Calcio. Hansi Flick supera il suo primo esame con la Germania

L’ex assistente di Joachim Löw, Hansi Flick, ha preso il comando della Mannschaft la scorsa estate dopo la Coppa dei Campioni con un record perfetto, ma senza alcun vero test. Il primo elemento della risposta sarà sabato, per il turno di riscaldamento a Sinsheim (stadio Hoffenheim) contro Israele (20:45), prima di un test di livello superiore martedì ad Amsterdam (20:45), contro lo storico nemici, – Basso.

“Hansi sta facendo le cose molto bene, l’abbiamo visto con il Bayern, conosce molto bene alcuni giocatori e la sua filosofia si adatta perfettamente alla squadra”, ha assicurato Andreas Köpke, allenatore dei portieri sotto l’ex allenatore Joachim Löw, che ha lasciato la chiave del cinema Lo scorso agosto dopo 15 anni in carica, alla vigilia dell’eliminazione alle 8e Finale di Euro 2020 contro l’Inghilterra.

“Hanno le qualità per giocare contro la Francia”

In sette partite “la squadra ha segnato molti gol (31, 2 subiti, ndr), cosa che non era più così nell’ultima partita con Joachim Löw […] Con Hansi è diverso”, osserva ancora Köpke.

In pochi mesi, Flick aveva ottenuto il miglior debutto storico di sempre di un allenatore tedesco. Anche se questa valutazione va sfumata nella relativa debolezza degli avversari: la miglior classifica delle sette avversarie è la Romania, attualmente 47e globale.

Da qui l’importanza della prossima settimana. Dopo Israele, martedì l’allenatore vivrà un vero battesimo di fuoco contro la grande nazione, nella terra dei tulipani. Realisticamente, ammette anche che non può “ancora dire dove sia la squadra”.

“Se ci atteniamo alla qualità dei nostri giocatori, possiamo facilmente dire che hanno la qualità per giocare contro Italia, Spagna, Francia o Belgio”, ha sottolineato.

“Ci sono aree che dobbiamo migliorare. Abbiamo ancora molta strada da fare per tornare al livello più alto del mondo, ma quello che so è che con questa mentalità possiamo fare molto”, ha aggiunto con sicurezza.

L’uomo che è stato giocatore del Bayern (1985-1990) ha tre pregi principali: la sua esperienza nella selezione, essendo stato assistente del Löw dal 2006 al 2014, soprattutto durante il titolo mondiale in Brasile; l’aura da taumaturgo che ha acquisito al Bayern, che ha portato sul tetto del mondo, con la Champions League 2020 e un totale di sette titoli vinti in diciotto mesi; il suo rapporto personale con i giocatori del Monaco, che formano la spina dorsale della Mannschaft attorno al capitano Manuel Neuer e al veterano Thomas Müller.

“Puntiamo al titolo in Qatar”

Nel dare il benvenuto al gruppo al rally di questa settimana, ha chiesto a tutti di concentrarsi al 100% sulla Coppa del Mondo (21 novembre-18 dicembre) da ora in poi per arrivare in Qatar al top della loro partita.

Soprattutto per Timo Werner, attaccante attualmente in difficoltà al Chelsea, su cui ha fatto molto affidamento per il torneo.

Tra i leader di spogliatoio il morale è in buona forma e le battute d’arresto dei Mondiali in Russia (eliminazione all’intervallo) e gli Europei sembrano dimenticati.

“Puntiamo al titolo in Qatar, per me conta solo questo gol”, ha detto il capitano Manuel Neuer, che ha già vinto il titolo mondiale in Brasile nel 2014.

“È chiaro che abbiamo il titolo nel mirino”, gli fa eco l’amico Thomas Müller, nel suo linguaggio sempre colorito. La ripresa contro Israele e Olanda dimostrerà se il tedesco Flick, dopo quattro anni di difficoltà, ha davvero i mezzi per le sue nuove ambizioni.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.