Borsa 2022: Unicredit prevede un aumento del 10% delle azioni europee

scambio

Di Romain Dion

Pubblicato il 01/08/2022 alle 11:02 – Aggiornato il 01/08/2022 alle 11:02

Gli strateghi bancari italiani prevedono un anno favorevole per aziende e prezzi.

Gli esperti di Unicredit prevedono un viaggio più caotico nel 2022 e una maggiore volatilità sui mercati. L’incertezza sull’evoluzione del virus, l’inflazione persistentemente elevata e la risposta della banca centrale solleveranno dubbi.

Ma le azioni europee saranno sostenute da una solida crescita degli utili, con un potenziale che dovrebbe avvicinarsi al 10% entro il 2022.

Gli economisti della banca prevedono che una crescita globale del 4,2% sarà frenata dalla continua congestione e da un’inflazione più sostenibile. Prevedono il 3,7% nel 2023, quando il sostegno alla politica monetaria e la spesa pubblica diminuiranno.

Nella zona euro, la crescita è prevista al 3,9% nel 2022 e al 2,9% nel 2023. Gli utili aziendali dovrebbero aumentare del 12% nel 2022 e del 7% nel 2023.

I multipli dovrebbero diminuire negli Stati Uniti

I multipli di rating dovrebbero essere in calo negli Stati Uniti, ma stabili in Europa.

Tra le idee forti avanzate dagli strateghi dell’establishment, il tasso di interesse decennale statunitense salirà al 2% entro la fine del 2022, spingendo gli investitori a vendere l’estremità lunga della curva dei rendimenti statunitensi.

La fine degli acquisti di asset da parte della Fed è prevista per il prossimo marzo e lo slancio della crescita spingerà al rialzo i rendimenti obbligazionari.

Gli strateghi di Unicredit consigliano inoltre di scegliere titoli più difensivi, a scapito delle società cicliche più soggette a difficoltà di offerta.

Preferenza per la difensiva

Le banche “esagerano” cibo e bevande, finanza, beni di consumo e servizi ai consumatori, salute e tecnologia.

READ  Calcio/Mondo 2022. Italia e Portogallo hanno una promessa

D’altra parte, si tratta di prodotti chimici “meno pesanti”, risorse di base, beni capitali e servizi alle imprese.

Unicredit preferisce titoli più grandi e più difensivi e acquista l’indice di volatilità, VStoxx sotto i 20 punti.

Per la fine del 2022, gli obiettivi dell’indice sono 5.100 punti per l’S&P 500 e 4.750 per l’Eurostoxx 50.

I rischi principali proverranno dall’aumento dei prezzi dell’energia, dalla politica monetaria troppo restrittiva, dal crollo immobiliare cinese, dalle rinnovate tensioni tra Cina e Stati Uniti o tra Russia e Ucraina.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.