Eni, controllata dal governo italiano, ha acquistato da BP la sua partecipazione in due progetti gas algerini

La società energetica Eni, di cui l’Italia detiene circa il 30%, ha raggiunto un accordo con BP per rilevare l’attività di esplorazione e produzione (“upstream”) in Algeria, che comprende due partecipazioni in due distinti progetti di gas naturale, la società britannica riportato in una dichiarazione.

Bp non ha reso noto l’importo della transazione, ma il vicepresidente senior per Egitto, Algeria e Libia, Karim Alaa, ha sottolineato che “Eni è in una buona posizione per lavorare con partner e governi”.

In particolare, Eni acquisirà il 33,15% del progetto In Salah e il 45,89% del progetto In Amenas. Entrambi sono gestiti da una “joint venture” di proprietà di Equinor e Sonatrach, a parte Eni d’ora in poi.

“BP ha lavorato con successo con l’Algeria e i nostri partner per quasi 30 anni, sviluppando e supportando le operazioni di due importanti progetti gas nel Paese. Riteniamo che questo accordo rappresenti un buon risultato per BP, per Eni e per l’Algeria”, dirigente di BP Lo ha indicato il vicepresidente responsabile del gas e dell’energia a basse emissioni di carbonio, Anja-Isabel Dotzenrath.

Nel 2021 la produzione dei due progetti sarà di 11.000 milioni di metri cubi di gas e 12 milioni di barili di condensato e gas di petrolio liquefatto. Consumo annuo di gas naturale in Italia

A luglio, i governi di Italia e Algeria hanno firmato una serie di accordi sull’energia e la lotta alla corruzione, alla luce della visita ufficiale del Primo Ministro italiano Mario Draghi in Algeria.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.