crisi alimentare mieterà “milioni di vittime”

Titoli a metà giornata

  • Il vertice di Bruxelles rappresenterà un “momento storico” per l’Unione europea con la decisione di concedere lo status di candidato all’adesione a Ucraina e Moldova, ha sottolineato il presidente del Consiglio europeo Charles Michel.
  • Ma in seguito, il premier albanese ha consigliato all’Ucraina di “non farsi illusioni” sullo status del candidato dato dall’Ue perché il processo di adesione sarebbe molto lungo.
  • Una crisi alimentare globale innescata dalla guerra in Ucraina farà milioni di vittime rendendo grandi popolazioni più vulnerabili alle malattie infettive, con il rischio di innescare una nuova crisi sanitaria, ha avvertito il capo del Fondo globale.
  • Il vertice del G7 in Germania questo fine settimana produrrà “una serie di proposte concrete per aumentare la pressione sulla Russia”, ha affermato un alto funzionario della Casa Bianca.

13:55: Kiev sta lavorando alla visita del presidente dell’UA in Ucraina

L’Ucraina sta lavorando a una visita a Kiev del presidente dell’Unione africana Macky Sall per contribuire ad aumentare la pressione sulla Russia, afferma il quotidiano senegalese Quotidiano Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba. Sall, Capo di Stato e Capo dell’Aeronautica Militare del Senegal, è stato ricevuto il 3 giugno in Russia dal suo collega Vladimir Putin. Non è andato in Ucraina, ma ha detto che intendeva andarci. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha parlato lunedì ai membri dell’UA in videoconferenza.

13:30: La Russia avanza nell’Ucraina orientale

Lysychansk è sotto il fuoco dell’artiglieria e attacchi aerei”, secondo il governatore della regione di Lugansk. “Vogliono distruggere tutto il Donbass, un passo alla volta. Completamente. Lyssytchansk, Sloviansk, Kramatorsk… Vogliono trasformare tutte le città in Mariupol”, una città martire di guerra, denunciata dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

12:40: La Moldova estende il suo stato di emergenza

Giovedì il parlamento moldavo ha esteso di 45 giorni lo stato di emergenza nel paese a causa della guerra in Ucraina, ha riferito l’agenzia russa Interfax. Per il primo ministro Natalia Gavrilita, questo passo è stato necessario a causa dei “rischi in corso per la sicurezza energetica del Paese e la sicurezza dei suoi confini, nonché la necessità di coordinare meglio il flusso di profughi dall’Ucraina”. .

Dopo l’Ucraina, la Moldova è il Paese più vulnerabile in conflitto: è infatti l’unico vicino dell’Ucraina che non è né nell’Unione Europea né nella NATO.

Il 24 febbraio il parlamento moldavo ha dichiarato lo stato di emergenza per 60 giorni, poi prorogato di due mesi ad aprile.

12:35: il Cremlino trova “strane” le accuse di gas a Berlino

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha definito “strano” che la Germania considerasse politico il calo delle forniture di gas russe nel contesto del conflitto in Ucraina. Secondo lui, è stata la tedesca Siemens a non sostituire le turbine del compressore che necessitavano di riparazioni, quindi la Russia ha dovuto ridurre le consegne di circa il 60% tramite il gasdotto sottomarino Nord Stream.

“I nostri partner tedeschi sono così consapevoli del ciclo di riparazione (…) che è davvero strano volerlo definire politico”, ha spiegato, assicurando che Mosca aumenterebbe il flusso non appena le turbine mancanti saranno state consegnate. .

Ma per il governo tedesco si trattava di una “decisione politica”, intesa a tenere conto dello stallo tra Mosca e i paesi occidentali nella guerra in Ucraina.

12:25: Ucraina “in attesa del via libera” per la sua candidatura all’Ue

“Aspettiamo il via libera”, dal ventisettesimo meeting, giovedì e venerdì a Bruxelles, per convalidare lo status dei candidati Ue, ha indicato questa mattina giovedì il capo dell’amministrazione presidenziale ucraina Andriï Yermak, ricordando che “il chiaro obiettivo è la piena adesione all’UE”, un processo che potrebbe richiedere anni.

