come viene monitorato il sito di Seveso in Francia?

Secondo gli ultimi dati del ministero dell’Ambiente, alla fine del 2020 la Francia contava 1.301 aziende Seveso. 1.600 ispettori erano responsabili del loro monitoraggio in tutta la Francia.

Mercoledì pomeriggio, un’esplosione di fiocchi di neve a Bergerac ha causato il ferimento di otto persone, di cui una gravemente. Il sito è classificato Seveso, dal nome del villaggio italiano dove si verificò una grande fuga chimica nel 1976. La gravità dell’incidente all’epoca portò a una serie di direttive europee, volte ad identificare i siti a rischio.

Secondo gli ultimi dati dal Ministero dell’Ambiente, la Francia contava un totale di 1.301 società classificate Seveso alla fine del 2020. 692 sulla soglia alta e 209 sulla soglia bassa. Tuttavia, dall’inizio degli anni 2000, una serie di incidenti ha portato alla luce questa struttura. Nel 2001, l’esplosione dell’impianto di fertilizzanti AZF a Tolosa ha causato la morte di 31 persone. Nel 2019 è scoppiato un grave incendio nello stabilimento di Lubrizol a Rouen.

Entrata in vigore nel 2015, Seveso 3 è l’ultima versione della direttiva che disciplina i siti a rischio. “Nuovi requisiti si applicano alle aziende per prevenire e gestire meglio gli incidenti gravi che coinvolgono sostanze chimiche pericolose”, dettagli Posizione dal Ministero dell’Ecologia. Ma come vengono monitorati questi siti dallo stato? Ci sono abbastanza ispettori segreti del sito? BFMTV.com fa il punto.

Possibile acquisizione

In Francia, il pericolo è valutato attraverso la legge “rischio” del 2003, creata dopo l’incidente nello stabilimento AZF. Una volta efficaci, i 2.000 studi sui rischi richiesti ai produttori vengono aggiornati e ampliati.

Per la “soglia alta” di Seveso, questo studio sui rischi dovrebbe essere aggiornato ogni 5 anni. Questa stessa legge “rischio” ha creato un piano di prevenzione dei rischi tecnologici (PPRT), sempre per il sito “soglia alta” di Seveso.

Questo PPRT regola diversi tipi di azioni, come i diritti di espropriazione e abbandono in aree abitate situate in prossimità di luoghi a rischio.

Potranno inoltre essere richiesti lavori di consolidamento degli alloggi adiacenti al sito, nonché restrizioni su future costruzioni nelle vicinanze.

1600 ispettori per 1300 siti

È richiesto anche un piano di intervento speciale da parte del produttore, che detta l’organizzazione dei vari servizi di emergenza durante un grave incidente. Seveso 3, da parte sua, ha rafforzato la comunicazione con i residenti locali, i quali dovrebbero avere tutti accesso ai rischi che potrebbero incontrare in caso di incidente.

Le ispezioni di questi siti sono effettuate da ispettori segreti degli impianti, di cui 1.600 in Francia per un totale di 1.300 siti Seveso. Quel numero può sembrare sufficiente. Ma questo pool di ispettori è responsabile anche degli altri 500.000 impianti che si trovano sul territorio nazionale e che rappresentano un rischio per l’ambiente, come le stazioni di servizio.

Per l’installazione finale, per facilitare il lavoro di controllo, viene richiesto al gestore un semplice file di registrazione. Ma per altri siti, spetta all’ispettore supportare il produttore nella gestione del rischio. Per soddisfare i requisiti statali, molte aziende autorizzate vengono in aiuto ai produttori, compilando un elenco di studi di impatto da effettuare, elenchi di possibili rilasci, ecc.

La decisione di chiusura spetta al prefetto

Spetta all’ispettore dell’installazione a rischio decidere se eseguire o meno l’installazione. Ogni tre o sette anni, viene effettuato un controllo a sorpresa, o meno, in un luogo sorvegliato per garantire il rispetto di tutte le misure di sicurezza. Se si notano carenze, le chiusure possono essere richieste al prefetto.

Infine, l’esercizio viene svolto regolarmente. Ma questo controllo a volte non è sufficiente. In quanto tale, lo stabilimento Lubrizol di Rouen era stato ispezionato 39 volte nei cinque anni precedenti lo scoppio dell’incendio. Allo stesso modo, il fatto che la chiusura dei siti dipenda dai prefetti pone un problema per molti ispettori. Vogliono che i loro corpi siano modelli per l’Autorità per la sicurezza nucleare, che ha 500 agenti per monitorare 19 centrali elettriche.

Dopo l’incidente di Bergerac di mercoledì, il sindaco della città Jonathan Prioleaud ha assicurato: “Il sito è molto monitorato, con esercitazioni regolari e vigili del fuoco sul posto. Oggi possiamo solo rassicurare i residenti”. Secondo i dati dal 2019, in Francia, 2,5 milioni di persone vivono entro un chilometro dal sito di Seveso.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.