EC (W): Gruppo C – Italia non preoccuparti, la Croazia vive nella speranza

Con la sfida tra Croazia e Svizzera a Zara, giovedì prende il via la competizione del Gruppo C del 32° Campionato Europeo di pallavolo femminile. Come previsto, la squadra di casa ha avuto più successo nella sala “Višnjik”, ha registrato la sua prima vittoria e ha fatto il primo passo verso il posto nell’ottava finale. A giudicare dalla composizione del girone, è molto realistico se i polli di Daniele Santarelli verranno inseriti tra le 16 migliori squadre del Vecchio Continente.

GRUPPO C – Zara

CROAZIA

Imago Sport

Gli organizzatori del 32° Campionato Europeo di Pallavolo non hanno nascosto le loro grandi ambizioni prima dell’inizio della competizione. La prima speranza di tutti è quella di qualificarsi per i quarti di finale, e i più audaci menzionano timidamente nel loro comunicato la lotta per una delle medaglie, che la Croazia non ricorda dal 1999. Nella loro 14esima apparizione agli Europei, hanno anche un gruppo in particolare, dove praticamente solo gli italiani sono migliori di loro sulla carta. Tuttavia, dovresti sapere che nella seconda fase della competizione, il Gruppo C Zara incrocerà le strade con il Gruppo A Belgrado, e già nell’ottava finale, e soprattutto nei quarti di finale, avremo molte grandi partite. Samantha Fabris di Pola è stato il primo nome della selezione croata, che si aspettava molto anche dalla ragazza grande, Laura Miloš, ora membro del Saint Raphael France, e c’era anche la bravissima Božana Butigan. Insieme alle esperte Beta Dumančić, Matea Ikić e Nicolina Božićević, e nella sollevatrice Klara Peri, l’esperta italiana Daniela Santarelli ha abbastanza assi per ottenere un buon risultato. Due anni fa, la Croazia ha raggiunto gli ottavi prima della Turchia. Dopo un grande combattimento, erano 2:3.

SVIZZERO

La squadra svizzera giocherà per la quinta volta nella storia del Campionato Europeo. Un paese molto più noto per i suoi club di pallavolo, il Voler di Zurigo, si è qualificato per l’EURO per la seconda volta consecutiva.

READ  Adele ha comprato la villa di Sylvester Stallone a Beverly Hills
Pallavolista bulgaro
Pallavolista turco

Due vittorie contro l’Estonia nel girone bastano per un posto all’Europeo. Tuttavia, la Svizzera apparteneva al gruppo degli outsider, quindi tutti hanno dato loro una “lanterna” nel gruppo C prima dell’inizio della competizione. Hanno lasciato una forte impressione giovedì contro la Croazia, ma la domanda è se riusciranno a vincere questo torneo con una partita del genere, che nel loro caso segnerà la storia. I giocatori più importanti della squadra, guidata dalla panchina dall’olandese Johanna van Hintum, sono il correttore Maja Stork, un membro di Dresda e l’addetta al servizio Laura Kincher, che giocherà a Wiesbaden la prossima stagione.

BIELORUSSIA

Nazionale di pallavolo femminile della Bielorussia
Foto: CEV

Oggi, con la sfida contro l’Italia, la Bielorussia inizierà la sua decima partecipazione all’Europeo. I rappresentanti della scuola di pallavolo russa di solito non sono noti a tutti prima dei campionati più importanti, perché possono giocare dallo splendore alla disperazione. Il loro settimo posto quattro anni fa a Baku è stata una grande sorpresa, ma due anni dopo rimangono dietro al tavolo, al 22° posto. La Bielorussia ora è guidata dalla panchina da Stanislav Salikov, che ha sostituito Petra Hilka, e l’impressione è che questo cambiamento abbia portato molte cose buone. Il capitano Tatjana Markevich è in servizio, che aiuterà sia Ana Klimec che il grande centrocampista Nadežda Stoljar. Se i dadi corrispondono, la Bielorussia giocherà sicuramente agli ottavi di finale. Quest’anno, oltre a qualificarsi con successo per l’Europeo, hanno giocato anche nella CEV Gold League, dove hanno raccolto due vittorie nel girone, sufficienti per il terzo posto.

