Accuse di evasione fiscale: indagine su Booking.com

Booking.com-Apps

L’indagine in corso copre gli anni dal 2013 al 2019.


(Foto: dpa)

Genova Gli investigatori della Guardia di Finanza di Genova, nel nord Italia, stanno indagando su uno dei maggiori fornitori di prenotazioni di viaggi online per evasione fiscale a milioni.

Come confermato dalla polizia giovedì, si tratta della società con sede nei Paesi Bassi Booking.com. Secondo l’annuncio, la società è accusata di aver evaso l’IVA per oltre 150 milioni di euro tra il 2013 e il 2019.

Su richiesta, Booking ha confermato di aver ricevuto una segnalazione dalle autorità e ha annunciato che avrebbe collaborato con loro.

Secondo la loro stessa dichiarazione, gli investigatori avevano iniziato nel 2018 a ispezionare gli alloggi nell’area intorno a Genova, il capoluogo della regione Liguria. Risulta che Booking.com ha emesso una fattura senza IVA implementando una procedura di inversione contabile. Alla fine, questo ha portato Booking a non annunciare alcuna tassa in Italia.

Il miglior lavoro di oggi

Trova subito i migliori lavori e
notificato tramite e-mail.

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.