11:35: La crisi alimentare mieterà “milioni di vittime”

Una crisi alimentare globale innescata dalla guerra in Ucraina porterà via milioni di vite rendendo grandi popolazioni più vulnerabili alle malattie infettive, a rischio di innescare una nuova crisi sanitaria, ha avvertito il capo del Global Fund, organizzazione che combatte l’AIDS, la malaria e tubercolosi. Il blocco dei porti ucraini del Mar Nero da parte della Russia ha fermato le esportazioni di grano dal quarto esportatore mondiale di grano e mais, minacciando l’approvvigionamento alimentare in molti paesi. Tuttavia, questa carenza alimentare rischia non solo di provocare la fame, ma anche di indebolire la resilienza della popolazione esposta a malattie infettive dovute alla malnutrizione.

Penso che la prossima crisi sanitaria potrebbe essere iniziata. Questo non è un nuovo virus, ma un fatto che molte persone malnutrite saranno più suscettibili ai virus esistenti

10:13: l’Ucraina non dovrebbe farsi illusioni sulla sua candidatura all’UE

Giovedì il primo ministro albanese Edi Rama ha consigliato all’Ucraina di non “avere illusioni” sullo status del candidato dato dall’Unione europea perché il processo di adesione richiederebbe molto tempo.

“La Macedonia del Nord è candidata da 17 anni, se non perdo il conto, e l’Albania da otto, quindi benvenuta in Ucraina”, ha scherzato al suo arrivo a Bruxelles in un incontro con i leader dell’UE. “È una buona cosa dare uno status all’Ucraina. Ma spero che il popolo ucraino non abbia molte illusioni”, ha aggiunto Rama.

Oggi bisogna fare una scelta che influirà sul futuro dell’Unione Europea

Carlo Michele

Il vertice di giovedì a Bruxelles sarà un “momento storico” per l’Unione europea con la decisione di concedere lo status di candidato all’adesione a Ucraina e Moldova, ha affermato il presidente del Consiglio europeo Charles Michael. “Oggi deve essere fatta una scelta che influirà sul futuro dell’Unione europea, sulla nostra stabilità, sicurezza, prosperità”, ha affermato al suo arrivo al vertice.

09:22: Più di 150 siti culturali danneggiati o distrutti

Più di 150 siti culturali sono stati parzialmente o completamente distrutti nei quasi quattro mesi di guerra in Ucraina, annunciato dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per la Scienza, l’Educazione e la Cultura (Unesco). “Secondo la verifica effettuata dai suoi esperti, 152 siti culturali sono stati parzialmente o completamente distrutti a causa dei combattimenti, inclusi 70 edifici religiosi, 30 edifici storici, 18 centri culturali, 15 monumenti, 12 musei e 7 biblioteche”, ha affermato l’Unesco in un comunicato stampa.

08:55: L’UE vieta l’accesso alle sue istituzioni ai lobbisti russi

Tre istituzioni dell’UE hanno vietato l’accesso ai loro locali ai lobbisti aziendali russi a Bruxelles oltre alle sanzioni adottate dopo l’invasione dell’Ucraina. Il Parlamento europeo è stato il primo ad agire. “Non dobbiamo dare loro spazio per diffondere la loro propaganda e narrativa falsa e tossica sull’invasione dell’Ucraina”, ha spiegato la presidente del parlamento maltese Roberta Metsola. Il Consiglio (un organismo di Stati membri) e la Commissione europea hanno seguito l’esempio e “danno istruzioni di non accettare più persone che rappresentano gli interessi russi”.

