CPDP lavora con gli anziani nell’accesso alla tecnologia

Dall’anno scorso, il Centro per la protezione dei dati personali del difensore civico (CPDP) ha adattato la sua proposta per continuare a lavorare per ridurre il divario digitale e fornire strumenti per l’integrazione e un invito all’apprendimento permanente.

Nel contesto delle attività in corso di partecipazione, collaborazione e collegamento interistituzionale, e durante questa pandemia, il team del CPDP ha adattato la sua proposta per continuare a lavorare, in particolare per assistere gli anziani che hanno bisogno di supporto per poter comunicare in più luoghi. e imparare continuamente ad affrontare le sfide che la vita ha da offrire nella nuova società dell’informazione e della comunicazione.

Per questo è importante seguire la strada per ridurre il digital divide e fornire strumenti per l’integrazione, perché la tecnologia richiede che tutti imparino in modo permanente. Il diritto alla privacy, alla cura e alla protezione dei dati personali quando si è connessi a Internet continua ad essere un impegno in tutto il territorio.

La formazione che forniscono ha due destinatari. Da un lato, gli assistenti, nonché il coordinatore e il gruppo di lavoro dei GCBA Day Centers. Il loro scopo è diffondere la legge ei diritti in essa sanciti e fornire strumenti per poter utilizzare le nuove tecnologie in sicurezza, dissipare i pregiudizi e le idee negative associate agli anziani e le paure legate all’uso delle TIC. .

Sono invece previsti corsi virtuali gratuiti nell’ambito della convenzione siglata con il programma “Esperienza universitaria per genitori” del Segretario alla Cultura dell’UTN con sede a Buenos Aires e con l’Instituto Universitario Italiano de Buenos Aires Hospital.

In questa occasione, visti gli interessi degli studenti, vengono offerti due livelli di formazione. Il primo è volto ad introdurli alla protezione personale dei dati personali, incoraggiando l’uso e l’accesso alle nuove tecnologie in modo sicuro, eliminando i pregiudizi – proprietari e di terzi – e le paure legate all’uso delle TIC.

Al livello 2, i partecipanti sono invitati a riflettere e ampliare le conoscenze precedentemente fornite sui dati personali, i loro diritti e la loro importanza nell’era dell’informazione e della comunicazione.

Vale la pena ricordare che, in questo corso, la protezione dei dati personali viene discussa dal punto di vista della società della conoscenza, in una prospettiva transdisciplinare, discutendo i cambiamenti socio-culturali ei loro effetti diretti sulla nostra vita quotidiana. Allo stesso tempo, si stanno compiendo sforzi per ampliare gli strumenti a disposizione degli anziani, aumentando le loro conoscenze per esercitare pienamente i propri diritti.

Per iscrizioni e informazioni contattare:

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.