Bloccato in un labirinto di unanimità – Notizie – notizie

Le dinamiche per la riforma dell’UE, per renderla più agile e prendere decisioni più velocemente, cercando di creare Emanuele Macron. Il presidente francese ha l’appoggio del presidente del Consiglio italiano Mario DraghiPresidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen e altri nella sua proposta di rimuovere l’unanimità in “27” e sostituirla con una maggioranza rafforzata su questioni come la politica estera, in modo che l’UE non diventi “ostaggio” di stati che esercitano il veto – poiché l’Ungheria ha bloccato l’embargo europeo petrolio Russia.

Preso in un labirinto di unanimità

Con una maggioranza rafforzata

Intervenendo al Parlamento europeo lunedì scorso, in occasione della Giornata dell’Europa, Macron ha chiesto che la maggior parte delle decisioni politiche nell’UE siano prese a maggioranza rafforzata, ovvero con un voto del 55% degli Stati membri (15 su 27), che dovrebbe rappresentare il 65% della popolazione totale dell’UE Il presidente francese ha aggiunto che per abolire il voto unanime, che dava il potere di veto a ciascuno Stato membro, le condizioni europee dovevano cambiare.

Una settimana prima, Draghi aveva parlato anche al Parlamento europeo della necessità che l’UE adotti il ​​”federalismo pragmatico” in settori come l’economia, l’energia, la sicurezza e altri. e, se è necessario un mutamento di circostanze, «procediamo con coraggio e convinzione». Secondo la stampa francese, i due leader di Francia e Italia si sono trovati d’accordo su questo tema, che per la prima volta è stato chiaramente affermato da Draghi: “Dobbiamo superare il principio dell’unanimità e prendere decisioni con un voto a maggioranza forte. “L’Europa che è in grado di prendere decisioni tempestive ha maggiore credibilità presso i suoi cittadini e nel mondo”.

Revisione delle condizioni

Facendo un ulteriore passo avanti, Macron, che ricopre la carica di presidente dell’UE questo semestre, vuole discutere le revisioni dell’accordo europeo al prossimo vertice di fine giugno.

Obiezioni da 13 Stati membri

Cambiare il modo in cui vengono prese le decisioni, per quanto inevitabile, se l’UE vuole svolgere un ruolo più serio negli affari mondiali, è un processo lungo. Anche prima che Macron finisse il suo discorso a Strasburgo lunedì scorso, 13 Stati membri hanno sollevato obiezioni (Svezia, Finlandia, Danimarca, Lituania, Estonia, Lettonia, Polonia, Repubblica Ceca, Slovenia, Croazia, Romania, Romania).

Macron aveva sollevato la questione di una maggiore integrazione europea, che include il cambiamento del modo in cui vengono prese le decisioni, in un discorso su Pnyx durante la sua visita ad Atene nel 2017 e più formalmente in un discorso alla Sorbona di Parigi, pochi istanti dopo. Poi il Cancelliere Angela Merkel ha ignorato la proposta del presidente francese e la questione è stata congelata. Ma oggi il cancelliere dei socialdemocratici Solt Olafcon il quale Macron si è incontrato martedì a Berlino, è stato più positivo.

Pericolo
dalla divisione

Il Parlamento europeo, anche lui positivo, ha approvato ad aprile una risoluzione di revisione dell’accordo. Ma una modifica dell’accordo europeo, che comporterebbe cambiamenti non solo nel modo in cui le decisioni vengono prese ma anche in altre, rischia di dividere l’Ue – come dimostra l’immediata reazione dei 13 Stati membri che caratterizza l’iniziativa del presidente francese proposta. sconsiderato e prematuro”.

Macron, invece, ha riportato l’idea francese del passato per un’Europa a più velocità dove i paesi “all’avanguardia” avrebbero approfondito le unioni mentre altri Stati membri sarebbero stati in grado di rimanere a galla.

L’Europa dilaniata dall’embargo petrolifero russo

Il caso dell’embargo europeo sul petrolio russo dimostra il ritardo o addirittura la paralisi che il principio dell’unanimità porta all’Ue: “27” non solo non ha raggiunto un tempestivo accordo per la Giornata dell’Europa del 9 maggio, ma ha anche affrontato il veto messo domenica scorsa dal Primo Ministro ungherese Victor Orban. La Commissione ha proposto un sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia il 4 maggio, ma contrariamente ai cinque precedenti in cui i “27” sono rimasti uniti contro Mosca, questa volta, cogliendo l’occasione dopo le obiezioni dell’Ungheria, la Slovacchia ha reagito. , Bulgaria, Cipro, Malta e Grecia.

L’obiezione di Atena

Le loro obiezioni riguardano l’embargo sul petrolio russo, l’inclusione del patriarca russo Kirill su coloro che saranno soggetti a sanzioni e il divieto di trasferimento del petrolio russo dalle petroliere europee anche verso destinazioni terze. Quest’ultimo si è concentrato sulle obiezioni di Atene, sostenendo che la mossa avrebbe giovato sia alla Cina che alla Turchia e c’erano informazioni che avrebbe potuto essere rimossa dalle sanzioni.
Nonostante le speranze espresse da Bruxelles che in settimana si raggiunga un accordo sull’embargo petrolifero russo e l’ottimismo dei paesi che lo sostengono fortemente (Polonia, Francia, Italia, Spagna, Lituania, Lettonia ed Estonia), l’Ue resta divisa. . .

Gas e rubli

L’embargo sul gas russo, che logicamente seguirà, dovrebbe essere ancora più difficile da raggiungere all’unanimità. Le società europee che acquistano gas dalla Russia hanno già iniziato a pagarlo in rubli o ad aprire conti bancari in valuta russa per pagare il gas di aprile entro una scadenza che si avvicina a maggio.
Bruxelles avverte che il pagamento in rubli – chiesto dal presidente russo Vladimir Putin ricattandolo per chiudere il rubinetto del gas – è una violazione delle sanzioni europee contro la Russia, ma, come ha detto questa settimana Draghi, il problema è in una “zona grigia”.
Secondo il primo ministro italiano, la più grande compagnia del gas tedesca ha pagato Gazprom in rubli, mentre secondo Bloomberg, un totale di quattro compagnie europee del gas hanno pagato in rubli su 20 che hanno aperto conti con Gazprombank e 14 sono in corso. .aprire un account.

Nella mente di Hulusi Root

Seguire in Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità
Vedi tutte le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo, da

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.