ITALIA

Il vicecampione del mondo e medaglia di bronzo agli Europei è poi rimasto deluso dopo la prestazione di Tokyo e la sconfitta contro la Serbia nei quarti di finale del torneo olimpico. Non c’è dubbio che la squadra di Davide Macanti farà di tutto per arrivare in finale a Belgrado, per poi vendicarsi degli attuali dominatori europei, per la sconfitta all’Ariake Arena.

READ  Vorrei che gli italiani lo festeggiassero solo la sera

Per quanto riguarda il gruppo di Zara, l’Italia lì non dovrebbe avere problemi. Attese le cinque vittorie di Azzurrino e le varie combinazioni di tecnici italiani in formazione titolare. In questo Europeo, a differenza delle Olimpiadi, l’Italia non conta sull’infortunata Catherine Boseti, ma anche sugli “stanchi” Indra Sorocaite e Rafael Foley… Ci sono diverse nuove squadre giovanili, che Macanti spera possano dare un contributo significativo. La prima stella della squadra è ancora Paola Egonu, e una prova importante saranno i destinatari del servizio – Pietrini, Sila, Genari, D’Odorico, e sembra che la chiave del successo per il popolare azzurro sia proprio nel loro gioco. Questa sarà la 26esima presenza dell’Italia in Coppa dei Campioni. Hanno due d’oro, due d’argento e tre di bronzo nel tesoro della coppa, quindi sono al sesto posto nell’elenco perpetuo.

ungherese

Nazionale di pallavolo femminile dell'Ungheria
Foto: CEV

Per la quarta volta consecutiva, e per la 18esima nella storia, l’Ungheria parteciperà al Campionato europeo di pallavolo femminile. Lo sport, che prospera con i nostri vicini del nord, sta registrando risultati sempre migliori a livello di club, ma l’impressione è che anche loro non abbiano una buona prestazione rappresentativa, quindi la storia sarà completa. Nel girone di qualificazione, l’Ungheria è arrivata seconda nella competizione tra Francia, Israele e Danimarca, con un quoziente in punti solo leggermente peggiore rispetto alla Francia. Con l’esperto polacco Jakub Glušak, che ha allenato il Vasas per molti anni, potrebbero arrivare agli ottavi di finale in questo campionato, ma molto dipende dalla prima partita contro la Slovacchia. La stella della squadra è la 30enne capitana Greta Sakmar, membro dello Schwerin tedesco e una delle tre nazionali. Tuttavia, il gioco collettivo era quello che sperava Glušak, che avrebbe consolidato il suo già buono status nelle acque ungheresi come allenatore piazzandosi tra le 16 migliori scelte in Europa.

READ  PAOK-AEK e "eterni" in Coppa - Tutti... - Sportdog.gr - Notizie sportive | Notizia

SLOVACCHIA

Con diverse amichevoli contro Polonia, Grecia e Repubblica Ceca, le elezioni slovacche non possono essere soddisfatte, ma oggi, nella partita contro l’Ungheria, giocheranno tutto o niente, visto che una vittoria li porta agli ottavi di finale. Non c’è dubbio che sarà un torneo tosto per la Slovacchia, la cui classifica ne determina il piazzamento tra gli ottavi. In panchina c’è forse la carta vincente più forte di questa selezione, Marco Fenoljo d’Italia, che ha guidato molti giovani giocatori italiani in questa competizione. la strada giusta per tutta la sua carriera. Con una bacchetta magica, è stata in grado di spingere “Kosekova e le sue amiche” verso Belgrado. La Slovacchia segue per la quinta volta l’Europeo, e c’è da dire che due anni fa giocava in Turchia negli ottavi, dove non poteva fare molto nella partita con l’Italia. Tuttavia, quel 12° posto è stato il più grande successo di questa selezione. Oltre a Barbora Kosekova, dovremmo prestare attenzione anche a Karin Shunderlikova, la correttore del Sovrano italiano alta 188 centimetri, ma anche Jaroslav Pencov, oltre a Maria Zhernovich.

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.