Disastro storico in Italia, Mancini si prende tutte le colpe

5 ore fa, 25.03.2022 20:51
Luca Vincenzo
foto: Nazionale di calcio italiana
Rappresentante

Essendo la quarta squadra della storia, l’Italia non è riuscita a qualificarsi per la prossima Coppa del Mondo dopo aver vinto l’Europeo. Dopo l’incidente ai playoff, quando Aleksandar Trajkovski li colpì fatalmente nel gioco al 92° minuto, era considerato una tragedia nazionale sotto l’Appennino.

Italia 0, Macedonia del Nord 1. Questo risultato ha suscitato una tremenda ondata di critiche in Italia, mentre nella Repubblica post-jugoslava l’intera nazione sognava una partecipazione storica al Mundial. L’ideatore del successo dell’Italia agli Europei, il tecnico Roberto Mancini, ha poi faticato a valutare l’accaduto. Posso dire di aver vissuto la più grande eccitazione sportiva e ora la più grande delusione dell’estate. È difficile per me parlare ed è difficile per me parlare di altre cose. Sarà difficile nei prossimi giorni. Ma mi piace. più dell’anno scorso. Negli ultimi tre anni giocando davvero bene, hanno meritato di vincere l’Europeo”. Afferma Mancini.

La sua squadra giovedì ha provato a tirare quaranta volte, ma solo sei di loro sono andati al portiere macedone, poiché sedici di loro sono stati bloccati dai difensori della nazionale macedone del Nord. “Allora era solo una nostra preoccupazione. Dopotutto, questo fallimento non ha avuto a che fare con nessuno tranne me. Questi sono giocatori forti che andranno a beneficio del calcio italiano. Se c’è qualcuno da incolpare, sono io, non loro e nemmeno la federazione. l’allenatore, e quando il calcio non funziona, l’allenatore è il primo ad assumersi le responsabilità. Ci ho sofferto molto. Qualcosa è andato storto, ma non so nemmeno perché. E non so nemmeno perché abbiamo giocato playoff e non è andato dritto”. Mancini ha assunto la piena responsabilità in un comunicato citato da calciomercato.com. In Italia il fallimento nei playoff è stato letteralmente considerato un disastro nazionale il primo giorno dopo la partita.

D’altra parte, una grande festa è iniziata dietro l’Adriatico dopo essere stato colpito da Trajkovsky. E i macedoni del Nord saranno protagonisti della finale in caserma in Portogallo martedì 29 marzo, durante la loro partecipazione inaugurale ai Mondiali. Sarebbero anche dei grandi outsider lì. Tuttavia, dopo la semifinale vinta contro l’Italia, i tifosi hanno invaso la piazza della capitale Skopje e hanno festeggiato fino a tarda notte. E la Macedonia ha continuato a sognare il suo sogno.

fonte: sportky.sk

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.