Draghi, prima di Zelenski: “L’Italia vuole l’Ucraina nell’Ue” | Internazionale

L’Italia è stata uno dei principali partner della Russia in Europa e un alleato strategico del presidente Vladimir Putin sulle questioni commerciali. Solo quattro anni fa, il Governo della Lega e il Movimento 5 Stelle hanno rafforzato ulteriormente quel legame. Pertanto, ogni volta che il fulcro della guerra passava attraverso lo stato transalpino, si vedeva nuovamente il tessuto di quel rapporto. Il Presidente dell’Ucraina, Volodímir Zelenski, è intervenuto questo martedì in videoconferenza alla Camera dei Deputati italiana. Ha ringraziato l’Italia per il suo sostegno, ma ha chiesto sanzioni e opposizione più forti alla Russia.

L’apparizione di Zelensky a Palazzo Montecitorio – un’ora prima ha chiamato papa Francesco, che ha anche mostrato il suo sostegno – è un’altra tappa del tour telematico del presidente ucraino al Parlamento internazionale. Lo ha fatto sul serio, davanti a tutti i senatori e deputati e al presidente del Consiglio dei ministri, Mario Draghi. Tutti “condannano chiaramente l’attacco russo”. Gli applausi entusiastici dei membri di entrambe le Camere sono durati diversi minuti e non hanno lasciato spazio a dubbi. Draghi è stato enfatico nel suo discorso, in cui ha attaccato direttamente “l’arroganza del governo russo” ed è arrivato al punto di affermare che “l’Italia vuole l’Ucraina nell’Unione Europea”. Il discorso di Zelensky è stato preceduto da alcune polemiche in diversi settori della sezione scissa del Movimento 5 Stelle (M5S), che ha fondato un proprio gruppo politico, e lunedì ha ammesso di aver sentito anche la versione russa. Ma questo martedì il sostegno è stato unanime.

Il presidente dell’Ucraina, Volodímir Zelenski, nel suo messaggio finale diffuso sui social network. Foto: FACEBOOK | Video: FACEBOOK

Zelenski aveva un tono meno aggressivo rispetto a prima del parlamento tedesco. Ma ha messo in guardia gli italiani su cosa potrebbe accadere se la pressione su Putin non aumentasse, paragonando la distruzione di città come Mariupol a ciò che significa per città italiane come Genova di dimensioni simili. Inoltre, ha ricordato che dall’inizio dell’invasione erano morti 117 bambini. “Dovrebbe essere fatto tutto il possibile per garantire la pace. Questa è una guerra che è tenuta per anni da una sola persona, che fa soldi con il gas e lo usa per la guerra. Vuole controllare la tua vita e la tua politica, distruggere i tuoi valori democratici. L’Ucraina è la porta dell’esercito russo verso l’Europa. E vogliono entrare in Europa, ma non deve entrare la barbarie. (…) L’invasione era durata 27 giorni, quasi un mese. Quindi abbiamo bisogno di più sanzioni e altre pressioni fino a quando non arriverà la pace”.

Il divieto delle vacanze russe in Italia

Unisciti a EL PAÍS per tenerti aggiornato su tutte le notizie e letture illimitate.

cliente

Il presidente dell’Ucraina ha chiesto un duplice sforzo per isolare Putin, chiudendo anche le porte ai cittadini russi che trascorrono le vacanze in Italia. “Sapete chi ha ordinato la guerra e chi ha portato la guerra in Ucraina. Tutti usano l’Italia per le proprie vacanze. Non devi dare il benvenuto a queste persone. I loro beni devono essere bloccati e congelati. I tuoi conti, le crociere, anche le più piccole. Blocca tutti i beni di coloro che hanno potere decisionale in Russia. Le sanzioni e gli embarghi nei loro confronti devono essere sostenute. Nessuna eccezione per qualsiasi banca russa. Dobbiamo fermare gli omicidi e le guerre della Russia”, ha sottolineato. La situazione, ricorda Zelensky, era estrema. E paragonabile a quello che hanno fatto i nazisti, ha detto. “Ci sono soldati russi che torturano, violentano e rapiscono bambini. Ci hanno rubato. Questo è ciò che hanno fatto i nazisti quando hanno occupato altri paesi”.

L’Italia ha sempre avuto un alto grado di associazione con la Russia. Da quando il Partito Comunista Italiano è diventato il più importante in Europa, attraverso l’intensa amicizia di Silvio Berlusconi con Putin, alla tentazione dell’Esecutivo populista che nel 2018 ha formato il Movimento 5 Stelle con la Lega. Immagini dei camion russi che entrano a Bergamo nel mezzo della pandemia per fornire assistenza medica e logistica mostra L’ultima cartolina di un tono che si è tradotto negli ultimi anni in un delizioso scambio commerciale – 7.000 milioni di euro di export verso la Russia e 12.600 milioni di import – e che ora mette in una situazione scomoda molti lealisti di Putin.

Tuttavia, la situazione è cambiata nelle ultime settimane e la Russia ha messo l’Italia nella lista nera dei paesi. A loro non piacciono dichiarazioni, azioni o azioni contro gli oligarchi ai confini italiani. “Se il governo italiano seguirà la Francia nel dichiarare guerra finanziaria ed economica totale alla Russia accettando nuove sanzioni, ci saranno conseguenze irreversibili”, ha minacciato Alexei Paramonov, ex console della Russia a Milano e oggi direttore del dipartimento europeo. Ministero degli Affari Esteri della Russia. Paramonov ha anche ricordato all’Italia l’assistenza ricevuta durante la pandemia e ha accusato il ministro della Difesa italiano Lorenzo Guerini di essere “un uomo” Aquila e una delle principali ispirazioni della campagna antirussa del governo italiano”.

Draghi è stato molto chiaro nel suo intervento e ha lasciato dubbi nel Paese su questo tema. “L’arroganza del governo russo si è scontrata con la dignità del popolo ucraino, che ha frenato i desideri espansionistici di Mosca e imposto costi esorbitanti agli occupanti. La resistenza di Mariupol e di altre città dove la ferocia di Putin appare molto eroica. Oggi l’Ucraina rappresenta la nostra pace, la nostra libertà, la nostra sicurezza. Un ordine multilaterale basato su regole e diritti che abbiamo lavorato così duramente per costruire dopo la guerra. L’Italia gli è molto grata. L’Italia non si allontanerà dall’Ucraina. Il governo e il Parlamento sono in prima linea nel sostenere l’Ucraina”, ha affermato Draghi.

L’Italia deve ora trovare una soluzione al suo problema energetico. È uno dei paesi più dipendenti dell’Europa occidentale, poiché quasi la metà della sua fornitura (46%) proviene dalla Russia. Negli ultimi anni Roma ha intensificato notevolmente i suoi rapporti energetici con Mosca, nonostante la sua vicinanza ad altri fornitori come Algeria, Tunisia o Libia, che forniscono questi idrocarburi all’Italia tramite gasdotti vuoti, come TransMed o GreenStream. . Come ricorda lo stesso Draghi, 10 anni fa il Paese transalpino importava solo il 27% circa del proprio gas dalla Russia.

Presidente dell’Ucraina Volodimir Zelensky PRESIDENTE DELL’UCRAINA 28/02/2022Foto: Presidenza ucraina | Video: EPV

Segui tutte le informazioni internazionali su Facebook Voi Indonesiao dentro la nostra newsletter settimanale.

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.