America ed Europa pronte a “nuove sanzioni” contro Mosca

America ed Europa pronte a “nuove sanzioni” contro Mosca

Gli Stati Uniti e l’Unione Europea ci sono riuscitiampio consenso sulla necessità di aumentare la pressione sul Cremlino, soprattutto attraverso l’applicazione di nuove sanzioniha detto il governo italiano martedì in ritardo.

Anche gli Alleati hanno concordato sulla necessità”per aumentare l’isolamento internazionale di Mosca“, ha affermato il governo in un comunicato stampa.

L’annuncio italiano è stato confermato dalla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen in un tweet:Inaspriremo nuovamente le nostre sanzioni contro la Russia“.

Questa posizione è stata presa durante un incontro virtuale dedicato all’attacco della Russia all’Ucraina tra il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e un alleato chiave degli Stati Uniti, in un momento in cui Mosca ha lanciato una nuova fase della sua offensiva.

La Russia espelle 36 diplomatici Ue

La Russia ha annunciato martedì l’espulsione di 36 diplomatici belgi e olandesi, come rappresaglia per azioni simili intraprese da Belgio e Paesi Bassi dopo gli attacchi della Russia all’Ucraina.

Lui 21 diplomatici belgi e 15 diplomatici olandesi, di cui 14 dipendenti dell’Ambasciata olandese a Mosca e un dipendente del Consolato generale olandese a San Pietroburgo (nord-ovest), secondo un comunicato stampa del Ministero degli Affari Esteri russo. Devono lasciare la Russia entro due settimane.

La Russia chiede a “tutti gli eserciti ucraini” di “deporre le armi ora”

Martedì la Russia ha invitato tutti i soldati ucraini a “deporre le armi” e gli ultimi difensori di Mariupol a fermare la loro “resistenza irragionevole”, un appello arrivato quando Kiev ha affermato che Mosca ha lanciato una grande offensiva nell’Ucraina orientale.

“Non tentare il destino, prendi l’unica decisione giusta, che è fermare le operazioni militari e deporre le armi”, ha detto il ministero della Difesa russo, parlando alle truppe ucraine. Ha anche promesso di “salvare vite” ai combattenti ucraini di Mariupol (sud-est) che stanno ancora occupando il sito industriale di Azovstal se si arrendono dalle 12:00 (09:00 GMT) di martedì.

La Russia afferma di aver effettuato dozzine di attacchi nell’Ucraina orientale durante la notte

La Russia ha annunciato martedì di aver effettuato dozzine di attacchi aerei e missilistici durante la notte nell’Ucraina orientale, mentre secondo Kiev l’esercito russo ha lanciato una grande offensiva nel Donbass.

“I missili ad alta precisione delle forze aerospaziali russe hanno neutralizzato 13 unità dell’esercito ucraino” così come il “concentramento” di truppe vicino alla città chiave di Sloviansk nella regione di Donetsk, ha affermato il ministero della sicurezza. Ha riferito di dozzine di altri attacchi missilistici e centinaia di bersagli di artiglieria nel sud e nell’est del paese.

“Purtroppo non c’è un corridoio umanitario” questo martedì

Martedì in Ucraina non è stato possibile organizzare corridoi di evacuazione per i civili, a causa del mancato accordo con la parte russa, e questo per il terzo giorno consecutivoha annunciato il vice primo ministro ucraino Iryna Vereshchuk.

“Oggi, 19 aprile, purtroppo non c’è un corridoio umanitario. Continuano le intense riprese nel Donbass
nell’est del paese, dove si sospetta che le truppe russe abbiano lanciato lunedì una grande offensiva, ha detto Vereshchuk su Telegram.

Zelensky annuncia l’inizio della “battaglia per il Donbass”

Lo ha annunciato lunedì il presidente ucraino Volodymyr Zelensky l’inizio dell’attacco russo all’Ucraina orientalealcuni dei quali sono nelle mani di separatisti filo-russi e dove si sono intensificati i combattimenti mortali.

“Ora possiamo dire che le truppe russe sono partite battaglia per il Donbass, che stavano preparando da molto tempo. Gran parte dell’intero esercito russo è ora dedito a questo attacco”, ha detto in un discorso trasmesso su Telegram.

“Non importa quanti soldati russi vengono portati qui, combatteremo. Ci difenderemo”, ha detto.

Attacco mortale a Leopoli

Almeno sette persone sono morte e undici sono rimaste ferite Nell’offensiva russa a Leopoli, le principali città dell’Ucraina occidentale sono di solito relativamente risparmiate dai combattimenti, affermano le autorità locali.

