Erroneamente sottovalutato: agricoltore part-time | BR24

La maggior parte degli agricoltori part-time in Baviera coltiva solo grano o, francamente, coltiva 15/8 dopo il lavoro e nei fine settimana. Tuttavia, molti degli agricoltori part-time spesso sottovalutati forniscono un ottimo servizio alla società e all’ambiente. Più spesso degli agricoltori a tempo pieno, si prendono cura di razze di bestiame in via di estinzione o di colture rare. Spesso sono gli ultimi a coltivare patate nel villaggio e quindi contribuiscono all’approvvigionamento alimentare locale. Coltivano aree che non sono utili per la grande agricoltura e quindi preservano i paesaggi culturali o le aree di conservazione della natura.

La tendenza al part-time

La quota di agricoltori a tempo parziale in agricoltura è in aumento. Due delle tre fattorie in Baviera sono ora fattorie part-time. Nel complesso, anche il loro numero è diminuito, ma non tanto quanto le fattorie a tempo pieno.

Nelle statistiche ufficiali, un’impresa è considerata un’attività a tempo pieno se più della metà del reddito totale proviene dall’agricoltura e almeno tre quarti della forza lavoro sono disponibili. Altri sono “lavoratori a margine”. Per molti estranei, l’agricoltura part-time suona come: avere la possibilità di scegliere tra almeno due professioni, essere in grado di combinare il meglio da diversi ambienti di lavoro, non dover fare matematica e avere un hobby. Ma è davvero così?

Consulente energetico con prati scoscesi

Sebastian Uhlemair di Rettenberg nell’Oberallgäu è un falegname qualificato e ha studiato ingegnere tecnico edile. Lavora come consulente energetico autonomo per imprese commerciali e agricole e come agricoltore part-time. Il ranch si trova in una posizione appartata al centro di una strada collinare con burroni. Il ranch copre 28 ettari di pascolo e ulteriore area forestale. Metà del prato è così ripida che non puoi cavalcarlo – non c’è molta scelta per gli agricoltori.

Le corna di vacca come pilastro del reddito

Sebastian Uhlemair ingrassa mucche con le corna da diversi anni. Ciò significa che acquista – francamente – i vitelli “avanzi” da allevatori biologici della regione, per poi dar loro da mangiare fino a quando non sono pronti per la macellazione. In estate nel prato, in inverno nel fienile. Questo tipo di ingrasso del bestiame non ha eguali in termini di sostenibilità. Perché i tori degli allevamenti da latte verranno trasportati in Spagna o in Italia per l’ingrasso intensivo nei magazzini. Nel frattempo, l’area di modelli ecologici dell’Oberallgäu sta cercando di stabilire “Allgäu ox horn” come prodotto premium. “Ho fatto questo su piccola scala qui per molto tempo, solo per fede”, ha detto Sebastian Uhlemair con un sorriso. Contadino part-time come pioniere: puoi vederlo ancora e ancora.

Fagioli neri dell’Algovia per l’Algovia

Konrad Specht di Kammlach nella Bassa Algovia ha iniziato a coltivare fagioli neri due anni fa. Per fare il tempeh. Il tempeh è un legume a fermentazione speciale: il metodo per produrlo è originario dell’Indonesia e ora è in fase di sviluppo anche in Allgäu. A 30 chilometri da Kammlach, a Günzach, un’azienda produce tempeh biologico su larga scala. Anche tempeh a base di fagioli neri. Finora sono stati acquistati dall’Asia. Konrad Specht pensava che potessero essere piantati anche a Kammlach. E prova. Ma per il tempeh hai bisogno di fagioli interi e questo è il punto.

Sfida per gli agricoltori part-time: le noci sono rotte

Alle domande “Dove posso trovare i semi?”, “Quali varietà sono adatte al nostro clima?”, “Come coltivare i fagioli?” Konrad Specht ha trovato risposte negli ultimi due anni. L’ex capo di un’impresa di costruzioni in metallo, che ha riattivato la fattoria dei suoi genitori dopo un grave infarto, vive di rendita da locazione.

I picchi coltivano cereali rari come il grano integrale e il grano nudo. Dan ha seminato fagioli neri su un acro a maggio di quest’anno, anche se ancora non sa perché i suoi fagioli neri non hanno superato il test di cottura. Si sono aperti. Quindi non è adatto come materia prima per il tempeh. Ora deve solo cercare di capire passo dopo passo dove ha sbagliato, ha detto Konrad Specht. In modo che presto ci sarà il tempeh con fagioli neri interi di Kammlach.

Studio: Il denaro non è il motivo principale

Il piacere dell’agricoltura, il mantenimento della fattoria e la libertà di lavorare in modo indipendente sono i motivi principali degli agricoltori part-time. Questo è il risultato di Indagine dell’Università di Hohenheim tra gli agricoltori part-time del Baden-Württemberg. La sicurezza economica e il reddito aggiuntivo sono motivi secondari. Gli agricoltori part-time intervistati erano più soddisfatti del loro reddito combinato, più adattavano il loro lavoro principale all’agricoltura.

Il premio per area non è molto utile per l’agricoltura part-time

La politica sta ignorando il lavoro part-time? Infatti, soprattutto le aziende molto grandi beneficiano del consueto premio regionale. Allo stesso tempo, lo sforzo burocratico per le piccole imprese è per certi versi molto elevato. Piccolo esempio: non importa se vendi un bue cornuto o 20 tori in un giorno: i rapporti al database degli animali richiedono più tempo per 20 animali rispetto a uno.

In linea di principio, i politici dovrebbero prestare maggiore attenzione alle piccole aziende agricole nei regolamenti, chiede ad esempio Alfred Enderle, presidente dell’Associazione degli agricoltori bavaresi del distretto svevo. Soprattutto se si può presumere che non danneggino l’ambiente o altri oggetti nelle loro dimensioni o con la densità degli animali presenti.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.