Bruxelles preoccupata per la Germania: l’Italia raschia la crisi del gas in inverno

Bruxelles è preoccupata per la Germania
L’Italia ha superato la crisi del gas in inverno

A differenza della Germania, l’Italia è meno preoccupata per il prossimo inverno: il ministro dell’Ambiente prevede che gli impianti di stoccaggio del gas saranno quasi pieni entro la fine dell’anno. Oltre alle energie rinnovabili, fa affidamento anche sul nucleare. Nel frattempo, lo stato di emergenza della Germania ha occupato il vertice dell’UE a Bruxelles.

L’Italia è fiduciosa di poter evitare una crisi energetica il prossimo inverno grazie alle recenti iniziative per trovare alternative al gas russo. “Il pericolo è quasi passato”, ha detto al quotidiano “La Stampa” Roberto Cingolani, ministro della transizione per l’ecologia. Il professore universitario apartitico ha calcolato che gli impianti di stoccaggio del gas del Paese erano pieni per il 55%. Entro la fine dell’anno, si prevede che l’intero 90 per cento – questo e il gas di nuovi fornitori, ad esempio dall’Africa, trasporteranno l’Italia in sicurezza durante l’inverno. “Possiamo regolare il respiro a partire dal prossimo anno, perché dopo riceveremo 18 miliardi di metri cubi di gas da nuovi fornitori, quindi quest’anno possiamo ottenere da cinque a sei”, ha spiegato Cingolani.

Prima dello scoppio della guerra in Ucraina, l’Italia riceveva dalla Russia il 38 per cento del proprio gas, ovvero l’equivalente di 29 miliardi di metri cubi all’anno. Di recente, Roma ha stretto nuovi accordi con produttori di gas provenienti da Algeria, Qatar e Azerbaigian, per esempio. Il ministro ha riconosciuto che la Russia “può ancora farci del male se il rubinetto del gas viene chiuso immediatamente”. Tuttavia, vede l’Italia in una posizione molto migliore per un caso del genere rispetto alla Germania o all’Austria.

Roma vuole sostituire tutte le sue importazioni dalla Russia con gas da altri paesi entro l’inizio del 2024. Fino ad allora dovrebbero entrare centrali a carbone attive, ma non sarà operativo nulla di nuovo. Cingolani attende un’ulteriore espansione delle energie rinnovabili in futuro. Inoltre, il ministro ha invocato le centrali nucleari di ultima generazione, “perché è difficile fare tutto solo con l’eolico e il fotovoltaico”. Durante il suo mandato, ha ricevuto ripetutamente critiche per questa proposta, soprattutto da parte di ambientalisti. L’Italia ha abbandonato l’energia nucleare alla fine degli anni ’80.

Vertice a Bruxelles dibattiti sulla dipendenza della Germania

La crisi del gas e le altre conseguenze economiche della guerra in Ucraina definiscono anche la seconda giornata del vertice Ue a Bruxelles. I capi di Stato e di governo dell’UE ne hanno discusso con il capo della Banca centrale europea (BCE), Christine Lagarde. Si teme che il presidente russo Vladimir Putin taglierà del tutto le forniture di gas all’UE, ha affermato un diplomatico dell’UE. Al momento non c’è consenso sulla limitazione dei prezzi dell’energia richiesta da alcuni paesi. Il vertice speciale sull’energia proposto dall’Italia non era originariamente previsto.

Il primo ministro belga Alexander De Croo è preoccupato per la situazione in Germania. “Finora è l’unico paese che ha dovuto ammettere che potrebbe dover tagliare parte della sua attività economica perché non ha abbastanza gas”, ha detto De Croo. Ha avvertito di un effetto domino: “Se la Germania si metterà nei guai, avrà un impatto enorme anche su tutti gli altri paesi europei”.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.