Al crocevia della transizione energetica globale dovuta all’Ucraina

L’invasione russa dell’Ucraina ha invertito la transizione globale dai combustibili fossili alla lotta ai cambiamenti climatici.

Da un lato, la guerra sta rallentando il cambiamento e dando nuova vita alla “vecchia energia”, mentre in alcuni luoghi rafforza l’argomento secondo cui aggiungere più veicoli elettrici alla strada e installare ulteriori turbine eoliche e pannelli solari può aumentare l’indipendenza energetica. riportato da Bloomberg.

L’unica cosa certa e chiara è che senza i combustibili fossili della Russia, i paesi di tutto il mondo saranno costretti a fare scelte difficili su come alimentare le loro economie, mettendo la transizione energetica a un bivio.

“La preoccupazione è che ci concentreremo solo sui combustibili fossili, ma a lungo termine è in arrivo un buon sviluppo per la transizione energetica”, ha affermato Ethan Zidler, analista di BloombergNEF.

Le prospettive energetiche riviste saranno tra le discussioni previste durante l’incontro di due giorni BloombergNEF su energia, tecnologia ed economia che inizierà oggi a New York.

Carbonio

La fretta di punire la Russia abbandonando la sua fornitura di energia ha portato a un aumento a breve termine della domanda di carbone, anche se le prospettive a lungo termine sono cupe. Questa domanda ha spinto i prezzi a livelli record. Giorni dopo l’invasione russa dell’Ucraina, le preoccupazioni hanno innalzato il benchmark australiano per il carbone termico a $ 440 per tonnellata, cinque volte superiore rispetto a un anno fa.

Ma mentre l’aumento del consumo di carbonio è una battuta d’arresto nella corsa al clima, è anche vero che i gruppi di combustibili fossili più sporchi stanno lottando per aumentare la produzione per soddisfare questa domanda.

Benzina e petrolio greggio

L’aumento dei prezzi del gas ha costretto il presidente degli Stati Uniti Joe Biden a ordinare un rilascio senza precedenti di azioni petrolifere strategiche, una mossa volta ad alleviare i consumatori. Il suo governo – che ha cercato di accelerare la transizione energetica del paese – prevede anche di consentire l’espansione delle vendite di benzina con livelli di etanolo più alti del solito quest’estate.

Ma poiché la benzina raggiunge i 5 dollari al gallone, l’attenzione si concentra sulle alternative, che potrebbero essere un vantaggio per i veicoli elettrici, secondo Zindler.

Gas naturale liquefatto

Anche prima dell’invasione russa, l’Europa pagava alcuni dei prezzi del gas più alti al mondo.

Ora, nel tentativo di porre fine alla dipendenza energetica dalla Russia, molti paesi, come Germania, Lettonia, Estonia, Grecia e Italia, stanno cercando di sviluppare nuovi terminali di gas naturale liquefatto. Alcuni di questi potenziali acquirenti europei hanno recentemente incontrato società statunitensi di GNL a Washington e Houston.

Dall’inizio della guerra negli Stati Uniti sono stati firmati almeno 10 trattati, dando impulso a progetti per i quali le licenze federali erano sospese da diversi anni, anche se mancavano i contratti e i fondi per andare avanti.

Idrogeno

Poiché l’Europa cerca combustibili fossili a breve termine, la dipendenza del continente dal gas russo sta portando a nuovi impegni del valore di miliardi di dollari per l’acquisto di idrogeno a basse emissioni di carbonio. L’obiettivo è sostituire i combustibili fossili con l’idrogeno nelle costruzioni, nei trasporti e nel riscaldamento.

Anche prima dell’invasione russa, l’interesse per l’idrogeno stava crescendo, in gran parte a causa dei suoi evidenti vantaggi climatici. Ma la guerra portò a un’ulteriore accelerazione.

Energia solare ed eolica

Anche l’interesse per le fonti energetiche meno inquinanti è cresciuto, soprattutto in Europa dopo l’invasione russa. La crisi “ha messo in luce la fragilità delle fonti energetiche tradizionali”, ha affermato in un’intervista Jeff Waters, amministratore delegato di Maxeon Solar Technologies Ltd..

L’energia solare ed eolica è una delle fonti di elettricità più economiche, inoltre al giorno d’oggi è molto importante che non ci siano costi per il carburante.

“Raramente c’è un argomento più convincente per accelerare i nostri investimenti nelle energie rinnovabili, nelle fonti energetiche domestiche, nelle fonti di energia pulita, sia per le nostre dipendenze politiche ed economiche, ma anche per gli obiettivi del cambiamento climatico”, afferma Christiana Figueres. Ex segretario esecutivo della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.

FONTE: nuovo denaro.gr

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.