Crisi italiana – Sportklub

Il calcio italiano è in grave crisi. Non solo la squadra ‘Azura’, dopo la clamorosa sconfitta ai playoff contro la Macedonia, non giocherà il Mondiale per la seconda volta consecutiva, ma gli ultimi due italiani, Inter e Juventus, hanno recentemente concluso la stagione in la Champions League agli ottavi. Ciò non fa che confermare la lunga stagnazione delle squadre appenniniche nella competizione per club più rispettabile d’Europa.

Prima di allora, il calcio per club italiano era da decenni una delle più alte qualità (come quella delle nazionali), ma anche la più vincitrice di trofei del Vecchio Continente, come dimostra il fatto che i padiglioni auricolari sono arrivati ​​nello stivale altrettanti come 12 volte finora. Il Milan (dopo il Real) con sette scudetti è secondo nella lista perenne delle vincitrici di Coppa (e campionato), le rivali cittadine dell’Inter lo hanno vinto tre volte e la Juventus due volte.

Inoltre, questo trio insieme è diventato il perdente nelle ultime 13 partite (la ‘Vecchia’ di Torino si è inginocchiata negli ultimi sette duelli, i ‘rossoneri’ in quattro, mentre i ‘nerazzurri’ hanno perso le due partite che hanno deciso i campioni d’Europa) , che, però, non ha concluso la lista dei club dal fango che è arrivata alla fine. Fiorentina (1957), Roma (1984) e Samp (1992) hanno lasciato il campo una volta dopo l’ultima partita, che ci ha portato a ben 28 presenze con la squadra dei quattro volte campioni del mondo nelle ultime 66 partite di Coppa e Champions finora. .

Questa, senza dubbio, è una bella storia per i club italiani, ma il problema è che nel calcio, come in ogni altra attività, non si può vivere dei ricordi del passato. L’ultima volta che una squadra di quel paese è passata all’Olimpo europeo è stato nel 2010, quando l’Inter di Mourinho ha trionfato sul Bayern (2:0) nella finale di Madrid, concludendo una stagione indimenticabile in cui ha vinto la tripletta. Prima ancora, nel primo decennio del 21° secolo, il Milan di Ancelotti ha vinto due volte, nel 2003 e nel 2007, in Champions League (e ha perso uno spettacolare duello con il Liverpool a Istanbul), con Maldini e compagnia primi nel suo genere. questo, ottenuto a Manchester. Le rivali dell'”Old Trafford” (persa ai rigori) erano la Juventus, che in quel momento sedeva sulla panchina di Marcello Lippi. È stata la prima e finora l’unica finale di Champions League tutta italiana, mentre squadre di Inghilterra e Spagna si sono finora sfidate nella partita decisiva per il padiglione auricolare.

Figura d’azione / Carl Recine

Dopo il successo, i club milanesi, per anni a causa della crisi che hanno affrontato, non sono riusciti nemmeno a conquistare un posto in Champions League, e al ritorno in questa competizione i risultati sono stati tutt’altro che attesi. L’Inter ha concluso la sua presenza nell’élite europea per tre stagioni dopo la fase a gironi della competizione, e in questa stagione è finalmente arrivata all’ottava finale, dove è stata eliminata dal Liverpool. Dopo una lunga assenza dalla competizione, vinta sette volte, il Milan è finalmente tornato sul grande palcoscenico internazionale lo scorso autunno, ma quel ritorno si è concluso molto rapidamente con un deludente finale (quarto) posto nel Gruppo B, dove i rivali sono Liverpool, Atletico. . e Porto) dove ha raccolto appena quattro punti in sei partite.

