Come il mio anno a Dublino mi ha fatto amare ancora di più la Francia

Vivere all’estero per otto mesi a 21 anni è davvero un sogno! Se dovessi elencare tutte queste esperienze che mi hanno portato, sarebbe infinito. Incontri, apprendimento delle lingue e della vita in generale… questi mesi sono stati arricchenti come non avrei mai potuto immaginare.

Questo periodo mi ha anche fatto capire cosa mi mancava dalla Francia. Perché, probabilmente, stiamo ancora andando bene in Francia. Almeno nella mia piccola vita da studente a Nizza.

vivere nel continente

Per cominciare, c’è il problema del viaggio. Non mi ero reso conto, prima di vivere a Dublino, di quanto sia bello poter prendere un’auto o un treno per essere in poche ore in un altro paese – sì, abito vicino al confine italiano, ma la comodità di prendere questa macchina raggiungere rapidamente un altro paese è un grande vantaggio reale.

Dopo di che, è vero, la Ryanair di proprietà irlandese. E anche questo fa la differenza. Con questa compagnia posso andare in Croazia per 40 euro. Potrei raggiungere Londra per 9 euro o anche la Scozia per qualche euro in più. Ma dal mio punto di vista, niente batte i bagagli che tenevamo in macchina all’ultimo momento per partire.

Sempre in tema di vacanza e fuga, sento l’inverno a Dublino. E posso scoprire che d’inverno, in Irlanda, non c’è possibilità di sciare. A meno che, ovviamente, tu non scelga di volare. Ma l’ora e mezza di macchina che normalmente avrei potuto percorrere per raggiungere le piste in Francia, era impossibile…

Tempo metereologico

Questo è l’argomento numero uno quando si tratta di raccontare la storia della vita di un espatriato a Dublino: il tempo. Qui passano quattro stagioni in un giorno. Se ti aspetti una giornata di sole al mattino, sei sicuro di tornare a casa in una sera fredda e piovosa. E questo, Nicoise I, ha avuto difficoltà ad abituarsi. In più la mancanza di sole e questo mi bastava: preferisco decisamente il clima nel sud della Francia.

Cibo

Mi mancava il buon formaggio. Allora, che dire della nostra imperdibile pasticceria e pasticceria? A Dublino, trovare l’equivalente è del tutto possibile, ma ha sicuramente un prezzo. Qui (e certamente in altre parti del mondo), i francesi sono famosi per l’ottimo cibo. Durante il mio soggiorno ho potuto interagire con molti paesi diversi. Ogni volta che chiedo della loro immagine della Francia viene fuori un punto: il buon cibo.

(un po’) buona immagine all’estero

In generale, agli irlandesi piacciono i francesi. “Non ho mai avuto problemi con loro”me l’hanno detto alcuni tassisti. “E’ una delle nazionalità che accolgo di più ed è sempre andato tutto bene”rispose mia madre adottiva.

Nel ristorante dove lavoro le opinioni sono più contrastanti. Secondo i camerieri e le cameriere, i clienti francesi sono spesso quelli che non parlano affatto inglese e non sanno comunicare…

Ma tutti quelli con cui posso parlare, siano essi boliviani, cechi, uruguaiani, argentini o brasiliani, hanno l’immagine della Francia come di un paese molto bello, con ottimo cibo e… Grezzo. Una parola che può essere tradotta come “spiacevole”, “improvvisa” o addirittura “irrispettosa”.

Ad ogni modo, questi incontri mi hanno fatto capire quanto fossi fortunato ad essere lì per imparare l’inglese senza il fastidio di un visto, dato che la maggior parte dei miei amici del Sud America probabilmente ne ha alcuni (viva l’UE!).

In realtà, conservo solo le cose positive di questa esperienza. Ogni paese ha chiaramente i suoi vantaggi e svantaggi. Nello scrivere questo post, è lontano da me gridarlo forte e chiaro “Il francese è ancora meglio!” Ma vivere da espatriato per un anno a Dublino mi ha fatto capire che, anche se potessi vedermi vivere in questa città per mesi e mesi, preferirei sempre vivere nel sud della Francia. E poi, per di più, ancora non mi piace la Guinness…

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.