“Come referendum contro Macron”, “La festa è finita”: commento dei media internazionali sui risultati elettorali in Francia

I media internazionali sembrano concordare sul fatto che la principale responsabilità della perdita della maggioranza assoluta nell’Assemblea nazionale francese ricade sullo stesso Emanuel Macron, mentre molti commentatori vedono Marine Le Pen come la grande vincitrice del concorso.

Macron affronta “lo spettro di una condanna mortale a cinque anni”, i francesi Le Figaro.

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO LA PUBBLICITÀ

Il quotidiano ha attribuito errori significativi a “Macronis” durante la campagna elettorale, sottolineando che il secondo turno delle elezioni parlamentari è stato uno specchio capovolto della competizione presidenziale ed è servito da “referendum contro Macron”.

QUELLO le Monde ha visto l’Assemblea nazionale francese di fronte a una “situazione senza precedenti”. Ha detto che l’esito delle urne è stata una “seria battuta d’arresto politica” per Macron.

Macron perde la maggioranza assoluta in Parlamento, scenario cooperazione – “Terremoto”, commentano i media francesi

Francia – Elezioni parlamentari: il dilemma di Emmanuel Macron – Nessuno vuole lavorare con lui

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO LA PUBBLICITÀ

“Il nostro Paese è ormai indisciplinato da stamattina e nessuno dovrebbe esserne felice”, ha commentato il quotidiano Les Dernieres Nouvelles d’Alsace. “Se la politica in Francia è ancora un’arte marziale in cui la distruzione è più importante della costruzione, i prossimi cinque anni saranno anni di stallo assoluto e tossico”.

Esso BBC vedere Macron come “Un leader condannato e molto debole” e nella sua analisi caratterizza il presidente francese “Architetto del problema”già aperto la conversazione su chi gli succederà all’Eliseo tra cinque anni, poiché Macron non può rivendicare un terzo mandato.

Per Macron, il risultato è stato una battuta d’arresto, “speciale da quando ha cercato di drammatizzare la situazione la scorsa settimana”, ha scritto Volta. «[Ο Μακρόν] ha descritto i suoi oppositori come pericolosi estremisti e ha invitato gli elettori a dargli una “solida maggioranza” all’inizio del suo secondo mandato perché “non c’è niente di peggio che aggiungere la Francia al caos globale”.

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO LA PUBBLICITÀ

Ma anche Spagna El Pais commentando la sconfitta elettorale di Macron: “Negli ultimi cinque anni, la concentrazione del potere nell’Eliseo ha messo un freno al ruolo del parlamento. Ma il malcontento generale si trova nelle strade o nei partiti e nei candidati che sfidano il sistema dal destra e sinistra. “Macron ora deve coordinarsi con gli altri poteri ed uscire dall’Eliseo, governare in modo più verticale e ascoltare di più la gente”.

“Francia ‘indisciplinata’: Macronisti sorpresi al compromesso sulla vittoria di Le Pen”scrivi in ​​italiano Repubblica.

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO LA PUBBLICITÀ

“Francia, crolla Macron, senza maggioranza a governare. “Lepen passa da 8 a 89 seggi”, dice il Corriere della Seraha notato in un altro articolo che “Chavez della Francia, Melanson, ha spinto il presidente centrista in un angolo”.

“La festa è finita – la Francia ha votato e Macron ha punito”, ha detto Spiegel caratterizza l’estrema destra Marin Lepen come il grande vincitore delle elezioni parlamentari.

“Il potere di Emanuel Macron sta crollando”, ha detto Berliner Tageszeitung. Il crollo della sua alleanza è uno schiaffo doloroso in faccia, la perdita della maggioranza assoluta è uno shock per Macron”, ha aggiunto. Macron ha parlato anche del colpo a Macron. Giornale svedese“Le elezioni parlamentari sono diventate uno strumento per punire le persone impopolari al vertice”, ha affermato. “Il radicalismo degli elettori è stato molto probabilmente guidato dagli sforzi per unificare la coalizione centrale. Quindi la sinistra potrebbe essere un po’ soddisfatta, ma Marin Lepen può vincere”.

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO LA PUBBLICITÀ

Per la parte Frankfurter Allgemeine Zeitung visto nei risultati elettorali “punizione in stile Macron”, che ora dovrebbe prestare maggiore attenzione al parlamento. La nuova realtà dell’Assemblea nazionale francese promette ora un acceso dibattito, “ma anche una rinascita delle tradizioni parlamentari in Francia”.

“È raro che un’elezione parlamentare scuota così tanto la Francia”, ha detto Zeitha notato che la più grande sorpresa della notte delle elezioni è stata che l’allarme nazionale Lenin è riuscito a decuplicare il suo potere in parlamento, mentre il grande perdente è stato Macron, che per molto tempo non ha condotto una campagna elettorale regolare, a volte guardando a sinistra e altre a destra e ora obbligato a collaborare.

Seguilo su Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità
Vedi tutte le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo, su

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.