“Cinque potenti attacchi missilistici” hanno colpito le “infrastrutture civili”, ha annunciato su Twitter Mikhaïlo Podoliak, consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Gli ha detto il governatore regionale, Maksym Kozitsky quattro missili da crociera d’attacco, lanciati dal Mar Caspio: tre su infrastrutture militari e uno su officine di pneumatici, che ha provocato l’incendio. Tutti gli obiettivi sono stati “gravemente danneggiati”, ha detto.

Leopoli: distrutto un importante deposito di armi straniere, secondo Mosca

L’esercito russo ha affermato lunedì sera di aver distrutto con “missili ad alta precisione” un grande deposito di armi straniere recentemente consegnate all’Ucraina, durante un raid mattutino vicino a Leopoli.

Putin onora la brigata accusata di abusi a Boutcha

Il presidente della Russia lunedì è stato consegnato titolo onorifico di “eroismo” nella 64a brigata fuciliere motorizzato, che l’Ucraina accusa di aver preso parte ai reati commessi a Boutcha, vicino a kyiv.

Vladimir Putin ha firmato, secondo il Cremlino, un decreto che assegna il “titolo onorario di Guardie” alla brigata per “l’eroismo e la tenacia, la determinazione e il coraggio” dei suoi uomini.

Zelensky spera di ottenere lo status di candidato all’UE in “settimane”

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato lunedì di sperare di ottenere il suo paese “nelle prossime settimane” lo status di candidato dell’Unione europea (UE), ringraziando Bruxelles per la velocità del processo.

Video dell’inglese catturato (TV russa)

Lunedì la televisione di stato russa ha trasmesso un video di due prigionieri britannici, Shaun Pinner e Aiden Aslin, che affermavano di essere stati catturati mentre combattevano in Ucraina e chiedevano al primo ministro Boris Johnson di negoziare il loro rilascio.

I due uomini, dall’aspetto imbronciato, hanno chiesto di essere scambiati con Viktor Medvedchuk, un ricco deputato e uomo d’affari ucraino. vicino al presidente Putin e recentemente arrestato in Ucraina. Non hanno specificato chi li sta attualmente trattenendo, le truppe russe o i loro alleati separatisti a Donetsk, nell’Ucraina orientale.

kyiv dal canto suo ha pubblicato questo video dell’imprenditore in cui chiedeva di essere scambiato “contro i difensori di Mariupol e dei suoi abitanti”.

Ucraina orientale: la Russia entra nella Creminna

Le truppe russe sono entrate lunedì nella città orientale di Creminna, secondo le autorità locali, e sono finite sotto il fuoco ucraino nella vicina città di Rubizhne, secondo quanto riferito dall’AFP.

“C’è stato grande attacco di notte
da domenica a lunedì al Creminna, ha affermato sulla sua pagina Facebook il governatore dell’Ucraina nella regione di Lugansk, Sergey Gaidai.

“L’esercito russo è entrato lì, con una grande quantità di materiale bellico (…) I nostri difensori si sono ritirati in nuove posizioni”, ha aggiunto.

Martedì gli Stati Uniti e i loro alleati si incontrano

Presidente americano Joe Biden parteciperà a un incontro virtuale martedì dedicato all’attacco della Russia all’Ucraina, ha sottolineato la Casa Bianca, in un momento in cui Kiev ha confermato che Mosca aveva lanciato una nuova fase della sua offensiva sul Donbass.

Il presidente americano discuterà, “con alleati e partner” degli Stati Uniti, un elenco che non è stato divulgato, “il continuo sostegno all’Ucraina e gli sforzi per garantire che la Russia sia tenuta a rispondere”, ha affermato un funzionario della Casa Bianca. AFP.

Biden non ha intenzione di andare in Ucraina

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden non ha intenzione di andare in Ucraina a breve, anche se il suo omologo Volodymyr Zelensky vorrebbe farlo, ha detto lunedì la Casa Bianca.

“Non era previsto che il presidente andasse lì, permettetemi di ribadirlo”, ha detto la portavoce dell’esecutivo americano Jen Psaki in una conferenza stampa.

Il governo degli Stati Uniti sta valutando l’invio di un inviato a Kievma la Casa Bianca ha escluso per ora un viaggio ad alto rischio dello stesso presidente, per motivi di sicurezza.

Onu: discussioni per creare un “gruppo di contatto umanitario” in Turchia

Le Nazioni Unite e la Turchia stanno discutendo la formazione di un “gruppo di contatto umanitario” che unirebbe sul suolo turco – sotto gli auspici delle Nazioni Unite – Ucraina e Russia, ha annunciato lunedì un alto funzionario delle Nazioni Unite.

Mentre l’Ucraina ha risposto favorevolmente a questo approccio, la Russia, a cui è stata notificata la proposta all’inizio di aprile, non ha ancora annunciato la sua posizione.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.