Accuse di razzismo contro Michelle Hunziker e Gerry Scotti

Se fai clic con il pulsante destro del mouse sul post di Instagram sopra, vedrai il post di Michelle Hunziker, che condivide con i suoi 4,9 milioni di follower tramite la sua funzione storia: l’ora esatta è sconosciuta. In esso mostra Odino, uno dei suoi cani, sdraiato al sole con gli occhi socchiusi. Ha scritto in italiano: “Buongiorno dal mio bambino nudo che ama il sole e sembra un cinese”.

Non è il primo caso di razzismo in uno show televisivo

“Diet Prada” contiene anche un post Instagram dello scrittore Louis Pisano, che nelle sue storie attira anche l’attenzione e commenta i programmi TV italiani. Secondo questo, una settimana fa c’è stato un caso di razzismo in uno sketch della trasmissione “Striscia la Notia”, che ha fatto divertire molto Hunziker e Scotti.

“Sono così stanco. Il mondo in questo momento è una grande commedia e un incubo riuniti in uno”, ha scritto una persona nella sezione commenti del post di Diet Prada. Inoltre, una persona ha detto: “Il fatto che siano così a loro agio nel farlo in diretta TV e anche ‘scherzando’ con risate costanti mostra che l’hanno fatto molte volte ed è un ambiente razzista, perché non c’è niente che li fermi. Pensano davvero di essere carini”.

Un utente ha spiegato: “Come persona che vive e lavora in Italia da dieci anni ed è sposata con un italiano, posso onestamente dire che l’Italia ha MOLTO lavoro da fare”. Un altro utente ha detto: “Come italiano, sono davvero imbarazzato”.

Scusa Michelle Hunziker

Ora ci sono le scuse dell’ex co-conduttore “Wetten, dass..?”. Ha pubblicato un video di un minuto su Instagram, con la didascalia “le mie scuse”.

“Sono molto dispiaciuto per quello che è successo. Mi impegno per un cambiamento positivo e sempre contro ogni tipo di discriminazione. Grazie per avermi ritenuto responsabile Diet Prada”, ha scritto. Infine, nel video, spiega che dice sempre alle sue figlie di scusarsi l’una con l’altra. Era quindi chiaro che ora si stava scusando.

“Mi scuso se ho offeso qualcuno. E mi rendo conto che viviamo in un’epoca in cui le persone sono sensibili ai propri diritti. Sono stato ingenuo”, ha detto. Fortunatamente, molto è cambiato oggi, è appena emerso un nuovo mondo più inclusivo. “Voglio assolutamente farne parte.” Ha anche spiegato che era la cosa più lontana dall’essere un razzista. “Gli stereotipi si insinuano nella tua vita di tutti i giorni senza che tu ti renda conto che è lì o potrebbe essere dannoso per qualcuno”. Sono diventati normali, ora devi imparare da tali incidenti. “Per favore, non odiare. Tutti commettiamo errori”, dice il 44enne alla fine del video. Molti utenti erano insoddisfatti di questo, parlando di false scuse, molti hanno scritto nei commenti che non si parlerebbe di un mondo più inclusivo se si potessero ancora vedere in televisione tali movimenti razzisti. Ancora nessuna reazione da parte di Gerry Scotti.

#StopAsianHate

Con l’inizio della pandemia di coronavirus che ha avuto origine nella città cinese di Wuhan, il razzismo contro gli asiatici o le persone con radici asiatiche è nuovamente aumentato notevolmente. Coinvolge sia attacchi psicologici che fisici. L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha sempre definito il virus il “virus cinese”. L’esperienza è stata condivisa online con l’hashtag #StopAsianHate per attirare l’attenzione sul problema. Di conseguenza, il razzismo anti-asiatico è più visibile in pubblico, ma la sua storia è lunga, centinaia di anni fa.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.