Nel secondo decennio di questo secolo, la squadra che ha vinto più trofei dello stivale ha preso il testimone dall’inciampo club della città della moda italiana. La Juventus sta cercando di completare il proprio dominio nel fango vincendo l’importantissima terza Coppa dei Campioni, avvicinandosi ad essa nel 2015 e nel 2017, quando era a un passo dall’Olimpo. Tuttavia, nelle ultime partite giocate con Barcellona (a Berlino) e Real (a Cardiff), la squadra di Allegri si è inginocchiata davanti ai migliori rivali della Spagna ‘El Clásico’, dopo di che c’è stato esaurimento nella squadra ‘Old Lady’ di Torino. . Nella stagione 2018/19 il club del cuore del Piemonte è scivolato inaspettatamente ai quarti di finale di cui l’Ajax si era pentito e nelle tre stagioni successive, dopo aver gareggiato con Olympique Lyonnais, Porto e Villarreal, ha concluso la sua trasferta europea nella prima fase della gara ad eliminazione. Va tenuto presente che in tre dei quattro fallimenti citati (contro Ajax, Olympique Lyonnais e Porto), i ‘neri’ del Torino non sono stati aiutati dalla presenza in squadra di Cristiano Ronaldo, nonostante fosse stato acquistato dal Real Madrid. con l’obiettivo di essere sulla scala per consentire la realizzazione del progetto europeo della Juventus.

A questo proposito, per il calcio italiano per club, gran parte degli anni bui della Champions League, c’è anche un lampo inaspettato che ricorda (solo) i tempi in cui le squadre appenniniche avevano voce in capitolo nel più grande panorama internazionale. Nella stagione 2018/19, a seguito della clamorosa eliminazione del Barcellona (1:4, 3:0), la Roma è stata soprannominata semifinalista di questa competizione, ma i sogni dei tifosi di ‘Vucica’ di un’altra apparizione in finale sono stati infranti. di Liverpool. Un club tornato nel 1984, con una migliore prestazione di rigore, ha impedito alla Roma di iscriversi tra gli immortali europei dopo la finale giocata nella sua “Olimpiade”. All’esordio nella competizione nella stagione 2019/20, anche la piccola Atalanta ha sfiorato la nomina ufficiale tra le quattro migliori squadre del Vecchio Continente. Gli uomini di Gasperini hanno avuto un vantaggio minimo nei quarti di finale contro il Paris Saint-Germain, giocati il ​​12 agosto 2020 a Lisbona, fino a fine partita, quando la stella del Paris ha ribaltato le cose con le reti di Marquinhos e Shupo-Motan. .

Zlatan Ibrahimovic
Foto di Alessandro Sabattini / Getty Images

La domanda è, ovviamente, perché il club dell’attuale nazione campione del nostro continente (i cui tifosi, tuttavia, non vedranno la loro “azzurra” ai Mondiali per la seconda volta consecutiva!) è in ritardo rispetto ai rivali inglesi Premier League e Primera spagnola, ma anche una squadra come il Bayern? È certo che la causa principale è il calo del potere d’acquisto dei club con le scarpe i cui proprietari non possono più permettersi di vincere battaglie con rivali più ricchi di altri paesi e portare nel calcio il più grande asso del calcio mondiale. Pertanto, la qualità del calcio in Serie A non è al livello di Premier League e Primera, il che ovviamente ha un impatto negativo sulle prestazioni delle squadre italiane sulla scena internazionale.

Tuttavia, questo non è l’unico motivo per cui un paese che non ha mai mostrato lo spirito guerriero dell’antica Roma, ma ha avuto successo nella competizione sportiva odierna nel suo sport nazionale più importante, non ha potuto competere con concorrenti dei paesi europei. In un momento in cui i club italiani riescono a portare in campo le più grandi stelle straniere, stanno imponendo il loro stile di gioco riconoscibile, ma creano anche giocatori nazionali di alto livello. Per molto tempo, però, il loro club più grande non ha avuto veri assi dalla scarpa, né la tradizionale filosofia del calcio, che si basa sulla convinzione che una solida difesa sia la base per ottenere buoni risultati, è stata applicata con successo sulla passo in questo paese. Non è affatto entusiasmante, ma uno stile di gioco vincente (il cosiddetto lucchetto durante il dominio dell’Inter sotto Herrera) ha portato l’Italia alla perfezione (se forse ce n’è una nel calcio), di cui sono responsabili sia allenatori che giocatori. L’Italia ha continuato a essere un maestro della difesa nella sua scuola di calcio, ma ha anche prodotto centrocampisti creativi e laboriosi, oltre ad attaccanti efficienti.

