Delizioso patrimonio: tre ristoranti tradizionali italiani per famiglie a Buenos Aires

La scena gastronomica argentina ne ha per tutti i gusti, e la scelta che non manca mai è il cibo italiano: questi sono i tre migliori ristoranti italiani a Buenos Aires

Sai, il gusto ci prende senza muoverci, e la gastronomia in Italia è imperdibile quasi quanto il Duomo di Milano o il Colosseo a Roma. Mangia in un ristorante italiano è da visitare con i sensi che il paese si è innamorato. Molti dei nostri nonni sono arrivati ​​in barca da quella terra e Si trasmettono le loro usanze di generazione in generazione. Ma durante quei decenni La gastronomia italiana non ha preso il sopravvento con una tale spinta, come è ora nella cucina di Buenos Aires.

Tuttavia, loro solo alcune proposte che, sebbene abbiano aperto i battenti l’anno scorso, conservano ancora oggi alcune delle voci di menu più deliziose del paese. Questa azienda di famiglia racconta tante storie allo stesso tempo, costruisce comunità, parla di eredità tramandate di generazione in generazione; sulla storia di un paese con le sue stranezze, battute d’arresto e gioie (e se è l’Argentina, di più). Raccontano anche le storie di chi ci lavora, alcuni dei quali sono arrivati ​​molto giovani e oggi passano il testimone ai propri figli per continuare a scrivere insieme per il futuro.

Tre ristoranti tradizionali italiani per famiglie

broccoli

Il ristorante ha aperto i battenti per la prima volta nel febbraio del 1985, nei locali dove ha sede l'agenzia pubblicitaria di famiglia.
Il ristorante ha aperto i battenti per la prima volta nel febbraio del 1985, nei locali dove ha sede l’agenzia pubblicitaria di famiglia.

storie su Broccolino, ristorante a conduzione familiare situato nel Microcentro, scritto da 1985dove si festeggiano compleanni, promozioni, Mondiali, elezioni, dove ci sono addii, dichiarazioni d’amore e visite famose inaspettate, intorno alla tavola, e piatti prelibati perché, come sappiamo, niente unisce come il cibo.

Dopo la pandemia, Microcentro inizia ad aumentare la tua velocità broccoli mantiene acceso il fuoco del suo forno per la pizza per 38 anni e la padella torna a cuocere la pasta che fa urlare la famiglia come certi piatti.

Ristorante ha aperto i battenti per la prima volta nel febbraio 1985, dove aveva sede l’agenzia pubblicitaria di famiglia. Il nome è un omaggio agli italiani che si stabilirono a Brooklyn dopo la prima ondata migratoria. In Argentina, con il libro di cucina livornese di Luciana e della nonna, la famiglia intraprende una nuova avventura gastronomica. Hanno iniziato con la pizza tradizionale italiana e nel tempo hanno aggiunto piatti fino ad avere uno dei menu più autentici del paese.

In data odierna, Alejandro Balabeni, il figlio di Lucianapiombo una squadra che è cresciuta ed è passata ai nostri figli, nipoti e nipoti, e sulla quale continuano a lavorare dopo più di 25 anni, cuochi e camerieri che fanno parte del cuore del ristorante. Crebbe il broccolino e si aggiunsero capannoni e aree di produzione, dove si impastava la pasta fresca per sfamare sia i locali che i turisti in arrivo attratti dai profumi che permeavano i marciapiedi.

Si coltivano i broccoli e si aggiungono ai padiglioni e alle zone di produzione, dove si impasta la pasta fresca per sfamare i locali e i turisti in arrivo attratti dal profumo che permea i marciapiedi.
Si coltivano i broccoli e si aggiungono ai padiglioni e alle zone di produzione, dove si impasta la pasta fresca per sfamare i locali e i turisti in arrivo attratti dal profumo che permea i marciapiedi.

