È bello vedere gli stadi pieni, ci stanno guardando in 110 paesi

Il miglior tennista del mondo, Novak Djokovic, incontrerà Anderja Rublev nella finale del Serbia Open, domenica alle 14.00 WIB.

Djokovic ha estromesso Karen Khachanov 4:6, 6:1 e 6:2 nei quarti di finale dopo il turnaround, mentre l’ottavo mondiale è stato migliore di Fabio Fognini 6:2, 6:2 in soli 63 minuti.

Il serbo e il russo si sono incontrati finora solo una volta, alla finale dell’ATP 2021 a Torino, e Djokovic ha vinto 6:3, 6:2.

“Le condizioni sono diverse, la superficie, l’altezza… Non abbiamo giocato Nika su questa superficie. In finale hai dato il massimo, tutto quello che era rimasto nel serbatoio. Andrej è uno dei giocatori di maggior successo degli ultimi tempi anni, ha continuità nella Top 10. controllava il gioco. So cosa fare. Ho parlato con Goran di tattica. Spero in un inizio migliore, che vinca meglio”, ha detto Novak che ha vinto tutte e tre le partite a Belgrado dopo aver perso il primo set.

Ho sentito bene la palla in tutte le partite. Ho servito bene, ho dettato il gioco, il secondo e il terzo set sono stati buoni. Ogni vittoria è importante per me. Il grande supporto mi ha dato la motivazione per giocare il miglior tennis e lottare fino alla fine. Mi sto avvicinando a ciò che voglio.

Il serbo ha sottolineato che, viste le poche partite giocate quest’anno, è positivo che tutti e tre i duelli sul campo del “Novak” siano finiti in tre set.

Novak Djokovic
Fonte : Starsport / Serbia Open

Non era il piano, cerco sempre di vincere la partita in due. Ti occupi di quello che hai in campo e cerchi di uscire. Data la mancanza di match, è una buona idea giocarli tutti in tre set. Sto bene fisicamente, sono più fiducioso Può sempre fare molto meglio, ma sono sulla strada giusta. Domani è la partita più difficile del torneo. Grazie per essere venuto a Belgrado, né lui né Karen dovrebbero dimenticarlo. Siamo ancora ultimi nel torneo, ma hanno votato per noi prima del Barcellona. Per noi significa molto organizzare il torneo”.

Djokovic è rimasto soddisfatto dell’andamento del torneo e delle reazioni dei partecipanti.

“Mi interessa che questo torneo sia vivo e abbia una preoccupazione sportiva nella regione. A parte Umago, questo è l’unico torneo su 250 che abbiamo nella regione. I progressi rispetto allo scorso anno sono molto buoni. Ci sono meno restrizioni, niente corone. È stato bello vedere uno stadio pieno “Ci vedono in 110 paesi in tutto il mondo. Domenica ci sarà una festa per il pubblico, auguro all’intera trinità, spero che tutto questo sia incoronato il migliore”.

Novak ha fatto riferimento ancora una volta alla decisione di Wimbledon di vietare la partecipazione delle concorrenti Russia e Bielorussia.

“Quando dico politica, è nello sport. Gli organi di governo e le organizzazioni, le strutture ci sono. Politica è un termine generico. Non va bene quando la politica a un livello superiore interferisce con il nostro sport. Sostengo quello che dico, non ce n’è bisogno sospendere gli atleti”, non vedo come abbiano contribuito a tutto ciò che è successo durante la guerra. Nel tennis abbiamo una regola per cui non c’è discriminazione: la regola è giocare per grado, non per nazionalità. Wimbledon ha rotto. Lo sostengo”, ha detto Djokovic.

Corrado Bellini

"Amichevole appassionato di Internet. Creatore. Appassionato di zombie impenitente. Imprenditore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.