Da martedì regole 2G al lavoro

DIl divieto de facto di lavorare per le persone non vaccinate di età superiore ai 50 anni, entrato in vigore questo martedì, ha acceso ancora una volta il dibattito in Italia sui requisiti generali di vaccinazione. Dall’8 gennaio devono essere vaccinate tutte le persone che hanno raggiunto l’età di 50 anni o che raggiungeranno tale età al termine degli obblighi vaccinali generali legati all’età il 15 giugno. Inoltre, dal 15 febbraio entra in vigore la normativa che prevede che le persone di età superiore ai 50 anni possano recarsi sul posto di lavoro solo se guarite o vaccinate secondo le norme 2G; i test negativi non bastano più.

Dal 1° febbraio, le persone di età superiore ai 50 anni che non hanno la protezione vaccinale completa – con due o tre dosi, a seconda della data di somministrazione della prima dose di vaccinazione – rischiano una sanzione di 100 euro. Significativamente più alta della multa generale per le persone non vaccinate di età superiore ai 50 anni è la sanzione per le persone in questa fascia di età se si recano sul posto di lavoro da questo martedì senza il cosiddetto Super Green Pass (prova 2G). I dipendenti pagano multe da 600 a 1.500 euro per la prima violazione e sono anche sospesi dal lavoro senza pagare stipendi o oneri sociali. Tuttavia, il licenziamento non può essere pronunciato perché viola i requisiti di vaccinazione. I datori di lavoro che non rispettano i loro doveri di ispezione dovrebbero aspettarsi una sanzione compresa tra 400 e 1000 euro. Se l’infrazione si ripete, entrambe le parti sono soggette a doppie sanzioni.

Un divieto di lavoro per mezzo milione di non vaccinati?

È discutibile se l’introduzione delle vaccinazioni legate all’età obbligatoria abbia prodotto i risultati sperati. Circa 650.000 persone di età superiore ai 50 anni sono state vaccinate dall’introduzione della vaccinazione obbligatoria cinque settimane fa. 1,5 milioni di persone in questa fascia di età rimangono non vaccinate. Ciò significa che solo il 30 per cento delle persone non vaccinate in questa fascia di età ha finito per essere vaccinato dall’introduzione della vaccinazione obbligatoria. La proporzione relativa dei rifiuti di vaccinazione “dura” nella fascia di età compresa tra i 50 ei 59 anni è ancora più elevata. Il numero assoluto delle persone interessate dal divieto di lavoro dal 15 febbraio è stimato in mezzo milione. In totale, in Italia sono 8,8 milioni i lavoratori e gli occupati con più di 50 anni. Di conseguenza, quasi il 6% di loro è stato rimosso dal lavoro a partire da martedì per aver violato i requisiti di vaccinazione.

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha difeso domenica sera l’introduzione in Rai delle vaccinazioni legate all’età come un “passo giusto e coraggioso”. Anche se il numero dei contagi e soprattutto dei ricoveri è diminuito in modo significativo in tutto il Paese nelle ultime due settimane, bisogna “continuare a prestare attenzione”, ha avvertito il ministro. Speranza attribuisce la riduzione dell’attuale ondata di pandemia esclusivamente al successo delle vaccinazioni. “Il 91 per cento di tutti gli italiani di età superiore ai dodici anni è stato vaccinato almeno una volta”, ha sottolineato il ministro, ma al tempo stesso ha riconosciuto che nell’ultimo mese e mezzo sono state contagiate più persone che in qualsiasi momento dall’inizio della la pandemia circa due anni fa. .

I datori di lavoro si oppongono al divieto di lavorare per chi ha più di cinquant’anni senza prova della vaccinazione o della guarigione che il lavoratore sospeso non può essere facilmente sostituito. Inoltre, il controllo dello stato vaccinale dei dipendenti di età superiore ai 50 anni, che è responsabilità dell’azienda, comporta costi considerevoli.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.