Elezioni presidenziali in Italia: calano le possibilità di Draghi

Elezioni presidenziali in Italia
Le possibilità di Draghi sono in calo

Chi sostituirà il Presidente uscente Sergio Mattarella? Si dice che l’attuale premier Draghi abbia le migliori possibilità. L’uomo di 74 anni è considerato un garante di stabilità. Ma non riusciva ancora a unire la maggioranza dietro di lui.

In Italia è alle porte una nuova difficile elezione presidenziale. Nessun nuovo capo di stato potrebbe essere scelto in una seconda votazione martedì, poiché nessuno dei due candidati ha raggiunto la maggioranza dei due terzi richiesta. Le prospettive per il presidente del Consiglio Mario Draghi, in precedenza considerato il favorito, sono invece torbide. Il motivo: i politici di spicco appoggiano Draghi a rimanere capo del governo alla luce della pandemia di coronavirus.

Si teme anche che la coalizione che sostiene Draghi possa andare in pezzi dopo che l’ex capo della BCE si è trasferito alla presidenza, innescando elezioni anticipate. Mercoledì ci sarà una nuova votazione – la terza – segreta nel corpo elettorale, che comprende 1.008 parlamentari e rappresentanti regionali. Nei primi tre scrutini prevale la maggioranza dei due terzi, negli scrutini successivi da giovedì è sufficiente la maggioranza assoluta per una vittoria elettorale. Solo allora ci si può aspettare un’elezione di successo.

In caso di vittoria di Draghi, occorre trovare presto un nuovo capo di governo per evitare che la terza economia dell’eurozona ricada nell’incertezza politica. Draghi attualmente guida il governo di unità nazionale. Tuttavia, ha espresso interesse a sostituire il presidente Sergio Mattarella.

Oltre a Draghi, vari altri importanti politici sono considerati contendenti per la carica. Ufficialmente, nessuno è indicato come candidato. Prima e tra le elezioni individuali, viene esplorato chi può ottenere un sostegno sufficiente. Poiché né il centrodestra né il centrosinistra hanno attualmente abbastanza voti per chiedere rappresentanti dalle proprie fila, è probabile che un accordo su un presidente venga raggiunto già giovedì.

In Italia, il capo dello Stato ha il compito, tra l’altro, di mediare le crisi politiche e di fornire soluzioni. In un paese il cui governo dura in media solo un anno circa, questa è una funzione importante. Il presidente ha l’ultima parola nella nomina del primo ministro e nomina anche altri membri del gabinetto.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.