ALTRE DOMANDE: Codex Azcatitlan – Almomento

Pablo Cabanas Diaz.

Il cosiddetto Codex Azcatitlan è un esempio di una nuova scrittura emersa a seguito dell’incontro tra l’antico sistema di scrittura mesoamericano e la nuova forma di scrittura europea. Il Codex Azcatitlán viene elaborato nella Valle del Messico verso l’ultima parte del XVI secolo, cercando di ripercorrere la storia del gruppo Mexica dalla partenza dal luogo di origine fino ai primi anni dopo l’invasione spagnola.

Come è successo con molti documenti pittografici messicani nel tempo, Azcatitlan è appartenuto a persone e istituzioni diverse in più di quattro secoli della sua vita; È possibile che appartenne prima a Fernando de Alva Ixtlilxóchitl, uno dei membri più importanti della nobiltà nativa coloniale, il pronipote di Nezahualpiltzintli di Texcoco e Ixtlilxóchitl.

Istruita e colta, Alva Ixtlilxóchitl si sarebbe distinta nel quadro politico e culturale dei popoli indigeni della Nuova Spagna dell’inizio del XVII secolo. Personaggio pubblico di rilievo, ha ricoperto la carica di governatore di Texcoco, Tlalmanalco e Chalco, nonché avvocato causale presso la Royal Court.

Tuttavia, parallelamente alle sue attività politiche, prosperò anche nel campo della storia, indagando diligentemente tutto ciò che riguarda il passato preispanico, dove raccolse una serie di codici, manoscritti e notizie dall’antico Messico, formando una raccolta di pezzi documentari . Sono molto ricco. Alla sua morte, i documenti di Alva Ixtlilxóchitl sarebbero passati a Carlos de Sigüenza y Góngora, uno dei grandi saggi barocchi del Messico, che a sua volta avrebbe ereditato la sua biblioteca dai Gesuiti messicani.

In qualche modo, una parte significativa del fondo dei gesuiti sarebbe stata successivamente acquisita da Lorenzo Boturini Benaduci, un italiano che si recò nella Nuova Spagna nel 1736 per gestire gli affari della contessa di Moctezuma. Boturini, colpito dalla ricchezza della cultura indigena, decise di scrivere una storia del popolo prima dell’invasione, che iniziò cercando tutta la documentazione possibile sull’antico Messico. In questo processo Boturini riuscì a formare una delle più importanti raccolte di documenti etnostorici che conosciamo.

A seguito di un malinteso con le autorità della Nuova Spagna sull’intenzione di Boturini di promuovere l’incoronazione della Vergine di Guadalupe, il viceré Pedro Cebrián y Agustín, conte di Fuenclara, ne ordinò la deportazione e la confisca della sua collezione di documenti. Dal 1743, questa collezione, formata di tasca sua e attraverso sette anni di sforzi ininterrotti, è stata protetta nella Segreteria della Camera del Viceré.

Ritornato in Europa e con l’obiettivo di recuperare i suoi preziosi documenti, Boturini annota dettagliatamente la collezione, che chiamò “Catalogo del Museo di storia indiana”, che inserì nelle sue Idee sulla nuova storia generale del Nord America. Nel catalogo cita il Codice Azcatitlan come: …Un’altra mappa su carta europea di 25 pagine, probabilmente tradotta da un’altra antica. Questo riferimento, fatto nel 18° secolo, sarebbe la prima registrazione ufficiale del documento pittografico che oggi conosciamo come Codex Azcatitlan.

È possibile che in un secondo momento il Codice abbia lasciato la Segreteria della Camera, poiché ci sono indicazioni che diversi altri studiosi di antichità messicani fossero in possesso del documento da tempo. In questo caso Mariano Veytia, Antonio León y Gama, che ha fatto una copia diretta del codice, e padre Pichardo, che lo ha anche copiato; entrambe le copie, come l’originale, sono protette nella Biblioteca nazionale francese, dove una copia di León y Gama si trova nel fondo messicano con il numero 90-1; appartiene a Padre Pichardo, con i numeri 89-3.

Quindi, verso la prima metà del XIX secolo, il codice sarebbe rimasto nelle mani di Joseph Marius Alexis Aubin, direttore della sezione scientifica del cole Normale Supérieure di Parigi, originariamente venuto in Messico per connettersi con l’antico Messico.

Secondo Boturini, il professor Aubin raccolse un gran numero di documenti e manoscritti originali, alcuni dei quali provenivano da note raccolte di studiosi italiani; Purtroppo nel 1840 Aubin portò tutta la sua collezione in Francia, dove la vendette a Eugène Goupil; alla fine del secolo la vedova di Goupil lo donò alla Biblioteca Nazionale Francese, dove è conservato ancora oggi nella sala dei manoscritti orientali; il nostro documento di interesse è registrato nella raccolta fondi messicana con il numero 59-64.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.