Emmanuel Macron ei suoi colleghi dalla Germania e dall’Italia arrivano a Kiev

Presidente francese Emanuele MacronIl cancelliere tedesco Olaf Scholz e il primo ministro italiano Mario Draghi sono arrivati ​​in treno intorno alle 06:30 di giovedì. Olaf Scholz ed Emmanuel Macron sono visti sul binario della stazione, accompagnati dall’ambasciatore francese in Ucraina, Etienne di Poncins. Questa è la terza visita del leader in Ucraina dall’inizio dell’invasione russa il 24 febbraio.

Il giorno prima, mercoledì 15 giugno, Emanuele Macronil cui paese è attualmente in testa Unione europeavisitare le basi NATO in Romania: “Penso che siamo in un momento in cui noi, l’Unione europea, dobbiamo inviare un chiaro segnale politico all’Ucraina e al popolo ucraino in un contesto in cui ha combattuto eroicamente per diversi mesi”.disse durante la sua visita.

I tre uomini incontreranno il presidente ucraino Volodymyr Zelensky per discutere, oltre al supporto militare, la richiesta dell’Ucraina di entrare nell’Unione Europea. Francia, Germania e Italia la sostengono, ma in una prospettiva più o meno lontana. In un’intervista al quotidiano Bild, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha promesso di aiutare l’Ucraina “finché sarà necessario”. Durante questa visita, “Non vogliamo solo mostrare la nostra solidarietà, vogliamo anche assicurarci che l’assistenza che forniamo: finanziaria, umanitaria, ma anche in termini di armi, continui”, lui mostra.

L’Ucraina attende nientemeno che dal Vertice europeo del 23-24 giugno la decisione del Ventisettesimo sulla domanda ufficiale di adesione, l’inizio di un processo negoziale che potrebbe durare diversi anni.

Il suo presidente dovrebbe anche ribadire la sua richiesta per la consegna di nuove armi pesanti, essenziali, ha assicurato, per contrastare le armi russe.

“Con noi”

“Siamo con te, con noi”Zelensky ha detto ai legislatori cechi a Praga in teleconferenza, citando una chiamata fatta da un presentatore radiofonico cecoslovacco nel 1968 quando gli invasori sovietici hanno cercato di spegnere la radio.

“Oggi, mentre il popolo ucraino combatte per la propria libertà contro la crudele invasione della Russia, usiamo queste parole per parlare a tutti i paesi europei e al mondo democratico”Ha aggiunto.

“L’Ucraina deve avere tutte le carte in regola per ottenere la vittoria”ha colpito.

Mercoledì sera il sig. disse Zelensky “gratitudine” si è diretto negli Stati Uniti per la nuova fase degli aiuti militari che quella sera gli ha annunciato al telefono il suo omologo americano Joe Biden.

“Gli Stati Uniti hanno annunciato un nuovo rafforzamento delle nostre difese, una nuova fase di aiuti da un miliardo di dollari”Il signor Zelensky ha confermato nel suo videomessaggio quotidiano mercoledì sera.

“Voglio ringraziarvi per questo supporto, è molto importante per la nostra difesa in Donbass”L’Ucraina orientale è l’epicentro dell’attuale offensiva russa.

Gli aiuti statunitensi includevano artiglieria e proiettili aggiuntivi.

Mercoledì, il capo del Pentagono Lloyd Austin mercoledì ha invitato i suoi alleati a farlo “intensificare” spedizioni di armi in Ucraina.

“Momento cerniera”

“L’Ucraina affronta un momento cruciale sul campo di battaglia”ha detto il segretario alla Difesa Usa, nel corso di un incontro presso la sede della Nato a Bruxelles i Paesi “gruppo di contatti” creato dagli Stati Uniti per aiutare l’Ucraina. “Pertanto, dobbiamo intensificare il nostro impegno comune” e “raddoppiamo i nostri sforzi in modo che possa difendersi”Ha aggiunto.

Zelensky ha detto di aver parlato anche con il primo ministro britannico Boris Johnson, che ha twittato il suo sostegno all’Ucraina “fino all’ultima vittoria”.

E oltre il Donbass, nell’Ucraina orientale, che è stato oggetto di giorni di aspri combattimenti tra le forze russe e ucraine.

Dopo l’interruzione dell’offensiva a Kiev a marzo, le forze separatiste filo-russe e russe, che controllano parti di questa zona industriale dal 2014, si sono prefissate l’obiettivo di prendere il controllo completo.

“Il nemico ha concentrato la sua principale potenza di attacco nel nord della regione (Lugansk) e sta cercando di attaccare da nove direzioni contemporaneamente”Lo ha detto il capo del comando delle forze armate ucraine.

Città principali

I combattimenti si erano concentrati per diversi giorni a Lyssychantsk e Severodonetsk, le due città principali del Donbass. Le autorità ucraine hanno ammesso nei giorni scorsi che le loro truppe sono state cacciate dal centro della città di Severodonetsk e hanno solo “linee di comunicazione complicate” con loro dopo la distruzione di tutti i ponti per Lysychansk.

“Severodonetsk è un elemento strategico nel nostro sistema di difesa nella regione di Luhansk. La città non può essere considerata diversamente”ha ricordato mercoledì sera il comandante in capo dell’Ucraina.

Secondo il sindaco di Severodonetsk Oleksandre Striouk, le truppe ucraine sono principalmente trincerate nell’impianto chimico di Azot, un simbolo della città di circa 100.000 abitanti prima della guerra, con oltre 500 civili a bordo.

Mosca martedì ha proposto a “corridoio dell’umanità” che consentirebbe l’evacuazione di questi civili nel territorio controllato dalla Russia, ma Kiev non lo ha confermato.

La Russia mercoledì ha accusato le forze di Kiev di impedire l’operazione.

Sul fronte diplomatico, in un momento in cui Stati Uniti ed Europa stanno convergendo attorno all’Ucraina, il presidente cinese Xi Jinping ha ribadito mercoledì la sua vicinanza al suo Paese. ” vecchio amico “ Vladimir Putin, a rischio di affaticare i rapporti tra Pechino e l’Occidente.

Le Nazioni Unite sono preoccupate per le conseguenze della crisi alimentare causata dall’invasione russa dell’Ucraina. Se il mondo non riesce ad arginare questa crisi, il record di 100 milioni di sradicati aumenterà di un altro“molte persone”ha avvertito l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati, Filippo grandi Italia.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.