Christian Horner afferma che la star della F1 è “basata su uno scenario di guida alla sopravvivenza”, ma ne elogia l’impatto sugli Stati Uniti


Christian Horner è a capo del team Red Bull da quando il team è entrato in Formula 1 nel 2005. (Foto di Mark Thompson/Getty Images)

Christian Horner ha elogiato l’influenza della serie Drive to Survive sulla Formula 1, anche se ha riconosciuto che le stelle erano “alla mercé” della trama dello spettacolo.

Drive to Survive è stato lanciato su Netflix nel 2019 e offre agli spettatori uno sguardo dietro le quinte del paddock di F1 ogni stagione. La serie è diventata molto popolare tra i fan e si dice che abbia attratto una nuova generazione di fan più giovani, in particolare negli Stati Uniti.

Diverse figure di spicco della F1 non erano contente del modo in cui Drive to Survive ha sensazionalizzato la personalità e la trama che rappresentava, incluso il pilota della Red Bull Max Verstappen, che è stato soprannominato il “falso” della serie, e ha rifiutato la sua opinione.

Per Horner, che ha avuto un ruolo di primo piano in ogni stagione e la cui rivalità con il partner Mercedes Toto Wolff è stato uno dei principali ostacoli alla stagione pubblicata all’inizio di quest’anno, gli aspetti positivi superano di gran lunga quelli negativi.

“Inevitabilmente, c’è sempre di più da fare, e ovviamente sei alla mercé del produttore della sceneggiatura, quindi penso che ci sia una narrativa che non puoi controllare”, ha detto. GQ-Shop.

“Stanno facendo programmi TV, ma penso che sia dietro le quinte che catturano contenuti su cui le emittenti non possono mettere le mani durante la copertura del weekend del Gran Premio”.

“Quindi ti dà un po’ di informazioni sul dietro le quinte e attrae nuovo pubblico, pubblico più giovane e porta più fan allo sport. È stato un grande successo in America e molto eccitante per la Formula 1 in generale.

“Da una prospettiva pura, si può capire che c’è un elemento di frustrazione quando vengono aggiunti clip che potrebbero non essere dello stesso spettacolo, ma poi di nuovo, una volta rimossa quella licenza creativa, penso, come uno spettacolo, come una forma dell’intrattenimento, il successo è innegabile.

La quarta stagione di Drive to Survive offre ai fan uno sguardo sulla battaglia per il campionato tra Verstappen e Lewis Hamilton, una delle rivalità più feroci emerse dalla F1 nei suoi sette decenni di storia. Anche gli abusi di Horner e Wolff hanno raggiunto nuovi livelli nel 2021, molti dei quali andranno in onda nello show. Tuttavia, Horner insiste che c’è rispetto tra lui e l’austriaco ed entrambe le squadre.

Test di Formula 1 a Barcellona - Giorno 1

Christian Horner della Red Bull è stato afflitto da problemi di affidabilità all’inizio della stagione 2022 (foto di Eric Alonso/Getty Images)

“Penso che ci sia rispetto”, ha detto Horner. “Spero che ci sia rispetto, ovviamente tra i piloti e le loro squadre. Dobbiamo ricordare che Drive to Survive è in definitiva uno show televisivo, quindi prendono trailer e segmenti.

“Ma ovviamente è un business competitivo, è una competizione incredibile: stiamo combattendo per uno dei più grandi trofei nello sport e c’è stata un’enorme partecipazione per le grandi squadre”. C’è sempre tensione, c’è competizione e sai, a volte raggiunge il picco. .

Il quarto round della stagione 2022 di Formula 1 si corre sul circuito di Imola in Italia nel weekend del 22-24 aprile.

Il “piagnisteo” di Hamilton potrebbe essere un complotto per l’uscita della Mercedes, afferma la bizzarra Häkkinen

Mazepin punta ancora al ritorno in F1 nonostante le sanzioni russe e la triste stagione da rookie

Per altre storie come questa, visita la nostra pagina dedicata allo sport.

Segui Metro Sport per le ultime notizie Facebook, Indonesia e Instagram.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.