Commissione: Grecia “chiave” per l’indipendenza dal gas russo

Nuova infrastruttura di importazione e transito gas naturale sviluppato in Hellasimportante per l’indipendenza dell’Europa sudorientale dal gas russo, come affermato nel suo annuncio Commissione europea.

Oltre ai progetti in corso di attuazione, il Ministero dell’Ambiente e dell’Energia ha emesso la scorsa settimana parere positivo per la costruzione di condotte Oriente Med (Cipro – Grecia – Italia) individuano l’introduzione ambiente Condizione Quello progetto.

Il gasdotto greco-bulgaro, che dovrebbe essere operativo nel estatenuovo serbatoio di gas naturale liquefatto in urlo che dovrebbe anche funzionare estateIl serbatoio galleggiante di gas naturale liquefatto ad Alexandroupolis nel 2023 è il primo progetto menzionato dalla Commissione europea in un annuncio fatto la scorsa settimana per il programma RePower dell’UE.

Il programma mira a sostituire il gas russo e idrocarburo nel complesso, indipendentemente dalla provenienza, con l’ulteriore sviluppo delle fonti rinnovabili, la diversificazione delle fonti di approvvigionamento, l’aumento del risparmio energetico.

“Solo nel 2022 sono stati gestiti o saranno operati progetti di interesse comune (Projects of Common Interest, PCI), con una capacità di trasporto del gas addizionale complessiva, ad esempio, di 20 miliardi di metri cubi l’anno. gasdotto di interconnessione tra Polonia e Lituania, gasdotto di interconnessione polacco-slovacco, gasdotto baltico tra Polonia e Danimarca, gasdotto greco-bulgaro (IGB). Entro il 2023 saranno operativi i terminali GNL di Cipro (2 miliardi di metri cubi/anno) e di Alessandropoli in Grecia (5 miliardi di metri cubi/anno). Grecia, Romania, Bulgaria) e Gdansk LNG in Polonia (minimo 6 miliardi di metri cubi/anno). Inoltre, sarà sostenuto l’estensione del corridoio meridionale del gas a 20 miliardi di metri cubi all’anno svolgono un ruolo importante nel garantire l’approvvigionamento di gas per l’Europa sudorientale (greco e italiano all’inizio) e Balcani occidentali“, sottolineato in annuncio a partire dal Commissione.

Questi progetti, ha aggiunto, aiuterebbero l’Europa ei Balcani a diventare meno dipendenti dalle forniture russe, evidenziando al contempo la necessità di accelerarne il completamento.

Il corridoio meridionale del gas termina al gasdotto TAP che attraversa la Grecia settentrionale da Evros al confine con l’Albania e prosegue sotto il mare fino all’Italia. TAP ha una capacità di carico di 10 miliardi di metri cubi all’anno con un potenziale di raddoppiare a 20 miliardi.

Per quanto riguarda il gasdotto EastMed, RIS ha indicato nella decisione di approvazione che dovrebbe:

  • Sforzarsi di massimizzare la compatibilità del progetto con gli elementi sensibili degli ecosistemi marini.
  • Evitare scelte progettuali che possono contribuire al disturbo dell’ambiente marino, inclusi smottamenti sottomarini, disturbi da idrati di metano, ecc.
  • Includere nella progettazione tutte le azioni necessarie per evitare di provocare un degrado significativo – in termini di qualità, valore ecologico ed estensione – di habitat importanti per la Comunità.
  • Verificare la possibile implementazione di un’alternativa (Alt2) nelle aree comprese nella rete Natura 2000 “Foloi Plateau”, secondo il parere dell’Agenzia di gestione di Kotychio – Strofilia e Kyparissia Bay.
  • Valutare in dettaglio gli impatti ambientali previsti risultanti dalla vulnerabilità del progetto ai rischi di incidenti gravi o disastri associati al progetto, compresi i rischi geografici per l’ambiente marino.
  • Secondo la decisione, il tubo avrà una capacità portante totale 21 miliardi di metri cubi all’anno.

Consiste in:

  • parte di mare Cipro – Creta che comprende due gasdotti, rispettivamente di 690 e 740 km di lunghezza, di cui 400 km in territorio greco, con capacità rispettivamente di 11 e 10 miliardi di metri cubi.
  • Stazioni di misura e compressione a Creta
  • Percorso subacqueo da Creta al Peloponneso.
  • La sezione terrestre del tubo da 48 pollici che attraversa il Peloponneso dal punto di sbarco nella prefettura di Laconia sud-orientale al punto di sbarco nella prefettura di Achaia nord-occidentale, sulla costa meridionale del Golfo di Patrasso.
  • Ramo di Megalopolis che prevede di collegare il gasdotto con il Sistema Nazionale nell’area di Megalopolis (zona Perivolia).
  • La sezione sottomarina del gasdotto che attraversa il Golfo di Patrasso fino al sito di atterraggio a sud-ovest di PE Etoloakarnania.
  • La sezione terrestre del gasdotto che attraversa la Grecia occidentale, dal sito di atterraggio alla stazione di compressione del progetto Poseidon a Florovouni (a sud-ovest di Thesprotia).

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.