Aumentano la “svolta” in SYRIZA Writer’s Journal

Dopo che la conferenza ei nuovi sondaggi hanno convalidato la riduzione del “divario” con le decisioni politiche della Conferenza di ND, vengono pubblicate i lavori sulle elezioni presidenziali e KE sono in corso. il 15 maggio Olga Gerovasilis: “Le minoranze sono sempre rispettate e il dialogo non si ferma mai”.

In un clima di euforia, per la conferenza ma anche per il nuovo sondaggio che ha visto la luce e che ha convalidato il ritaglio della vertenza con il ND, Koumoundourou è rimasto. Contestualmente, ieri, è stato ufficialmente pubblicato il testo delle decisioni politiche della conferenza, mentre ha già avviato i lavori il comitato elettorale prescelto per “condurre” le elezioni del 15 maggio, per il presidente e per il comitato centrale.

Per quanto riguarda il testo della decisione, si parla della situazione in Grecia e nel mondo, tenendo conto di tutti gli sviluppi geopolitici ma anche delle questioni critiche dell’epoca. In breve, copre tutte le questioni sociali e politiche di cui si occupa il congresso e rileva che l’obiettivo immediato del partito è vincere le prossime elezioni e formare un governo forte e progressista, che promuova i grandi cambiamenti e tagli che la società greca ha così ha un disperato bisogno. .

. Tzanakopoulos: “Il signor Mitsotakis, proprio perché ha ricevuto il messaggio, mostra chiaramente di essere in preda al panico politico, procedendo all’indecenza, che chiaramente non ci tocca”

EUROKINISSI / CONTARINIS GIORGOS

A livello di confronto politico, l’alto dirigente di SYRIZA-PS. ieri ha difeso il congresso e soprattutto parte dei dissidi e delle tensioni che sono sorti e che sono stati un elemento chiave della conferenza di sinistra. La segretaria del Comitato centrale, Olga Gerovasili, parlando allo SKAI, ha osservato, tra l’altro, che “nel nostro partito, però, c’è una norma democratica sostanziale, che rispetta la maggioranza ma non la rende tirannica alle opinioni del minoranza.

“Le minoranze sono sempre rispettate e il dialogo non si ferma mai”. Ha poi scagliato il “chiodo” al premier Kyriakos Mitsotakis: la democrazia nei partiti». ogni anno per ricordarci cosa evitare. Da questo miscuglio di tossicità, volgarità, populismo, tensione intollerabile”.

Anche il segretario del partito, Dimitris Tzanakopoulos, in un’intervista all’emittente radiofonica Sto Kokkino, ha commentato con decisione l’ironia del primo ministro. Parlando di una conferenza che ha inviato un “messaggio politico forte al popolo”, ha aggiunto che “l’onorevole Mitsotakis, proprio perché ha ricevuto il messaggio, mostra chiaramente di essere nel panico politico, continuando questa indecenza, cosa che chiaramente non hanno fatto. toccante”.

In Germania

Il quotidiano di sinistra tedesco Tageszeitung (TAZ) ha resoconti dettagliati delle risposte alla conferenza nella sua edizione online. In esso, tra l’altro, ha sottolineato: “A tre anni dalla sconfitta alle elezioni parlamentari, il partito di sinistra greca SYRIZA spera di tornare” e che “Tsipras non è solo il presidente di SYRIZA, ma anche la star indiscussa di SYRIZA partito emerso nel 2012 dall’alleanza elettorale”.

Confrontando persone e cose in Grecia e Germania, l’emissario della TAZ ad Atene ha osservato che “Tsipras è un eccellente oratore, che suona secondo l’umore del pubblico, forse paragonabile a Oscar Lafontaine o Josca Fischer nei suoi giorni migliori, ma senza il profondo intra- causa lo stesso. -polarizzazione del partito”. Ha anche affermato che il leader della principale opposizione “ha una possibilità realistica di tornare come primo ministro”.

L’articolo fa poi riferimento al rapporto di SYRIZA con la socialdemocrazia, sottolineando che “SYRIZA sta cercando di trovare un difficile equilibrio a livello europeo. Da un lato, vuole rimanere un membro della sinistra europea, dove i partiti politici sulla socialdemocrazia sinistra sono uniti.” Tsipras, invece, partecipa, come osservatore, alle riunioni dei partiti socialdemocratici europei”.

Secondo l’autore del testo, «questo è dovuto anche a un calcolo strategico: in caso di ritorno al potere, non si ritrova più isolato politicamente in Europa, come è avvenuto in primo luogo. I sentimenti sono reciproci e lo dimostra il messaggio in videocassetta di Enrico Letta, leader del Partito Democratico Italia, ma soprattutto del presidente del Consiglio portoghese Antonio Costa: “Anche il presidente del Consiglio socialdemocratico Pedro Sanchez porge i suoi saluti”.

A 5,3 punti di differenza con ND

La differenza di Nuova Democrazia rispetto a SYRIZA nel sondaggio Data Consultant per Dnews e il quotidiano “Peloponneso” era di 5,3 punti percentuali. Secondo il sondaggio sulle intenzioni di voto, Nuova Democrazia ha registrato una percentuale del 26,9% e SYRIZA con il 21,6%. La terza parte è PASOK-KIN.ALL. con l’11,2% e il quarto KKE con il 4,5%. La soluzione ellenica è stata registrata al 3,4% e al di sotto del limite del 3% su MERA25.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.