Alberto Valiente: “Speriamo di giocare i ‘play off’ e di essere promossi in Divisione II”

Viaggio da Pamplona a Majadahonda, con sosta a León. Più di 700 chilometri di navarreni hanno percorso Alberto Valiente, ‘Ruper’, (Pamplona, ​​​​8 febbraio 1996) dietro innumerevoli video di calcio e calcio. popolo navarreno Affronta la sua prima campagna come analista per Rayo Majadahonda, primo club RFEF, e ha davanti a sé una settimana speciale: affronterà l’Atlético de Madrid in Copa del Rey prima di accettare Tudelano in Liga.

Che settimana hanno davanti

– La verità è che siamo tra le nuvole. Dobbiamo affrontare la Copa del Rey come una partita in più, ma la sensazione che abbiamo è che sia una delle partite più importanti della storia del club. Quindi abbiamo un’emozione speciale, un’atmosfera che non abbiamo mai avuto, giocheremo in Wanda e l’atmosfera, a causa di ciò che circonda il gioco, lo rende non solo un gioco normale. È il gioco.

Vedranno la differenza di quello che è un club professionistico rispetto a uno semplice.

– Sì, l’abbiamo notato mentre parlavamo con l’analista. Hanno l’opportunità di utilizzare determinati programmi che dispongono di un numero di risorse che noi non abbiamo. Abbiamo un’app per ottenere i pezzi delle partite. E in questo puoi vedere la differenza quando scambiamo i file, perché la nostra registrazione è più semplice.

Com’è stata la tua giornata?

– Un po ‘pazzo. Il mio settimanale di solito inizia inviando un report sugli avversari che giocheremo questo fine settimana e unisco l’analisi della squadra avversaria il giorno successivo e completo il report sulla stessa settimana in dettaglio. Sono una settimana avanti rispetto alla squadra.

Durante l’analisi, quante partite di squadra hai visto?

– Ho provato a guardare la partita una volta. Non mi piace influenzare lo stesso gioco perché non mi darà più informazioni che confrontarlo con più giochi della stessa squadra. Prestiamo molta attenzione ai calci piazzati. Ho provato a guardare 3-4 partite, e da alcune ne ho guardate fino a 5, perché ci dà più informazioni che guardare la stessa partita. Confronti se l’approccio di una parte corrisponde all’altro.

Su cosa ti concentri maggiormente quando fai la tua analisi?

– In diversi schemi di gioco a livello offensivo e difensivo. Guarda il comportamento o la struttura di squadre e giocatori. Guardiamo alla struttura a un livello generale e cerchiamo di decifrare comportamenti specifici sulla falsariga di.

Per tutto questo, cosa ti ha spinto a dedicarti all’analisi?

– Che vado matto per il calcio. Gioco a calcio da quando avevo sei anni, mi è sempre piaciuto e quando ho deciso di concentrare la mia carriera su questo sport ho visto che mi piaceva la preparazione fisica, ma non era quella la cosa principale. Mi piace capire gli sport che guardo.

Che tipo di formazione hai?

– Ho studiato INEF a León, un master in sport e performance training a León, ma dove ho imparato di più è con altri allenatori, o con persone dedicate a questo. E alcuni corsi, come un formatore di livello 2 o uno specialista in analisi.

Quanto è importante la figura dell’analista? Di solito non un volto visibile €

– Questa è una figura chiusa, che è sullo sfondo. Questo è un lavoro molto sporco, nel senso che ci sono tante ore di video, che fanno detrazioni di €, ma è fondamentale, perché libera il primo e il secondo allenatore da tanto lavoro, che quotidianamente assecondate.

Prima hai menzionato la tecnologia. Credi che un giorno toglierai il lavoro all’analista?

– Credo che non se ne libererà, ma renderà il lavoro più facile, perché c’è una componente umana che è difficile da superare con l’intelligenza artificiale. La chiave è sapere come usarlo e credo che dovremmo continuare ad evolvere e adattare la tecnologia a ciò che potrei trovare interessante.

Siamo nel calciomercato €, che peso hanno gli analisti nelle decisioni del club?

– Condividiamo le informazioni con il dipartimento sportivo. Facciamo da tifosi, ma nel mio caso ho poche opinioni, perché questa è una questione esclusiva di direttori sportivi e allenatori. Ma conosciamo i giocatori di cui parlano perché a volte li analizziamo e commentiamo anche.

Parlando di € giocatori a livello RFEF Innanzitutto, a che tipo di lega ci si può iscrivere?

– Vai in Seconda Divisione in Francia o in Italia e poi in paesi di tutta Europa, dove ci sono squadre che giocano in competizioni europee e i loro giocatori hanno il livello per arrivare al tuo campionato. Norvegia, Islanda o Polonia hanno mercati interessanti. E ovviamente tutto ciò che la Seconda RFEF. In Africa è molto seguito in quanto non è stato utilizzato a livello di firme e il calcio africano ci darà qualcosa di cui parlare molto presto.

Quali sono gli obiettivi della squadra quest’anno?

– Passo dopo passo, perché le categorie sono nuove e consolidate, perché i livelli sono alti e tutto può succedere in qualsiasi campo. E speriamo di poter essere nei playoff e essere promossi in Division II.

Com’è il rapporto analista-allenatore?

– La chiave è che c’è molta comunicazione. Non devi parlare sempre con l’allenatore, ma quando ti chiede qualcosa, dovresti rispondere immediatamente. Con il mio Abel che fa da supporto, sto cercando di chiarire qualsiasi dubbio in poco tempo perché conosci le informazioni in anticipo.

Dopo la Coppa, il campionato torna con Tudelano. Quanto sei rimasto sorpreso dalla situazione in cui ti trovavi?

– È difficile iniziare in una nuova categoria con molti join e hai una pre-stagione per assemblare i pezzi e non è molto tempo. Devi avere un allenatore che possa essere plasmato e che ogni giocatore dia la sua versione migliore. Se dopo il primo risultato non si ottiene un punto che funge da cuscinetto, è difficile difendere l’idea ei giocatori finiscono per avere dei dubbi. Si cambia allenatore e si cambia dinamica. Alla fine ci sono tanti fattori e anche così penso che sia una squadra che dovrà lottare ancora tanto, perché non è facile giocare a Tudela e all’estero è una squadra che ha resistito a tante squadre.

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.