Circa 40.000 elettori registrati per votare in 77 seggi elettorali all’estero

77 seggi elettorali all’estero sono stati aperti per le elezioni presidenziali e parlamentari in Serbia e circa 40.000 elettori si sono registrati per votare nella diaspora, tre volte più delle precedenti elezioni parlamentari del 2020 e delle elezioni presidenziali del 2017.

La maggior parte degli elettori, secondo il CeSiD, è registrata per votare in BiH (11.120) dove sono aperti 15 seggi elettorali e in Germania (7.523) dove la diaspora può votare in sette seggi elettorali.

Sono stati aperti cinque seggi elettorali in Montenegro, Austria e Italia e tre ciascuno in Croazia, Svizzera, Francia e Stati Uniti.

I serbi possono votare in due seggi elettorali nel nord della Macedonia e uno in Slovenia.

Le votazioni si sono svolte anche in Belgio, Bulgaria, Grecia, Danimarca, Qatar, Cipro, Libano, Lussemburgo, Malta, Ungheria, Norvegia, Romania, Russia, Slovacchia, Turchia, Emirati Arabi Uniti, Finlandia, Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Svezia e Spagna.

Ieri sono stati aperti i primi seggi elettorali presso le missioni diplomatiche e consolari a Londra, negli Stati Uniti e in Canada.

La partecipazione della diaspora alle elezioni all’estero è aumentata nel 2004. Almeno 100 elettori registrati sono un requisito per aprire un seggio elettorale all’estero.

Segui tutte le informazioni più importanti su di noi BLOG IN DIRETTA e sulla pagina ELEZIONI 2022.

Corrado Bellini

"Amichevole appassionato di Internet. Creatore. Appassionato di zombie impenitente. Imprenditore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.