dott. . Batakis, Università Tecnica di Creta: In Grecia, a causa della pandemia, l’aspettativa di vita è diminuita di quasi sei mesi | SALUTE

Secondo un professore dell’Università Tecnica di Creta, in emergenza, ma anche permanente, misure a sostegno del sistema sanitario affinché lo Stato possa far fronte alla pandemia di coronavirus.

dott. Dimitris Batakis, Professore all’Università Tecnica di Creta, Laboratorio di Ingegneria Finanziaria M.Sc. Politica sanitaria internazionale LSE, M.Sc. Health Economics and Management, in un articolo, fa riferimento al “nuovo piano Marshall” per la salute che deve essere progettato per rispondere alle sfide della pandemia.

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO LA PUBBLICITÀ

Il professore nel suo articolo fa riferimento alla riduzione dell’aspettativa di vita, causata dalla pandemia (nel nostro Paese è già un anno e mezzo), ma anche agli effetti psicologici della pandemia.

il seguente articolo:

“La pandemia di coronavirus è il problema più grande che tutti i paesi del mondo devono affrontare oggi. Questo perché questa pandemia, come tutte le pandemie, pone molti problemi, come le turbolenze sociali ed economiche. Ma il problema più importante che si pone è senza dubbio il danno inflitto alla salute pubblica, che porta ad un aumento dei pazienti e dei decessi.

Uno studio pubblicato sul British Medical Journal nel novembre 2021 ha rilevato che in 24 dei 30 paesi dell’OCSE esaminati, l’aspettativa di vita a causa del coronavirus è diminuita di oltre 1 anno. Ad esempio, gli Stati Uniti hanno perso 1,8 anni di vita, la Spagna circa 1,5 e l’Italia con il Belgio 1,2. Al contrario, i paesi con una buona gestione della pandemia, come Norvegia, Giappone, Danimarca e Finlandia, non hanno registrato una diminuzione dell’aspettativa di vita. Un altro fattore importante è l’aumento del 16% del numero stimato di decessi in 38 paesi dell’OCSE, dall’inizio della pandemia alla prima metà dello scorso anno rispetto ai cinque anni precedenti.

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO LA PUBBLICITÀ

Tuttavia, le pandemie hanno conseguenze negative non solo per la salute fisica delle persone, ma anche per la loro salute mentale. L’OCSE ha rilevato che la prevalenza di ansia e depressione ha più che raddoppiato i livelli di pre-virus. I disturbi della salute mentale creano altre condizioni avverse, poiché è stato dimostrato che le pandemie sono responsabili degli stili di vita malsani delle persone. Il fumo, il consumo dannoso di alcol e il cibo di scarsa qualità sono alcuni esempi di questo fenomeno che, oltre a essere dannoso per la salute, si è rivelato un fattore di aggravamento di malattie gravi e di morte per coronavirus.

I dati che presentiamo, ovviamente, riguardano anche la Grecia. Il nostro Paese ha registrato nel 2020 un calo dell’aspettativa di vita di quasi sei mesi, secondo un rapporto della Fondazione Max Planck e un aumento della mortalità del 10,76% nel 2021 rispetto all’anno precedente e del 15% in media cinque anni fa durante il pandemia, ovvero 2015-2019. . Anche se i decessi per coronavirus sono stati eliminati, c’è stato un aumento del 4% dei decessi rispetto alla media quinquennale riportata.

Con questi dati il ​​nostro Paese è chiamato ad affrontare i problemi che stanno alla base di un decennio di crisi economica che tra l’altro ha gravato e indebolito il sistema sanitario nazionale. Ma oltre al NSS, gli anni della crisi hanno colpito anche le persone, tanto che la crisi sanitaria sorta all’inizio del 2020 sembrava essere una continuazione della crisi economica. Tutti questi fattori creano una realtà imposta che rende ancora più difficile il lavoro degli operatori sanitari, ma anche di coloro che hanno portato avanti la formulazione delle politiche sanitarie nazionali nei confronti di altri Paesi.

Durante la pandemia abbiamo visto che alcuni dei più grandi sistemi sanitari del mondo, come Regno Unito, Italia e Svezia, non potevano resistere alla pressione, quindi i medici hanno dovuto scegliere quali pazienti trattare nelle unità di terapia intensiva. . Ciò non significa che questi sistemi sanitari abbiano agenti patogeni significativi, perché sono strutturati in modo tale da funzionare in condizioni normali e in queste condizioni sono molto efficaci. Ma la pandemia, che non ha precedenti per le persone di oggi, i sistemi sanitari forti come i loro non dispongono delle infrastrutture adeguate per far fronte. Ecco perché tutti i Paesi del mondo hanno adottato misure sanitarie senza precedenti per il mondo occidentale, come lockdown, distanziamento sociale e uso delle mascherine.

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO LA PUBBLICITÀ

Pertanto, è necessario formulare una politica di emergenza per la possibilità di una crisi sanitaria, perché come è noto all’OMS, la possibilità e il timore che una nuova pandemia si manifesti in un tempo molto più breve di quanto stimano gli esperti. Pertanto, sia a livello nazionale che internazionale, è necessario rafforzare il sistema sanitario per far fronte a possibili crisi sanitarie.

Nello specifico, potrebbe essere redatto a livello europeo un “nuovo Piano Marshall”, volto a finanziare i sistemi sanitari per prepararsi alle future pandemie. “Una cosa del genere sarebbe di interesse per la Grecia, in quanto è inferiore alla media dell’UE nei finanziamenti pubblici per l’assistenza sanitaria”.

Seguilo su Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità
Vedi tutte le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo, su

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.