Bild: Perché Putin ha colpito Lavrov da dietro?

“È uno schiaffo pubblico al suo ministro per aver mentito?” Bild ha chiesto in un articolo le fughe di notizie da fonti israeliane, secondo cui Vladimir Putin si è scusato con il primo ministro Naftali Bennett per le false dichiarazioni del ministro degli Esteri Sergei Lavrov.

Quest’ultimo aveva affermato domenica scorsa su Rete 4 (di proprietà di Mediaset): “Potrei sbagliarmi, ma anche Hitler ha sangue ebreo”. Inoltre, sostiene, gli ebrei sono il “più grande antisemita”.

Martedì, il ministero degli Esteri ha fatto un ulteriore passo avanti, accusando Israele di sostenere il “regime neonazista a Kiev”. Il suo portavoce ha affermato che “mercenari israeliani” hanno combattuto al fianco di Azov.

Tuttavia, un nuovo colpo di propaganda da Mosca, che il leader del Cremlino, Putin, si riprende personalmente, se si crede alle dichiarazioni di Israele. Mosca non ha confermato le scuse, ha detto Bild.

Sia il primo ministro israeliano Naftali Bennett che il ministro degli Esteri Jair Lapid hanno protestato con veemenza, con quest’ultimo parlando di “una linea che è stata superata”. L’ambasciatore russo è stato convocato per “chiarire le discussioni”.

Il governo israeliano sta valutando anche l’invio di armi in Ucraina.

Questo sarebbe un punto di svolta nella sua politica nei confronti dell’Ucraina: sebbene il popolo israeliano fosse solidale con l’Ucraina, il governo ha adottato una politica cauta che ha dato la priorità ai propri interessi di sicurezza e non ha voluto far arrabbiare la Russia.

Vale la pena ricordare che le truppe di Putin si trovano nella vicina Siria e finora hanno chiuso un occhio mentre Israele si difende dagli attacchi della milizia terroristica di Hezbollah dalla Siria e dal Libano.

Le relazioni tra Israele e Russia sono considerate buone. L’esperto russo Dr. Margarete Klein ha detto a Bild che “sotto Putin, il riavvicinamento della Russia con Israele, basato sul pragmatismo, può essere visto fin dalla tenera età”. “Israele, interessi economici, ma soprattutto la necessità di creare canali di comunicazione affidabili e colli di bottiglia nel campo della politica di sicurezza tenendo presente Israele, l’intervento militare russo in Siria dal 2015”.

Le scuse di Putin e uno schiaffo in faccia al suo ministro degli Esteri sarebbero molto insoliti. La forte reazione di Israele può confermarlo?

L’esperto russo Sergei Sulenny ritiene che questa potrebbe essere una cospirazione. “Putin non pensava che sarebbe arrivata una reazione del genere”, ha detto a Bild.

Putin esagera la sua posizione e presume di avere israeliani “in tasca” attraverso le sue relazioni personali e alcune somiglianze, quindi non ci sarà molta opposizione alla disgustosa propaganda di Lavrov.

Sulenny ha escluso la speculazione che gli oligarchi russi e le persone facoltose con doppia cittadinanza (Russia e Israele) abbiano influenza su Putin. “Putin non li vede come amici, li vede come cittadini. E ai governanti è permesso fare tutto con la loro gente”.

Sulenny sospettava che la propaganda di Lavrov non fosse diretta all’interno, ma all’esterno, cioè non nel suo stesso paese. Ecco perché rilascia interviste solo alle televisioni italiane minori.

Un possibile obiettivo dell’attacco di Lavrov è la mobilitazione delle forze antisemite in Medio Oriente. Perché nemmeno un Paese, a parte la Siria, ha finora sostenuto la Russia, ad esempio nel voto alle Nazioni Unite.

Tuttavia, per Sulenny, è chiaro che l’antisemitismo fa parte delle convinzioni politiche di Lavrov e Putin. Nel frattempo, le teorie del complotto antisemite vengono trasmesse senza commenti dalla televisione di stato russa in prima serata. Sono molto popolari nella società russa.

Ma il fatto che Lavrov sia arrivato al punto di accusare ebrei e israeliani di apprezzare i nazisti potrebbe essere dovuto al fatto che era caduto vittima della sua stessa propaganda.

La “conoscenza di sé” russa, quasi un’identità distintiva, gioca un ruolo importante in questo. Disse: “Siamo noi che abbiamo sconfitto i nazisti con le nostre sole forze”. E da qui segue: “Solo un nazista può criticare un paese così nobile”.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.