Commemorano il 76° anniversario della Repubblica Italiana

Vice governatore Antonio Marocco ha partecipato all’azione per il 76° anniversario della Repubblica Italiana, svoltasi ai piedi del monumento al generale José de San Martín, insieme al vice console onorario Serafina Russo e ai membri della comunità.

Il 2 giugno si festeggia il Partito Repubblicano Italiano per commemorare il referendum popolare del 1946, in cui il popolo votò per una forma repubblicana di governo a suffragio universale.

“Ricordiamo un altro anno della Repubblica Italiana, una tradizione che è intatta”, ha detto Marcocco. «Questo atto serve a ricordare quella storia, quello che l’Italia ha dato al mondo e alla civiltà. Molti italiani sono venuti nella nostra terra e hanno contribuito a costruire l’Argentina, la sua cultura e il suo lavoro”, ha concluso.

Questa mattina le autorità provinciali e comunali, i membri della comunità italiana di Salta, gli studenti e i vicini in genere si sono incontrati nel Parco San Martín nel capoluogo Salta, ai piedi del monumento che eresse i Liberatori.

Durante l’atto formale, il vice governatore del Marocco e il governo della città hanno innalzato il Padiglione nazionale argentino, mentre membri della comunità italiana a Salta hanno fatto lo stesso con le bandiere dei paesi europei.

Quindi, sotto gli accordi della Banda Musicale Municipale “25 maggio”, si cantano versi dell’Inno Nazionale Argentino e dell’Inno Nazionale Italiano. Poco dopo, la comunità italiana fece offerte floreali ai piedi del monumento di San Martín in riconoscimento del suo carattere. Il governo della città fece lo stesso, commemorando così la data della sua resurrezione.
Poi è stato letto il messaggio del governatore Gustavo Saenzo, che ha ringraziato i presenti per il loro contributo alla comunità di Salta e ha salutato il popolo italiano per la loro giornata. Hanno tenuto discorsi anche il vice console Russo e la professoressa Ana María Bauque de Clerico.

L’evento è stato animato anche dalla partecipazione degli studenti della Scuola Bilingue di Italo Argentino Dante Alighieri, che hanno portato la drammatizzazione del Referendum del 1946. Inoltre, al termine dell’evento, i giovani hanno letto la poesia “Buoncumpleanno Italia”.

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.