E l’Italia non permette a russi e bielorussi di giocare a tennis

È quasi certo che i tennisti russi e bielorussi non potranno giocare nei principali tornei di Roma: il Masters maschile e il WTA 1000 femminile.

Secondo i media italiani, il governo deciderà nei prossimi giorni di vietare a Russia e Bielorussia dalle esibizioni sportive sul territorio del Paese, il che significa che non saranno a Roma.

Ad annunciare i risultati Giovanni Malago, Ministro dello Sport e Presidente del Comitato Olimpico Italiano (CONI).

“Il consiglio direttivo del CONI ha inviato raccomandazioni a tutte le federazioni per consentire la partecipazione di atleti russi e bielorussi alle competizioni nella nostra regione. Tutti gli sport, tranne il basket e in alcuni casi il tennis, hanno accettato la raccomandazione. Il governo sta valutando la situazione e presto prenderà un decisione finale”, ha detto.

La scorsa settimana Wimbledon ha bandito i tennisti russi e bielorussi.

Tale decisione è stata criticata dalle organizzazioni ombrello di tennis – ATP e WTA, la cui giurisdizione è il torneo di Roma, iniziato il 5 maggio.

La posizione del Governo, però, è sempre decisiva…


Notizia

Corrado Bellini

"Amichevole appassionato di Internet. Creatore. Appassionato di zombie impenitente. Imprenditore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.