Anche i capelli di Fuksu sono stati feriti durante il virus, ma non ha perso la sua ambizione di medaglia

La prima gara di Speed ​​Canoe Cup dell’anno si svolgerà a Račice da giovedì a domenica. Al via sarà presente anche l’olimpionico Martin Fuksa. Anche se i suoi ultimi preparativi sono stati leggermente interrotti dalla malattia virale, è andato tutto bene. “E sono sicuro di non aver perso la buona forma che avevo prima”, ha detto in una conferenza stampa prima dell’inizio della stagione.

Come ti stai preparando per la nuova stagione e quanto ne sei soddisfatto?

Lui è molto gentile. Ho iniziato l’allenamento leggero ad ottobre ea dicembre è stato in Turchia per due settimane. Ho iniziato l’anno con un ritiro a Livigno, in Italia, seguito da cinque settimane in Colombia. Il grande vantaggio è il clima caldo molto piacevole e la possibilità di allenarsi ad altitudini ideali. Per tutto il tempo cerco di ascoltare il mio corpo, quindi per riposare un po’. Lungo la strada ho conosciuto altri posti in questo paese interessante.

Puoi dire di aver trascorso cinque intere settimane?

Certo! Ero in un piccolo villaggio che era una zona turistica prima delle Olimpiadi dell’anno scorso. Mi piace lì, quindi voglio tornarci. In un ambiente tranquillo, nessuno ha rubato il nostro gruppo di cinque persone e sono stato in grado di portare a termine il mio piano di allenamento in pace. Tuttavia, ci è stato detto di alcuni luoghi in cui non ci era stato consigliato di andare per motivi di sicurezza, che ovviamente abbiamo rispettato.

Come ti si addice la dieta colombiana?

Il loro cibo normale è per lo più fritto, quindi potrebbero non essere i più sani e non ho trovato alcuna popolarità in loro. Tuttavia, troviamo sempre qualcosa di buono e ci godiamo anche l’ottima selezione di frutta e succhi.

Quando torni a casa, prendi una malattia virale. Come è segnato sul tuo modulo?

Si vedrà questa settimana su Račice (Sorridi). Mi sento molto bene, ma la malattia mi rallenta un po’. Non mi alleno da quasi una settimana e tutto il mio corpo, e forse i miei capelli, mi fanno male (risata). Ma forse ho bisogno di un po’ di riposo e non è vano dire che tutto il male fa bene a qualcosa. Peccato di aver dovuto saltare la corsa alle nomination per malattia.

Quali sono i tuoi ricordi delle corse a Račice?

Sempre molto buono. Voglio ricordare la meravigliosa Coppa del Mondo che si è svolta lì cinque anni fa. Mi ha solo infastidito il fatto che la strada che porta alla partenza fosse molto rocciosa lì, cosa che non mi è piaciuta della barca.

Sai già quale delle migliori canoe verrà?

Non lo so esattamente, ma secondo le prime informazioni ci sarà molta concorrenza. Ho deciso di correre sui 1000 e sui 500 metri, che è anche una settimana dopo per la prossima Coppa del Mondo a Poznan e per tutti i grandi eventi dell’anno. Mio fratello Petr ed io eravamo d’accordo che non saremmo tornati a Deblkanoi fino al prossimo anno, che è l’anno pre-olimpico.

E con quali idee o intenzioni sei entrato in questa stagione?

Sono sempre gli stessi, quindi sono medaglie. Questo vale anche per entrambi i campionati, sebbene i Campionati Europei di agosto a Monaco si svolgano appena nove giorni dopo i Campionati del Mondo in Canada. Quindi c’è da chiedersi quale impatto avrà su di noi questo piccolo salto temporale dall’estero verso l’Europa.

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.