Decine di migliaia di persone in strada si sono opposte al nuovo accordo con il…

Decine di migliaia di argentini sabato hanno protestato contro il rimborso del debito del governo nei confronti del Fondo monetario internazionale, una prospettiva che ha sconcertato i timori di un collasso sociale causato dai programmi di aggiustamento strutturale.

“Non compatibile con il FMI”, “il debito è per il popolo, non per il FMI”, “pagare il debito è aggiustamento”: striscioni, slogan, canzoni di organizzazioni di sinistra radicale, studenti, sindacati, piazza maggio allagata, dietro tutte le gioie e dolori di questo paese, non lontano da Casa Rosada, il palazzo presidenziale.

Tra le percussioni, il vento, il fumo, i barili e il fumo delle strade (venditori ambulanti di barbecue) nelle strade, i partecipanti alla mobilitazione hanno avuto successo contro il FMI, ma anche il governo di centrosinistra, che hanno accusato di essere d’accordo. per un rimborso di 44 miliardi di dollari entro il 2024. Viene così adottato un ulteriore programma di aggiustamento fiscale in un Paese dove il tasso di povertà ha raggiunto il 40%.

“È terribile vedere bambini in ospedale con flatulenza dovuta alla fame. In effetti, è successo oggi in Argentina!” Ania Cristina Jaime, 70 anni, ha detto con rabbia all’Afp, “senza partito ma con il cuore a sinistra”. “Ogni 8-9 anni ci ‘vendono’ al FMI (…). L’unica soluzione che vedo è non pagare, ma cercare fondi che vadano all’estero. Che paghino loro!”

Per tutta la settimana, delegazioni dell’Argentina (governo e banca centrale) si sono incontrate a Washington con il personale del FMI. Entro la fine dell’anno, il governo dovrebbe presentare al parlamento un “quadro finanziario pluriennale” con l’approvazione del FMI.

L’esito dell’attuale ciclo di negoziati? Sono necessarie “discussioni più ampie” prima di poter raggiungere un accordo, ha affermato il FMI in un comunicato stampa diffuso venerdì.

Lo stesso giorno, una folla più numerosa si è radunata in piazza May, questa volta composta principalmente da sostenitori del governo peronista, per celebrare con la musica il 38° anniversario della restaurazione della democrazia in Argentina, la fine della dittatura militare (1976-1983). ).

Capro espiatorio

Il presidente Alberto Fernandes era accompagnato dall’ex capo di stato del Brasile Luis Inacio Lula da Silva (futuro candidato alla presidenza nel 2022) e dall’uruguaiano Jose “Pepe” Mujica. Tema della serata: la nostalgia, secondo Lula, per il “periodo migliore per la democrazia” in Sud America, quando i governi di centrosinistra, socialisti o “bolivariani” hanno esercitato il potere da Santiago a Caracas nei primi decenni del 21° secolo.

Non è un mistero che un riferimento al capro espiatorio, il FMI, sia quasi obbligatorio in tutti i discorsi. Il presidente Fernandes ha applaudito quando ha affermato che “l’adeguamento (strutturale) dell’Argentina è una cosa del passato” e che il rimborso del debito “non avverrà a spese della salute, dell’istruzione pubblica, dei salari, delle pensioni”. Tuttavia, è stato attento a sottolineare che “adempiremo agli obblighi che altri hanno fatto”, riferendosi a un prestito che l’Argentina ha ottenuto durante il mandato del predecessore di centrodestra Mauricio Macri (nel 2018).

L’applauso è stato più forte quando la sempre popolare Cristina Fernandes de Kirsner, capo di stato dal 2007 al 2015, ora vicepresidente, ha stigmatizzato che il FMI “ha dettato a lungo le condizioni di vita in Argentina”.

Per la signora Fernandes, Dana deve “aiutarci a trovare i miliardi” che alcuni “portano al paradiso fiscale! Questo deve essere uno dei temi nei negoziati”.

I colloqui hanno coinciso con l’anniversario della “grande crisi” del dicembre 2001: un boom sociale in Argentina colto in una confluenza di fuga di capitali e mancanza di liquidità dopo anni di austerità voluta dal FMI. Rivolte, saccheggi, incidenti violenti, almeno quaranta morti e ferite non rimarginate sono l’eredità di quella crisi.

“Ricordo molto bene nel 2001, il saccheggio del supermercato all’angolo della mia strada, il mondo senza lavoro, la fame”, ha detto Juan Soto, un lavoratore di 30 anni, a una manifestazione in piazza maggio. “La storia si ripete, si sa. Se si raggiunge un accordo (con il Fmi), faremo degli aggiustamenti. Ma chi si ‘aggiusterà’? I lavoratori, i poveri? Quelli che escono da una pandemia dove tanti posti di lavoro hanno già andato perso?”

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.