Cittadinanza italiana: il grosso problema degli argentini che vogliono ottenerla

Ho provato a prendere un appuntamento sei mesi fa ed è stato impossibile. Per il comune italiano è stato più facile mandarmi per posta, gratuitamente, l’atto di nascita del mio bisnonno, nato nel 1870, che fissare un appuntamento per la Ricostruzione Cittadina. Questo è scandaloso. A volte, sottobraccio, e qualche giorno dopo ci riprovo, ma sempre con lo stesso risultato”, afferma Candela Todone, avvocato argentino.

La situazione di Todone è vissuta da molte persone che, ogni giorno, provano a fare un turno al Consolato d’Italia in Argentina senza successo.

Ai primi di aprile, Ministro dell’Interno, Eduardo “Wado” de Pedroincontrato a Roma con Luciana Lamorgese, la sua collega italiana, e quello che riferiscono, dal governo argentino, è che, tra le altre questioni, stanno analizzando come facilitare le procedure per gli argentini per acquisire la cittadinanza italiana.

E nonostante questo accordo faciliti diverse procedure, il problema persiste. “Le procedure di ricostruzione nella città di Buenos Aires sono aperte per le persone che devono riprogrammare i loro turni a causa della pandemia. Ad esempio, chi presenta i documenti a febbraio 2021 ha già avuto il suo turno, che impiega circa 15 mesi. Ma per il resto ci vorranno ancora circa 24 mesi”, ha affermato Liliana Pontoriero, una delle amministratori del gruppo Facebook di CABA Cittadinanza Italiana.

Pontoriero ha detto che, secondo i pareri e le denunce che ha letto sui gruppi di social network e sul consolato italiano, nessuno aveva riferito da mesi di essere riuscito a ottenere un turno. “Di solito quando qualcuno ha un turno, lo pubblica e ci congratuliamo tutti con loro. L’ultima volta che ho letto che qualcuno l’ha fatto è stato nell’ottobre dello scorso anno, anche se il Consolato si è assicurato che facessero i turni normalmente”, ammette.

NAZIONE voleva comunicare in vari modi e ripetutamente con il Consolato d’Italia a Buenos Aires, ma non ebbe risposta.

Nicolás Ramos, uno studente all’ultimo anno di Medicina, vuole acquisire la cittadinanza per migliorare i suoi studi in Europa. “Non è più possibile andare alla pagina e accedere al calendario per poter ottenere un turno. Non è un problema ad alta domanda, ma sento che sta succedendo qualcos’altro. La pagina si sbriciola e cade. È da un anno che cerco di ottenere la cittadinanza della Ricostruzione, ogni giorno”, ha detto un po’ tristemente.

Un altro punto che alcune persone sono interessate a fare questa stessa procedura evidenzia un avvertimento: i turni vengono venduti sui social network. “Una volta mi è stato offerto da Instagram di ottenere un turno di 400 dollari con un periodo massimo di un mese. In altre parole, ci sono aziende che, con determinati software, riescono ad entrare nel sistema. Questo è così ingiusto. Il consolato deve disporre di un sistema di blocco per questi agenti o modificare il sistema. Penso che darlo di persona, con un documento d’identità in mano, sarebbe il più trasparente”, ha aggiunto Ramos.

Dal ministero dell’Interno, invece, hanno chiarito che, sulla base dell’agenda di lavoro delineata nell’incontro tra De Pedro e il suo omologo italiano, in un lavoro che è stato articolato con l’ambasciatore Roberto Manuel Carlés e che è stato proseguito da il Capo della Renaper e il Capo della Migrazione dell’Argentina con i colleghi -i loro colleghi del Ministero dell’Interno italiano, si stanno compiendo progressi su vari punti che faciliteranno il trattamento della cittadinanza italiana.

“Questo lavoro si riferisce a tutti gli sforzi in generale, ma è particolarmente interessato alle difficoltà che ne derivano alcuni comuni italiani non accettano beni digitali argentiniche impedisce a migliaia di argentini di procedere con la procedura di ricostruzione della cittadinanza”, ha spiegato il ministero dell’Interno.

In particolare, secondo il Ministero, sono stati compiuti progressi nelle seguenti azioni:

Riferendosi al crollo del sistema dei turni dei Consolati, dal Ministero dell’Interno hanno chiarito di non avere alcun potere nel dare i turni, perché corrisponde all’Italia attraverso i suoi Consolati.

Nonostante quanto comunicato dal Ministero implichi una convenienza per i richiedenti la cittadinanza, c’è un fatto innegabile: la “fila” di attesa per ottenere un turno sembra allungarsi di giorno in giorno.

Sebbene non ci siano dati ufficiali sull’aumento delle persone che vogliono ottenerlo, c’è un numero crescente di membri nei gruppi di social network che aiutano o consigliano su come ottenerlo.

Pontoriero, ad esempio, afferma di ricevere più di 100 post giornalieri nel proprio gruppo. Il CABA Cittadinanza Italiana Facebook conta attualmente 78.700 iscritti. “Nonostante sia chiamato CABA, aiutiamo tutti coloro che lasciano la loro domanda, da qualsiasi parte dell’Argentina”, ha spiegato.

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.