Eurozona: il PMI composito rallenta a marzo

Secondo un sondaggio, la crescita del business dell’Eurozona è stata stimolata il mese scorso dalla riapertura delle economie in seguito all’emergere di Omicron.

Tuttavia, i dati mostrano che l’aumento dei costi energetici e l’invasione russa dell’Ucraina minacciano la ripresa.

L’S&P Global PMI Composite, considerato un buon indicatore di “salute finanziaria”, è sceso a 54,9 punti a marzo dai 55,5 punti di febbraio, ma è rimasto al di sopra della misurazione iniziale di 54,5 punti.

“L’ulteriore apertura dell’economia dell’eurozona in mezzo alla flessione dell’Omicron ha fornito una gradita ‘coda’ all’attività commerciale a maggio, contribuendo a un’ulteriore crescita costante dopo il rallentamento di inizio anno”, ha affermato Chris Williamson, capo economista di S&P. Globale.

“Tuttavia, la resilienza dell’economia sarà messa alla prova nei prossimi mesi da problemi che comportano ulteriori aumenti dei costi dell’energia e di altri prezzi delle materie prime a causa dell’invasione russa dell’Ucraina”.

Il PMI servizi si rafforza a 55,6 punti da 55,5 punti, superando la stima iniziale di 54,8 punti.

Tuttavia, la domanda aggregata è rallentata e gli ordini all’esportazione sono diminuiti poiché le aziende hanno aumentato i prezzi per compensare l’aumento record dei costi di input.

Pertanto, cresce la pressione sulla Banca centrale europea affinché tagli i prezzi, anche se è probabile che la crescita rallenti bruscamente.

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.