Elezioni presidenziali in Italia: Boicottaggio a cinque stelle di Berlusconi

I leader del partito di centrosinistra si sono incontrati per la prima volta mercoledì sotto la direzione del leader socialdemocratico Enrico Letta. Il Movimento Cinque Stelle, l’unico partito più forte in parlamento, vuole boicottare la candidatura dell’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

Condannato per magnate dei media per essere un candidato di destra

Letta e il suo capo a cinque stelle, l’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte, hanno discusso per due ore della situazione politica. Tuttavia, il nome del candidato comune di centrosinistra non è trapelato. Il Movimento Cinque Stelle, il partito unico più forte in Parlamento a Roma, ha riaffermato il suo potere di veto su Berlusconi. Se l’85enne magnate dei media si candida ufficialmente come candidato di centrodestra, il legislatore a cinque stelle vorrà boicottare i primi tre turni elettorali evitando di votare in plenaria. Berlusconi è stato condannato a quattro anni di carcere nel 2013 per evasione fiscale.

“Nei prossimi giorni terremo colloqui con l’alleanza di centrodestra e lavoreremo insieme per garantire all’Italia un prestigioso presidente”, ha detto Letta dopo l’incontro. Si è espresso a favore della permanenza di Mario Draghi alla carica di presidente del Consiglio. “I partiti devono proteggere Draghi perché è una risorsa importante per il Paese”, ha detto il leader socialista.

Il 24 gennaio sono iniziate le elezioni per il nuovo Capo di Stato italiano, alle quali hanno preso parte 1.009 elettori. Si tratta di 630 deputati, 315 senatori eletti, sei senatori a vita e 58 rappresentanti dei 20 territori italiani. Le elezioni a scrutinio segreto possono durare diversi giorni.

Berlusconi è stato proposto nelle ultime settimane come possibile candidato, ma è discutibile se abbia il sostegno necessario in Parlamento. Draghi avrebbe potuto vincere le elezioni al primo scrutinio, ma i partiti lo hanno sostenuto rimanendo in sella alla carica di presidente del Consiglio fino alla fine della legislatura 2013.

Per le prime due votazioni è richiesta la maggioranza dei due terzi. Dopo di che, sarà sufficiente una maggioranza semplice. L’elezione più lunga finora è stata l’elezione di Giovanni Leone nel 1971, in cui ci sono state 23 schede.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.