Doccia fredda e niente luce: l’Europa risparmia sulla carenza di gas della Russia

PARIGI (AP) — Dopo la mezzanotte, attivisti anti-spazzatura si disperdono come guerriglie urbane per le strade buie di Parigi, arrampicandosi su muri e tubi per raggiungere interruttori e spegnere le luci.

Clic. Clic. Clic.

Una dopo l’altra, le luci esterne lasciate dai negozi si sono spente. È un piccolo ma simbolico gesto nella massiccia spinta al risparmio energetico dell’Europa per ridurre la sua dipendenza dal petrolio e dal gas naturale russi in modo che le fabbriche non siano costrette a chiudere e le case siano mantenute calde e luminose.

L’ingegnere Kevin Ha ei suoi altrettanto agili amici avevano represso gli affari inutili a Parigi molto prima che la Russia iniziasse a tagliare le forniture di energia all’Europa, nello scontro di volontà che circondava l’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca. Gli attivisti sono pionieri della tendenza al risparmio energetico che sta emergendo in Francia, Germania e altrove. Il messaggio, che tutti possono aiutare, è quasi alla lettera quello che dicono ora i funzionari pubblici, dai sindaci ai ministri.

“Chiunque può avere un impatto positivo al proprio livello implementando buone pratiche, facendo le cose giuste per ridurre il proprio consumo energetico totale”, ha detto Ha, 30 anni, una notte recente spegnendo le luci sul viale degli Champs-Élysées . .

La posta in gioco è alta. Se la Russia taglia la sua fornitura di gas già in diminuzione, i funzionari temono che l’Europa potrebbe diventare un luogo più freddo, più buio e meno produttivo il prossimo inverno. È importante conservare il gas ora in modo che possa essere riservato per un uso successivo in case, fabbriche e centrali elettriche, secondo le autorità.

“L’Europa deve essere pronta”, ha affermato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. “Per superare l’inverno, supponendo che ci sia una chiusura completa del gas russo, dobbiamo risparmiare gas per riempire le nostre riserve di gas più velocemente. E per farlo, dobbiamo ridurre il nostro consumo di gas. So che c’è molto da chiedere a tutta l’UE, ma è necessario proteggerci”.

E mentre l’Europa cerca di portare l’elettricità altrove, le difficoltà di questo inverno potrebbero essere il preludio a qualcosa di peggio in futuro se le forniture di gas della Russia fossero completamente tagliate e rimarranno senza flusso fino al 2023, secondo il ministro francese responsabile dell’Energia, Agnès Portavaligie.

“Se le consegne di gas russe vengono interrotte alla fine dell’anno, significa che avremo un anno intero senza gas russo, quindi il prossimo inverno potrebbe essere anche peggio”, ha detto Pannier-Runacher ai senatori francesi.

Da qui la crescente richiesta – ormai familiare ai genitori disperati di adolescenti stravaganti di tutto il mondo – agli europei di fare docce più brevi, staccare la spina e in generale fare quello che possono.

La Germania riceve circa un terzo del suo gas dalla Russia, lasciando la più grande economia dell’UE e la nazione più popolosa in una posizione vulnerabile. Le campagne di risparmio energetico hanno spento le luci, raffreddato le piscine pubbliche e regolato i termostati.

La cupola di vetro del Reichstag, l’edificio del parlamento di Berlino, è morta dopo aver chiuso l’accesso ai visitatori a mezzanotte e due facciate non sono più illuminate. Le temperature negli uffici dei legislatori scenderanno di due gradi a 68 Fahrenheit (20 gradi Celsius) questo inverno. Il municipio di Berlino, il Museo Ebraico, due teatri d’opera e l’iconica Colonna della Vittoria, con i loro splendidi panorami, saranno alcuni dei 200 luoghi della capitale tedesca che non saranno più illuminati di notte.

Le piscine della città di Monaco hanno chiuso la sauna e ora hanno l’acqua più fredda. Ad Hannover pioverà solo acqua fredda, nel piano della città del nord di tagliare la propria energia del 15%.

“La somma di tutti i contributi ci aiuterà a superare questo inverno ea prepararci per il prossimo inverno”, ha affermato Robert Habeck, vice cancelliere tedesco e ministro dell’Economia. Ha anche detto al settimanale Der Spiegel di aver ridotto il tempo necessario per fare la doccia.

“Sarà una strada dura e difficile, ma possiamo farcela”, ha detto.

Con una campagna intitolata “Spegnere l’interruttore”, il governo olandese ha esortato a limitare i tempi del bagno a cinque minuti, utilizzando tende da sole e ventilatori invece dell’aria condizionata e asciugando il bucato.

In base a una legge approvata lunedì nella Spagna spesso calda, uffici, negozi e strutture ricettive non saranno più in grado di impostare il termostato sotto gli 81 gradi Fahrenheit (27 gradi Celsius) in estate, o sopra i 19 gradi Celsius in inverno. .

Il presidente del governo, Pedro Sánchez, ha chiesto agli impiegati di slegarsi, in teoria per ridurre la tentazione di usare l’aria condizionata. Ha dato l’esempio offrendo una conferenza stampa con il colletto aperto.

Il governo italiano ha anche raccomandato di limitare il riscaldamento e il raffrescamento degli edifici pubblici.

In Francia, il governo punta a ridurre il consumo energetico del 10% entro il 2024, con una campagna di “calma energetico”. I sindaci stanno conducendo la propria battaglia contro gli sprechi, imponendo multe alle attività con aria condizionata o riscaldamento che lasciano le porte aperte, mentre altri stanno cercando di limitare il colpo dell’aumento dei prezzi dell’energia.

Gli 8.000 abitanti di Aureilhan, ai piedi dei Pirenei nel sud-ovest della Francia, sono abituati a notti senza lampioni dall’11 luglio. Spegnere 1.770 linee elettriche dalle 23:00 alle 6:00 farà risparmiare al sindaco Yannick Boubée i soldi che il sindaco Yannick Boubée preferirebbe spendere per strade e altri lavori di manutenzione. Altrimenti, ha detto, la bolletta dell’elettricità di 84.000 euro ($ 86.000) che la città paga nel 2021 è sulla buona strada per quasi triplicare l’anno prossimo.

“Alla fine, non c’è motivo di tenere le luci accese di notte”, ha detto al telefono. “Cambia il modo in cui pensiamo”.

La prossima cosa è convincere i vicini ad accettare meno riscaldamento nelle stanze quando le scuole riapriranno.

“Chiederemo ai genitori di mettere i maglioni sui loro figli, il che non costa nulla”, ha detto. “Purtroppo non abbiamo scelta”.

___

Gli autori dell’Associated Press Geir Moulson a Berlino, Mike Corder all’Aia, Colleen Barry a Milano e Frances D’Emilio a Roma hanno contribuito a questo rapporto.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.