È l’unico sopravvissuto all’incidente della funivia – Eitan (6) torna in Italia – Notizie dall’estero

Un ragazzo perde i genitori, il fratello minore e i nonni in un incidente in funivia (14 morti) in Italia. Scoppiarono controversie tra i parenti su dove vivere in futuro. L’altro suo nonno lo portò segretamente in Israele. Ora il tribunale ha deciso dove Eitan (6) dovrebbe stare per ora.

Tel Aviv, Israele – Cinque mesi dopo il terribile incidente della funivia e un mese e mezzo dopo che Eitan è stato trasportato segretamente in Israele, un tribunale israeliano ha stabilito che Eitan deve tornare in Italia. Per sua zia Aya, la sorella della sua defunta madre.

Suo nonno Shmuel Peleg, che lo ha portato in Israele su un jet privato in un’operazione segreta, ha dovuto pagare 19.000 euro di spese processuali. Durante il processo, Aya Biran-Nirko ha chiesto al bambino di sei anni di tornare in Italia. In precedenza era stato nominato tutore del bambino.


Il nonno di Eitan Shmuel Peleg in tribunale

Il nonno di Eitan Shmuel Peleg in tribunaleFoto: JACK GUEZ / AFP


Eitans Zia Aya Biran-Nirko

Eitans Zia Aya Biran-NirkoFoto: JACK GUEZ / AFP

Eitan è nato in Israele, secondo i media, ma i suoi genitori si erano trasferiti con lui in Italia poco dopo la sua nascita. Pertanto, ha passaporti israeliani e italiani. La zia aveva parlato del procedimento secondo cui Pavia di Lombardia era la casa di un ragazzo che avrebbe dovuto iniziare la scuola in Italia a settembre.

Secondo i rapporti, la famiglia di sua madre che vive in Israele crede che i suoi genitori stiano pianificando specificamente di tornare in Israele. Hanno cercato una scuola per il ragazzo e hanno cercato di acquistare un appartamento con i sussidi del governo. Il ragazzo deve crescere in Israele.

Il giudice ha scritto nella sua motivazione: “L’11 settembre, quando il nonno ha avuto il diritto di visita, ha guidato la sua auto attraverso il confine dall’Italia alla Svizzera senza che la zia Eitan lo sapesse o il consenso. Da lì ha volato Eitan in Israele su un aereo privato precedentemente noleggiato. La zia ha quindi aspettato alle 18:30 che Eitan tornasse come concordato. Alle 8 di sera ha ricevuto un messaggio dal nonno che diceva: ‘Il piccolo è a casa adesso'”.

Secondo il giudice, l’affermazione del nonno che Israele fosse il centro della vita di Eitan era sbagliata. “Il minore, ora di sei anni, si è trasferito in Italia con la famiglia quando aveva un mese”.


La cabina è caduta da più di 50 metri, uccidendo 14 persone

A maggio, la domenica di Pentecoste, 14 persone sono morte a causa della rottura di un cavo di una funivia nella regione settentrionale italiana del Piemonte e di una gondola che è caduta a più di 50 metri da una collina.Foto: azione stampa

L’avvocato di zia Eitan ha detto: “Siamo soddisfatti del verdetto. Ma qui non ci sono né vincitori né vinti. C’è solo Eitan. Tutto quello che volevamo era che Eitan tornasse a casa velocemente. Ai suoi amici di scuola e alla sua famiglia. E soprattutto tornare alle cure terapeutiche e all’educazione di cui ha disperatamente bisogno in questo momento”.

Nella sua decisione, la corte ha fatto riferimento alla Convenzione dell’Aia sulla sottrazione di minori, un trattato internazionale firmato da Israele e Italia. Questo ha lo scopo di proteggere i bambini dal rapimento o dalla deportazione in altri paesi. Dispone inoltre che i bambini vengano restituiti allo stato in cui si trovavano e a cui erano abituati il ​​prima possibile. Quando questo è accaduto nel caso Eitan minore non è indicato nei documenti del tribunale.


Infografica: Incidente della funivia sul Lago Maggiore

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.