07:20: G7 farà “proposte concrete” per “aumentare la pressione sulla Russia”

Il vertice del G7 del fine settimana in Germania produrrà “una serie di proposte concrete per aumentare la pressione sulla Russia e dimostrare il nostro sostegno collettivo all’Ucraina”, ha affermato un alto funzionario della Casa Bianca. Tuttavia, non ha fornito dettagli su quale azione sarebbe stata intrapresa, dopo che gli occidentali avevano raddoppiato l’annuncio delle sanzioni contro il regime di Vladimir Putin.

La stessa fonte ha inoltre precisato che il tema dell’energia, i cui costi stanno esplodendo nel mondo, sarà al “punto di discussione” tra i vertici di Stati Uniti, Germania, Francia, Canada, Italia, Giappone e Regno Unito a questo vertice.

6:35: due grandi terminali agricoli bombardati a Mykolaiv

Due terminali di stoccaggio del grano sono stati colpiti da un attacco russo mercoledì nella città portuale ucraina di Mykolaiv. Il terminal portuale di Evri, di proprietà di Viterra e dedicato all’olio commestibile, è stato “danneggiato da un attacco missilistico”, che ha lasciato una persona leggermente ferita, ha detto un funzionario, aggiungendo che due silos hanno preso fuoco e un terzo è stato danneggiato.

5:52: Il vertice europeo decisivo questo giovedì

Giovedì si terrà a Bruxelles un vertice europeo per conferire all’Ucraina lo status di candidato ufficiale dell’UE. Mercoledì il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha invitato i leader europei a “essere all’altezza della situazione” accettando la richiesta di Kiev. Pochi giorni fa l’esecutivo europeo ha espresso parere favorevole alla candidatura dell’Ucraina e martedì il ministro francese per gli Affari europei Clément Beaune ha indicato che su questa questione era emerso il “consenso totale” tra i Ventisette.







Kaliningrad, l’enclave russa che concentra le tensioni

L’enclave di Kaliningrad, situata nel Mar Baltico, è diventata un nuovo centro di tensione tra Russia ed Europa, a seguito delle sanzioni successive all’attacco della Russia all’Ucraina.

>> Trova la nostra decrittazione cliccando qui.

5:50: Gli ultimi highlights in campo

– Mercoledì le truppe russe hanno intensificato la loro avanzata verso Lyssychansk, una strategica città industriale nell’Ucraina orientale. Secondo Sergei Gaïdaï, governatore della regione di Lugansk, l’Ucraina controlla ancora la città ma gli incendi delle inondazioni russe “hanno distrutto tutto”. Sul posto, “è l’inferno”.

– Le autorità russe hanno affermato che due droni hanno colpito e provocato un incendio mercoledì nella raffineria di petrolio di Novochkhtinsky, situata in territorio russo, a pochi chilometri dal confine con la regione di Lugansk. L’incendio non ha provocato vittime ed è stato estinto con successo nelle prime ore del mattino.

– Medici senza frontiere (MSF) mercoledì ha condannato il “livello di sofferenza sbalorditivo” causato dalla violenza indiscriminata nella guerra in Ucraina contro i civili, vittime di “continuo attacchi indiscriminati”. Il mancato rispetto della loro protezione “è una grave violazione del diritto internazionale umanitario”, ha denunciato.

Cosa ricordare da mercoledì

  • A Kiev, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiesto più spedizioni di armi.
  • A Berlino, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha chiesto un “piano Marshall” per la ricostruzione dell’Ucraina.
  • Gli Stati Uniti hanno espresso “fiducia” nella continuazione della stretta cooperazione diplomatica con il presidente francese sulla guerra in Ucraina nonostante l’arretramento elettorale dal suo campo.
  • Reporter senza frontiere (RSF) ha pubblicato un’indagine condotta in Ucraina che, si dice, prova che il fotoreporter ucraino Maks Levin è stato “giustiziato” con un soldato che lo accompagnava, dopo essere stato forse torturato dai soldati russi a marzo. .

05:45: Ciao a tutti, benvenuti a questa diretta in cui seguiremo la situazione intorno al conflitto in Ucraina, nel 120° giorno dell’invasione russa.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.