Ricordiamo che nelle squadre di Inter e Milan, che hanno cantato due volte alle Olimpiadi degli anni ’60, Faketi e Macola hanno avuto ruoli chiave, per la precisione Rivera, Trapattoni e Cesare Maldini. E nella composizione della Juventus, finalmente entrata a far parte dei campioni del Vecchio Continente a Bruxelles “Hazel” nel 1985, oltre alle star straniere Platini e Bonjec, c’erano quattro “Azures” (Cabrini, Shirea, Tardeli, Rossi) che hanno vinto il titolo a la Coppa del Mondo del 1982 in Spagna. . anno. Possiamo continuare la storia affermando che un’altra grande squadra olandese (il trio Gulit, Rajkard, Van Basten) il Milan, guidato dalla panchina da Arigo Saki, è inconcepibile senza Baresi, Paolo Maldini, Donadoni, Ancelotti… Proprio come l’ultima un trofeo, Ancelotti dal primo decennio di questo secolo aveva giocatori italiani come pilastri della squadra, già citati Paolo Maldini, Nesto, Pirlo e Pippa Inzaghi.

Lasciata dietro le quinte la generazione ‘Azura’, che ha vinto il titolo mondiale nel 2006, l’Italia è rimasta senza top player poiché non ne sono emersi di nuovi dalla fruttuosa base calcistica finora in Appennino. Nonostante la Juventus abbia basato il suo dominio nel calcio nazionale nell’ultimo decennio, in gran parte basato su tradizioni difensive granitiche, per essere più precisi le qualità di Kjellini e Bonucci, ma questi due pilastri della linea difensiva hanno superato l’apice del gioco e non hanno successori adeguati tra i loro compatrioti. Nei più grandi club della Serie A – Juventus, Inter e Milan – attualmente solo due giocatori italiani, l’esterno della Juventus Federico Chiesa e il centrocampista dell’Inter Nicolò Barella, hanno la prospettiva di diventare i migliori assi, il che dimostra chiaramente che il materiale di gioco medio nella competizione. . queste squadre ma anche ai campionati più forti d’Europa.

L’inaspettato successo della squadra di Mancini nel Campionato del Vecchio Continente lo scorso anno ha creato tra i tifosi la convinzione (troppo) ottimistica che l’azzurra, anche senza grandi giocatori, potrebbe essere ai vertici del calcio europeo e mondiale. Il rimpianto è rapido e doloroso. Il già citato Arigo Saki, la vecchia squadra dei trofei del Milan tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio degli anni Novanta del secolo scorso, dopo un disastro nella competizione con la Macedonia del Nord, ha diagnosticato i problemi del calcio italiano.

“Quello che è successo alla Nazionale contro la Macedonia del Nord succede al nostro club da dieci anni. L’ultimo Europeo è stato un’eccezione. Continuiamo ad acquistare giocatori stranieri anche nelle categorie più giovani. Il calcio italiano è culturalmente arretrato, nessuna novità. Provatelo . guarda una partita di Spagna, Inghilterra o Germania. Giocano più velocemente e adattano il loro campionato a livello europeo. L’arbitro è troppo distratto dal nostro gioco. “Non possiamo giocare così”, ha detto Saki.

Perché i club italiani e la nazionale del calcio tornino sul grande palcoscenico, più precisamente per recuperare il ritardo con chi è scappato da loro, sono stati necessari importanti investimenti finanziari in club e infrastrutture, sono emerse nuove idee di coaching e grandi assi. Certo, il tempo, e quindi la pazienza di tutti coloro che amano il calcio in un Paese non abituato a essere in seconda categoria ad essere definito “la squadra più importante del mondo”.

Corrado Bellini

"Amichevole appassionato di Internet. Creatore. Appassionato di zombie impenitente. Imprenditore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.