Altre conferenze GIORNALIERE

Verità! Il 18 aprile 2023 – cioè tra un anno – chi ricorderà la conferenza SYRIZA, che secondo vari articoli era “Giornata della democrazia”, ​​”Segnale per il cambiamento politico e sociale”, una conferenza che dichiarava che una nuova generazione è avanti rovesciare ” ? (titolo dalla prima pagina Left.gr, 18.4.2022) Ci sono decisioni della conferenza che i futuri scienziati considereranno importanti?

Uno dei compiti (toni in i) che hanno i commentatori è leggere gli articoli politici. A denti stretti e con grande coraggio scoprono e guardano indietro che “la morte vissuta dalla maggior parte delle persone non è un incidente, ma il risultato di un piano strategico messo in atto dal governo” (Efi Ahtsioglou) o “un partito che pensa, opere e lotte.” collettivamente e radicate nella società” (Mariliza Xenogiannakopoulou). Tutto questo va bene, e diciamo che l’olio è di alta qualità, ma niente dai pancake. Molto bello! Per rovesciare il governo. Cosa facciamo dopo? Forniamo un acconto, che – ricordiamo – andrà di ritardo in ritardo a non rimborsabile. Dopo;

Tanti incarichi, ma solo per questioni organizzative. “Il suggerimento è che la Kpu venga eletta immediatamente. e in questa direzione va il presidente di tutti i membri” (George Katrougalos), cioè un aumento dell’influenza elettorale. Anche le contraddizioni sono tante, ma sempre per questioni organizzative. L’incidente tra Tzanakopoulos e Tsakalotos al culmine della conferenza non è avvenuto si verificano o per il bene della vittoria o per la vittoria contro il neoliberismo a sei zampe; viene sconfitto ogni giorno con una maledizione. “Umbrella”, ha detto, “ha presentato un emendamento che richiede ai potenziali membri, oltre a registrarsi online tramite isyriza, passare attraverso l’organizzazione di appartenenza pertinente almeno una volta prima di presentare domanda. Tuttavia, al primo scrutinio, è emerso che molti delegati erano già partiti per le rispettive province e i risultati non potevano ritenersi validi” (“Kathimerini”, 18.4.2022).

Dire che SYRIZA ha ragione, questo è caratteristico di tutti i congressi, di tutti i partiti negli ultimi anni. Forse perché il leader storico del Partito Comunista Italiano, Enrico Berlinguer, aveva ragione, è stato triste vedere i partiti trasformarsi da rappresentanti ideologici di settori della società in violenti meccanismi di potere. E il potere, da conquistare e difendere, vuole trucchi forzati e, soprattutto, organizzazione.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.