ACS offre 10.000 milioni per Autrostrade, la rete stradale più grande d’Italia | Economia

Il Gruppo ACS ha offerto ad Atlantia Italia l’acquisto della più grande rete autostradale del Paese, Autostrade per l’Italia (Aspi), per 10.000 milioni di euro. Il presidente dell’impresa di costruzioni, Florentino Pérez, ha inviato una lettera alla famiglia di imprese Benetton in cui sottolinea l’opportunità di accettare la sua offerta in quanto le due società sono già partner di Abertis. L’offerta dell’azienda spagnola supererebbe quella di un consorzio guidato dalla banca italiana Cassa depositi e prestiti (CDP), insieme a Blackstone e Macquarie, che valutano Autostrade a 9.000 milioni di euro.

Atlantia ha concordato con il governo italiano di vendere Autostrade dopo che il crollo del ponte Morandi di Genova nel 2018, gestito dall’Aspi, ha provocato la morte di 43 persone. Il dirigente, allora guidato da Giuseppe Conte, appena entrato in carica, ha minacciato la società di revocare la concessione italiana di pedaggio se la gestione della strada a pedaggio non fosse passata di mano.

Dopo diversi fallimenti, il disinvestimento deve ora essere dimostrato. Giovedì si è riunito il Consiglio Atlantico per analizzare la CDP e le offerte di finanziamento di Autostrade e quelle recentemente trasferite da ACS.

In una lettera pubblicata dal quotidiano tempo finanziario, Florentino Pérez ha sottolineato al management di Atlantia lo stretto rapporto che unisce le due società a seguito del successo dell’acquisizione congiunta di Abertis – di cui Atlantia possiede il 50% delle azioni più un’azione e la restante di ACS – e ha difeso che l’operazione sarebbe in linea con il strategia a lungo termine dell’azienda.

Ulteriori informazioni

Lo stesso presidente di ACS, infatti, ha riconosciuto a febbraio il proprio interesse a rilevare Autostrade, impegno che si è moltiplicato dopo che il gruppo ha ceduto parte della sua divisione industriale, Cobra, al gruppo francese Vinci per 4.930 milioni di euro.

Conosce profondamente tutte le facce della medaglia.

cliente

“Studieremo l’Aspi con tutto l’entusiasmo e speriamo di poter fare quel grande gruppo di concessioni autostradali”, ha detto Pérez in una conferenza con analisti e investitori questa settimana, nonostante abbia portato a termine l’operazione “in accordo con la volontà del governo italiano .”

A tal fine, nel suo primo processo, il presidente di ACS ha aperto la possibilità di entrare come partner del Governo o insieme ad altri azionisti rilevanti, nel caso in cui Atlantia respingesse l’ultima offerta avanzata dall’Esecutivo attualmente presieduto da Mario Draghi. , come è stato fatto molte volte negli ultimi mesi.

Tuttavia, se ACS non riceve risposta, Florentino Pérez ammette di aver ricevuto un’altra offerta finalizzata alla realizzazione di questo grande gruppo infrastrutturale. “Se è con i nostri amici italiani, felici, altrimenti lo faremo con altri interessati”, ha detto.

Draghi ruolo di governo

In effetti, uno dei maggiori ostacoli nel processo di vendita è la preoccupazione del governo che questa società diventi di proprietà di capitali stranieri. Tuttavia, il nuovo Esecutivo italiano guidato dall’ex presidente della Bce, Mario Draghi, non sembra preoccuparsi troppo di questa opzione.

Autostrade è la più grande concessionaria del Paese transalpino, con 3.000 chilometri di strade a pedaggio, possedute per l’88% da Atlantia. La società, che fa capo alla famiglia Benetton, ha rifiutato l’offerta finale di Cdp dello scorso febbraio e ha offerto alle concessionarie 7.900 milioni di euro di fondi.

Ora è probabilmente più ricettivo a una delle due offerte sul tavolo. Per ora, il fondo TCI, che possiede una partecipazione del 10% in Atlantia, accoglie favorevolmente l’offerta di ACS e incoraggia l’azienda a “esplorare professionalmente le opportunità per una combinazione di Abertis e Aspi”, secondo il quotidiano britannico.

Grande affare in tragedia con 43 morti

I vigili del fuoco lavorano attraverso le macerie di un ponte a Genova, Italia.AFP

L’Italia ha inaugurato il nuovo ponte a nord-ovest di Genova il 3 agosto 2020, due anni dopo il crollo del vecchio ponte provocando la morte di 43 persone, in una cerimonia che non includeva i parenti delle vittime che non desideravano partecipare al “carnevale”, e si incontrarono dieci anni dopo, domenica, nell’anniversario della tragedia.

Il 14 agosto 2018, sotto una forte pioggia, il ponte Morandi, intitolato all’ingegnere che lo progettò negli anni Sessanta, uno degli snodi chiave per gli scambi con l’Europa ma anche per le migliaia di turisti che lo attraversavano, è crollato trascinando decine di veicoli e uccidendo 43 persone, inclusi quattro bambini.

Due anni dopo, il processo è ancora pendente. Si stima che il risarcimento ai parenti del defunto possa raggiungere tra i 500 ei 1.500 milioni di euro, cifra inclusa nell’offerta anche da Autostrade.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.