Cosa chiedere? La pasta è la protagonista del locale. Davanti alle lettere maiuscole Difficile non farsi tentare da paste ripiene come i ravioli di renna con salsa Alfredo conditi con funghi e pesto. Molti scelgono il classico tagliatelle all’amatriciana o alla puttanesca per chi vuole un po’ di spezie e per chi ama condividere, c’è una scelta di pasta portata quattro varietà con quattro salse tra cui scegliere.

Prima della pasta Pochi possono resistere ai Calamaretti Broccolino serviti al vino bianco, o alla Cipolla Broccolino, piatto tradizionale fritto aperto e servito a forma di fiore.. Da non perdere le melanzane alla parmigiana e il fior caprese in un latte.

Fra la carneQuello saltimbocca alla romana questo punto classico insieme a lombo al pepe, gusto nostalgico che indugia nel menu. E da raffinato ristorante italiano, non può mancare il risotto nelle sue tante varianti. Per adesso dolcisenza ulteriori indugi: il Pecatto al Cardinale È un inno ai golosi indecisi, un po’ di tutto per coprire un pasto versatile, delizioso e delizioso, perché scegliere quando puoi avere tutto?

– Dove? Esmeralda 776, Centro

Fettuccine Mario

Al ristorante servono pasta con formaggio misto, se il ristorante chiede altro formaggio non lo serve Atilio, e se preferisce la pasta senza formaggio non la serve neanche lui (Mora Cravero)
Al ristorante servono pasta con formaggio misto, se il ristorante chiede altro formaggio non lo serve Atilio, e se preferisce la pasta senza formaggio non la serve neanche lui (Mora Cravero)

Nel 1943, Mario Bianchi e sua moglie, Anahanno aperto le porte del loro ristorante Pilastro. Con camere eleganti, un’attenzione eccellente e personale e il rispetto delle tradizioni italiane, deliziano l’intera città con il loro menu fatto in casa. Tuttavia, i fondatori non trovarono presto il suo prestigio e la sua popolarità.

“Riesci a immaginarlo nel 1943 l’unico asfalto a Pilar è quello intorno alla piazza. in giro per la zona, Passa un’auto al giorno o al massimo due, solo perché siamo situati vicino a una stazione di servizio. Un giorno i proprietari della proprietà hanno offerto a mio padre di acquistare l’attività perché non potevano mantenerla. Per quanto folle potesse sembrare, mia madre lo convinse a farlo”, ricorda l’inizio Fettuccine Mario, Atilio Bianchi, tuo figlio.

I primi anni sono stati duri ma è bastato loro per pagare la parte di attività che avevano comprato quasi senza nemmeno pensarci. A poco a poco, quelli con fattorie a Pergamino, Capitán Sarmiento o San Antonio de Areco fanno una visita al ristorante come tappa obbligatoria per il pranzo.

Nonostante la sua nazionalità italiana, sua madre è nata in Jugoslavia. Suo padre, dal canto suo, era un appassionato di pasta alla bolognese. “In origine mio padre Ho cucinato la bistecca di filetto con patate fritte e uova. Finché un giorno uno dei clienti abituali è venuto una domenica mentre stavamo pranzando al ristorante e ha chiesto: “Cosa stai mangiando?” Essi fettuccine con il ragù di mia mamma, una creazione fusion triestina-italiana. “Lo voglio”, suggerì quasi senza esitazione. Quando l’ha provato, l’ha convinto non aveva mai mangiato niente di simile in nessuna parte del mondo, correva tra i suoi amici ed è così che abbiamo iniziato a servire le nostre famose fettuccine”.

Con camere eleganti e un servizio eccellente e personalizzato, alle Fettuccine Mario onorano la loro tradizione italiana (Mora Cravero)
Con camere eleganti e un servizio eccellente e personalizzato, alle Fettuccine Mario onorano la loro tradizione italiana (Mora Cravero)

Ristorante situato intorno al club di polo più famoso della città. Atilio ricorda che per due mesi, ogni giorno, un italiano, il principe Ruspoli, faceva il suo taxi dal centro di Buenos Aires ad aspettarlo quando partecipava a spettacoli sportivi d’élite e poi quando mangiava le fettuccine nel suo locale.. Un giorno, quando disse addio ad Atilio per tornare a Roma, gli disse che voleva che gli preparasse un piatto speciale. “Quasi senza esitazione, ho detto di sì”, ha detto.

