È arrivato Google News Showcase, un nuovo servizio che include più di 140 titoli spagnoli di 60 gruppi editoriali

La redazione di 60 gruppi editoriali spagnoli che coprono più di 140 titoli inizieranno questo giovedì a proporre la loro selezione di contenuti attraverso Google News Showcase, un nuovo servizio che consente la diffusione di informazioni aggiornate attraverso i servizi Google News e Google Discover.

Con questa iniziativa nasce il colosso tecnologico programma di notizie in linea con una licenza che consente ai media integrati in Showcase di selezionare e presentare i contenuti che ritengono più interessanti in un pannello con l’intestazione e l’immagine del marchio.

I giornalisti dei media partecipanti creano e selezionano il contenuto dello schermo, che indirizza i lettori all’articolo completo sulle rispettive pagine Web.

Il pubblico può accedere al panel tramite il sito web di aggregazione delle notizie di Google News -su dispositivi Android, iOS e web- e tramite Trova Google -su Android e iOS.

Ogni supporto integrato in Showcase ha firmato contratto di licenza individuale con Google, in cui le multinazionali compensano finanziariamente le società di informazioni per l’accesso ad alcuni dei contenuti che producono.

Società di origine con sede a vista delle montagne (California) ha evidenziato la capacità degli editori di notizie di selezionare contenuti di “qualità” e “più pertinenti per gli utenti” presentati in pannelli con le proprie intestazioni.

Per quanto riguarda i termini economici dell’accordo con la società di informazioni, la società ha dichiarato che l’accordo lo farà “il più equo e giusto con ogni editore” in base al tuo contributo

E ha sottolineato che il criterio condiviso con il titolo che regolerà il contenuto è migliorare la qualità delle informazioni attuali su Internet con storie pertinenti e attuali da raggiungere. “più cittadini” e “più informati”.

La stessa fonte avverte che i media affiliati devono rispettare le politiche di Google sulla disinformazione e aggiunge che “nessuna remunerazione” dipenderà dalla visibilità o meno di ogni storia, il che significa che vengono prodotti contenuti di bassa qualità con hook (noti come “clickbait”) per guadagnare più visualizzazioni “Non avranno alcun impatto sulle condizioni economiche”.

Secondo i dati delle multinazionali, dal lancio globale di Google News Showcase nell’ottobre 2020, più di 1.700 media provenienti da venti paesi hanno aderito al progetto, tra cui Australia, Regno Unito, Giappone, Colombia, Germania, Brasile, Nuova Zelanda, Canada, Portogallo, Italia e Argentina.

Google News ha ripristinato l’attività in Spagna lo scorso luglio, dopo parentesi quasi otto anni di inattività e coincide con il ventesimo anniversario del progetto, dopo che la direttiva europea sul diritto d’autore è stata modificata nella legge spagnola alla fine del 2021 con regio decreto.

Questa riattivazione implica che tutti gli editori che rispettano le norme sui contenuti informativi possano apparire su Google News e in altri aggregatori.

Qualsiasi editore può negoziare con Google i suoi termini con riattivazione dell’aggregatore di notiziequalcosa che è stato criticato da entità come la Federazione delle associazioni dei giornalisti spagnoli, che affermano che le trattative con il gigante della tecnologia sono condotte attraverso entità collettive e non private.

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.