Casa intelligente: quando la minaccia è scomparsa: l’economia

La futura casa conosce un numero terribile dei suoi abitanti. Probabilmente praticamente qualsiasi cosa: quanto dovrebbe essere caldo il bagno, con quale melodia vuoi che ti svegli, se è tardi il giorno prima, vuoi un panino per colazione, quali messaggi ed e-mail sono importanti e se camicie e camicette devono essere inviati per la pulizia.

Ad un certo punto, scompariranno anche lo scanner della retina e delle impronte digitali, insieme alla serratura della porta dell’alloggiamento in metallo. Nel 2035, le case intelligenti riconosceranno sicuramente i loro proprietari come tali. Forse per l’identificazione è sufficiente una combinazione di riconoscimento vocale e profilo dell’andatura.

Ecco come appare, un nuovo mondo intelligente. I sensori di odore e peso potrebbero non solo riconoscere chi ha appena usato l’ascensore di fronte a te o come si trovano gli ospiti. A volte controllano anche quanto hai mangiato o se stai bevendo birra di nascosto. E queste informazioni vengono poi trasmesse alla compagnia di assicurazione sanitaria.

In cima alla lista degli obiettivi elettronici: illuminazione intelligente

Forse entro il 2035 anche i comandi vocali torneranno ad essere ridondanti perché le case riconoscono i desideri prima che possano essere pronunciati. Dopotutto, ti studia nel corso degli anni. I ronzanti robot domestici della seconda e terza generazione potrebbero essere scomparsi di nuovo, la pulizia viene ora effettuata da sciami di piccoli droni.

Il risultato: la casa è sempre in ordine. Gli schermi dal pavimento al soffitto possono sostituire pareti, quadri e finestre. Improvvisamente, anche gli appartamenti a Wuppertal o Wiesbaden hanno una vista chiara sul Mediterraneo o sulle Alpi. Profuma di alghe o prati di montagna.

Benvenuti nel futuro, che potrebbe anche sembrare molto diverso. Ma una cosa è certa: si stanno diffondendo sensori, algoritmi ed elettronica domestica in rete. Il progresso trionfante ricorda molto lo smartphone, che in meno di dieci anni ha cambiato radicalmente tutta la comunicazione e con essa la vita di molte persone.

Le vendite aumentano di anno in anno. solo il 2020 Secondo GfK, sette paesi europei (Germania, Belgio, Francia, Regno Unito, Italia, Paesi Bassi e Spagna) hanno speso circa 28 miliardi di dollari in prodotti per la casa intelligente, un quarto in più rispetto all’anno precedente. Secondo uno studio di, gli utenti nel paese si aspettano “più comodità e qualità della vita” (72 percento), “più sicuro” (65 percento) e più efficienza energetica (52 percento) Servizio di filiale Bitkom. In cima alla classifica dell’elettronica: illuminazione intelligente, sistemi di allarme avanzati, videosorveglianza, caloriferi, prese e contatori di consumo.

Tuttavia, con l’aumento della rete, alcuni sono anche preoccupati per il lato oscuro. Il fratello ti sta guardando. Ma pochissimi sono veramente scoraggiati da una tale distopia. Cos’altro puoi fare? Molti dispositivi sono disponibili solo in forma intelligente.

Luci dimmerabili e telefono con un pulsante: anche questa è una rivoluzione

Fondamentalmente, la vita automobilistica è un vecchio cappello. Realizza i sogni, come apparivano negli anni ’50 quando gli elettrodomestici rivoluzionarono la casa. La Future Home del 1957 della Monsanto è un’attrazione di Disneyland. Aveva già luci regolabili, una lavastoviglie con tecnologia ad alta frequenza, una zona di raffreddamento a livello della mano, un forno a microonde estensibile, un termoregolatore centrale (con pochi pulsanti) e un telefono con pulsanti (non un quadrante) incluso un sistema vivavoce. . La casa di domani promette “massimo comfort ed efficienza”, ovvero il massimo livello di comfort ed efficienza, e assomiglia quindi alla promessa digitale di oggi.

La comodità apre le porte a un nuovo mondo di connessione elettronica. Una casa intelligente può supportare una società che invecchia se svolge una funzione sociale e funge da angelo custode. I rivestimenti per pavimenti tessili con funzioni di sensore “per monitorare vibrazioni, pressione e temperatura”, come presentato da Infineon e Vorwerk nel 2004, emettono automaticamente un allarme dopo una caduta e chiedono aiuto.

All’inizio del 2002, l’allora designer di Pentagram David Tonge ha sviluppato un nuovo servizio per il gigante della telefonia AT&T: ad esempio, “Joe” in pensione indossava uno sfigmomanometro sulla maglietta mentre le stoviglie contavano le calorie e registravano ciò che Joe mangiava. “Phyllis”, invece, madre di tre figli, porta “Personal Shopper” nella sua borsa a tracolla. Conosceva non solo il suo profilo, ma anche il suo programma. Gli ricordava le cose che stava “considerando” per una festa serale, o qualunque cosa comprasse “di solito”.

Tutto sembrava folle in quel momento. Quindi probabilmente sei abituato a pulire droni e robot parlanti.

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.