Draghi: l’embargo sul gas della Russia ‘non sul tavolo’

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha dichiarato mercoledì che la sospensione delle importazioni di gas dalla Russia non è stata presa in considerazione a livello dell’UE, ma che se fosse stato raggiunto un consenso, l’Italia avrebbe accettato una decisione congiunta.

“L’embargo sul gas non è ancora sul tavolo e non so se accadrà”, ha detto Draghi ai giornalisti in una conferenza stampa.

Stock fino alla fine di ottobre

Ha detto che se i flussi di gas da Mosca fossero interrotti, l’Italia avrebbe riserve per coprire i suoi bisogni entro la fine di ottobre.

L’Italia fa molto affidamento sulla Russia per le sue forniture di gas, ma Draghi ha affermato che se si raggiungerà un consenso a livello europeo per bloccare le importazioni di gas, “saremo lieti di obbedire”.

Ungheria: pronto a pagare in rubli per il gas russo

In precedenza, il primo ministro ungherese Viktor Orban aveva affermato che l’Ungheria non avrebbe avuto problemi a pagare in rubli la quantità di gas ricevuta dalla Russia e se Mosca avesse chiesto a Budapest di farlo, lo avrebbe fatto.

Ha aggiunto che il suo paese “non cederà” alle pressioni per sostenere sanzioni estese contro la Russia per le spedizioni di petrolio e gas, poiché questa è una “linea rossa” per l’Ungheria.

Va notato che la Slovacchia si è dichiarata pronta a pagare in rubli il gas naturale, se necessario, mentre la Germania è contraria a qualsiasi discussione su un embargo russo sul gas.

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.