Il giorno dopo, quando tornò, la vide e si ricordò della sua promessa. Andò in cucina, prese fettuccine per esitazione della madre aggiunse un po’ di panna e funghi. “Gli piacevano così tanto che mi ha chiesto di dargli il nome. Oggi è uno dei migliori venditori. Anche se non vuole condividere la ricetta, Atilio si assicura che per la pasta “Príncipe Ruspoli” la cottura del ragù per sei ore sia fondamentale. Il figlio di Mario mangia pasta tutti i giorni e mangia solo carne in salsa o ripieni. Per lui, Una buona salsa è molto importante per una buona pasta. Al ristorante servono pasta con formaggio misto, se il ristorante chiede altro formaggio, Atilio non lo serve, e se preferisce la pasta senza formaggio, gli dice che non la servirà senza formaggio.

– Dove? San Martin 299 e Strada Nazionale 8, Pilar

Ristorante La Locanda Restoran

Daniele Pinna possiede ristoranti in Italia, lavora a Barcellona, ​​​​Malaga, Toscana e Sardegna e ha aperto questo locale quando è arrivata nel 2010, accompagnata dai suoi genitori che l'hanno aiutata ad allestirlo
Daniele Pinna possiede ristoranti in Italia, lavora a Barcellona, ​​​​Malaga, Toscana e Sardegna e ha aperto questo locale quando è arrivata nel 2010, accompagnata dai suoi genitori che l’hanno aiutata ad allestirlo

villetta, guidato dallo chef Daniele Pinna, questo uno dei ristoranti di cucina italiana più rispettati e famosi in Argentina. Lo chef possiede ristoranti in Italia, lavora a Barcellona, ​​​Malaga, Toscana e Sardegna, e ha aperto questo posto non molto tempo fa, quando è entrato Il 2010 è stato accompagnato dai suoi genitori che lo hanno aiutato a montarlo.

Figlio di uno chef e ristoratore in Italia, Daniele cucina da quando aveva quattordici anni. Ha appreso le tecniche di base dal padre, che ha poi perfezionato nelle cucine di tutto il mondo.. Oggi cerca ogni giorno di intrattenere i visitatori con la sua visione della cucina italiana.

Figlio di uno chef e ristoratore in Italia, Daniele cucina da quando aveva quattordici anni.  Ha appreso le tecniche di base dal padre, che poi ha perfezionato nella cucina del mondo (Instagram)
Figlio di uno chef e ristoratore in Italia, Daniele cucina da quando aveva quattordici anni. Ha appreso le tecniche di base dal padre, che poi ha perfezionato nella cucina del mondo (Instagram)

Tra i piatti più amati del menu ci sono: antipasti sardi, con prosciutto di parma, olive nere, salame e pecorino; Quello polpo alla griglia, polpo spagnolo alla griglia con patate; Quello Maccheroni alla romana con salsa alla carbonara; Quello risotto ai funghi porcini; e, per dessert, mousse al cioccolato e tiramisù, vanto di casa.

Come dovrebbe essere il piatto per essere soddisfatto? deve essere ricco. Non hai bisogno di grandi cose per realizzarlo, non deve essere unico o molto fifi. Si Certamente, la materia prima deve essere buona. Da un buon prodotto, puoi fare qualsiasi cosa”, ha detto in un’intervista a questo media alcuni anni fa pinna.

– Dove? Pagano 2697, Recoleta

CONTINUA A LEGGERE:

Dalle cioccolaterie tradizionali alle torte fantasiose: qual è il posto migliore per acquistare uova di Pasqua e ciambelle?
Via dei dolci: dove mangiare i dolci migliori e più famosi di Buenos Aires
Le 6 migliori pizzerie di Buenos Aires, secondo gli chef più prestigiosi del Paese

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.