponibilità perché entrano in gioco tanti fattori. Non è facile affrontare un programma frenetico!”




Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.