Draghi non ha appuntamento con Putin

BAlla vigilia dell’invasione russa dell’Ucraina, il primo ministro italiano Mario Draghi si è attenuto ai suoi piani per una missione diplomatica a Mosca. Draghi aveva aspettato una settimana intera per la nomina di Vladimir Putin, che non è mai arrivata. Mercoledì pomeriggio il ministro degli Esteri Luigi Di Maio è subentrato da Roma per annullare il viaggio. Poche ore dopo, iniziò l’invasione dell’Ucraina.

Mattia Rub

Il corrispondente politico per l’Italia, il Vaticano, l’Albania e Malta ha sede a Roma.

La missione interrotta di Mosca e l’invasione russa dell’Ucraina hanno messo in luce un errore di valutazione delle politiche di sicurezza di Draghi e il suo fallimento personale. Nel suo discorso alla Camera dei Rappresentanti del 15 gennaio, Draghi ha assicurato che il dispiegamento delle truppe di Putin non indicava un’imminente invasione dell’Ucraina, ma piuttosto che la Russia voleva essere “parte del processo decisionale”. Da quando è entrato in carica nel febbraio 2021, Draghi ha fatto numerose telefonate con Putin – quattro volte solo da agosto – nel tentativo di costruire un rapporto di fiducia con il presidente russo.

L’amicizia di Berlusconi con Putin

La tradizione di relazioni speciali di Roma con Mosca risale alla Guerra Fredda e persistette dopo il crollo dell’Unione Sovietica nel 1991. Silvio Berlusconi e Vladimir Putin hanno coltivato un’amicizia maschile in cui si sono incontrati motivi geostrategici e personali. Come Berlusconi, l’allora capo del governo a Roma si è espresso ripetutamente contro le sanzioni occidentali contro Mosca dopo le azioni militari negli stati successori dell’Unione Sovietica. All’inizio della pandemia, nel marzo 2020, Mosca ha inviato forniture di soccorso e strutture mediche alla regione Lombardia particolarmente colpita nel nord Italia in segno di amicizia con l’Italia.

Di fronte a una grande offensiva russa in Ucraina, Roma cerca ora di evitare ogni forma di ambiguità. Giovedì Draghi ha condannato l’attacco russo come un “attacco ingiustificato” al quale Roma, insieme ai suoi alleati nell’Unione Europea, nella Nato e nel G7, avrebbe “reagito con tutto il cuore”. Tutti i partiti della coalizione di governo hanno deciso di condannare Mosca.

Enrico Letta, leader dei socialdemocratici, ha affermato che l’Italia, insieme ai suoi alleati, “agirà con decisione contro questa sfida senza precedenti in nome della libertà e della democrazia”. Il vice leader Antonio Tajani ha condannato l’operazione militare russa per conto del Partito Democratico Cristiano di Berlusconi, Forza Italia. Non c’è stata una condanna inequivocabile dell’attacco del fondatore del partito Berlusconi. L’ex premier Matteo Renzi del piccolo partito liberale di sinistra italiano Viva ha descritto l’attacco russo come inaccettabile.

Salvini e Meloni hanno condannato anche l’attentato in Ucraina

Anche l’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini della Lega nazionalista di estrema destra, che in passato si è più volte dichiarato un grande estimatore di Putin, ha condannato “con tutta determinazione” l’aggressione militare di Mosca ed ha espresso il pieno sostegno del premier Draghi “per una risposta congiunta di alleati”. . E anche Giorgia Meloni del partito postfascista Fratellanza italiana, l’unica forza di opposizione di qualsiasi dimensione, ha condannato “l’attacco di guerra su larga scala di Putin contro l’Ucraina”. L’Occidente e la comunità internazionale sono uniti nel “prendere tutte le misure necessarie per sostenere Kiev”, ha scritto Meloni.

A causa dei suoi stretti legami economici e commerciali con la Russia, l’Italia sentirà un onere di sanzioni più pesante di quasi tutti gli altri paesi in Europa. Nei primi undici mesi dello scorso anno, le aziende italiane hanno esportato in Russia beni e servizi per un valore di sette miliardi di euro. Le importazioni italiane ammontano a quasi 13 miliardi di euro, di cui la maggior parte sono importazioni di gas e petrolio. L’impennata dei prezzi dell’energia sta già mettendo sotto pressione la crescita economica dell’Italia.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.